After Jericho – The new areas of psychiatry

image1

Dear members and supporters,

The Idealmente Onlus Association non-profit organization wishes you Happy Easter.

We invite you to read this book on Ethnosemiotics by Professor Francesco Galofaro, entitled

AFTER JERICHO – The new areas of psychiatry.

This is the preface.

The text by Francesco Galofaro, third issue of the series of Ethnosemiotics Notebooks, addresses a theme of powerful cultural and political impact upon which the author puts the tools of semiotics and ethnosemiotic observation to the test, in an attempt to increase the understanding and evaluative capacity of the phenomena.

As the title suggests, it discusses the new types of treatment for mental distress resulting from the closure of mental asylums under the Basaglia legislation of 1978, and inevitably inserted, to some extent and in varying ways, within the constitutive networks of everyday social life, through a fall in receptive facilities in the region and socially transparent care and support options, basically shared.

Galofaro’s analyses profit from a certain astuteness: it does not simply involve describing what occurs; what can be seen by going to the residences of those who have become “users” of social care facilities, but rather compares the various places at the moment of transformation itself or rather attempts to draw suggestions for the analysis of the appreciation ‘in vivo’ of the transformations, more or less critical, of these same places at the time of transfer from normal homes to those dedicated to vacation moments (sea and mountain), betting on the significance of the tactics of readjustment of the value of residential spatiality and on the emergence of significant evaluation of the concrete articulations of this same spatiality.

The transfers, the author tells us, are not painless and the new spaces in which a few weeks a year are spent, require a recalibration of values (which are for the most modal values) related to the appropriation of space by each individual, both user and those offering support. The spaces appear immediately as either lived-in spaces and places for privatization strategies or, conversely, communal; sharing that environment that is destined to become the world of the new daily life.

Furthermore the process combines two different approaches that become complementary for the description of the phenomena in question: on one hand Galofaro works on transcriptions of interviews and conversations with users, drawing a very important indication, that for which the analysis of verbal utterances, once focused on grammatical and enunciation choices, can easily be read as a series of declaratory gestures, real, genuine behaviours that provoke placement of individuals with respect to the spatial structures, temporal and actorial of the discourse, with identifications, sorted and put in perspective; on the other hand there is the observation of somatic behaviours, choices regarding spatial occupation, access or concealment strategies that act to reveal the value attributed to the self in the environment contemporaneously, in a situation in which to establish new inter-relationships (new neighbourhoods, new proximities, new public spaces, etc.; it involves an overall reorganization of the image in which the new portion of the world where one lands, is loaded.

An additional point of interest is that the ethnosemiotic observation enables the mutual determination game to be fully grasped, within the same enhancement dynamic, between intent, routes, actions, actorial strategies, on the one hand, and the objectified structures of space, time, rhythm, obstacles and openings, on the other.

In this way, the suggestion of a very general value is drawn, which is to place the dimension of the value as the authentic dimension for understanding subjectivization and objectification processes; processes that can in this way appear to be correlative in value, in fact, relational poles of respective constitution.

From all this one can then draw information to improve discomfort-management policies, research on the articulations of the sense for and with individual users of local health facilities, all of which, inasmuch as explicitly given as the ultimate goal of the work, it basically emerges almost necessarily, in confirmation of the fact that, more than a response to preconceived problems, changing reality draws its maximum effect from the understanding of phenomena for how they are to be read and how they open up to an in-depth analysis with “a scientific vocation”.

Francesco Marsciani, editor of the Ethnosemiotics notebooks. Associate Professor Department of Arts Scientific discipline sector: M-PHIL/ 05 PHILOSOPHY AND THEORY OF LANGUAGES Publishing company Esculapio First Edition: September 2015 Ethnosemiotics Notebooks is a scientific series. It entrusts the assessment of the quality of published works to public discussion and reviews. It does not rely on other forms of preliminary judgement (particularly anonymous), other than editorial decisions under the explicit responsibility of the Editor.

Francesco Galofaro has a PhD in Semiotics Research and is research associate member of CUBE (Centre University of Bologna, Ethnosemiotics). He teaches semiotics of design at Milan Polytechnic, Faculty of Design; Master in Design & Engineering. He is co-founder and editor of the magazine Ocula. His main areas of research are health, cultural heritage and mathematical linguistics.

For members and supporters who have read the Idealmente Onlus Association article, on the occasion of the Easter celebrations, it includes an amusing video, starring jazz dancer Vittorio Gassman and a greeting to the North East * Ska Jazz Orchestra.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Dopo Gerico – I nuovi spazi della psichiatria

image1

Cari soci e simpatizzanti

L’Associazione Idealmente onlus  augura

Buona Pasqua

 Vi invita a leggere questo quaderno di Etnosemiotica

 del  professor Francesco Galofaro  intitolato

DOPO GERICO

I nuovi spazi della psichiatria

Questa è la prefazione

Clicca qui per la traduzione in inglese ðŸ‡¬ðŸ‡§

Il testo di Francesco Galofaro, terzo numero della collana dei Quaderni di etnosemiotica, affronta un tema di forte impatto culturale e politico sul quale l’autore mette alla prova gli strumenti della semiotica e l’osservazione etnosemiotica nel tentativo di ottenere un incremento di comprensione e di capacità valutativa dei fenomeni.

Si tratta, come si evince dal titolo, dei nuovi tipi di trattamento del disagio psichico risultanti dalla caduta delle mura manicomiali, in virtù della legge Basaglia del ’78, e inevitabilmente inseriti, in una qualche misura e secondo modalità variabili,  all’interno delle reti costitutive della socialità quotidiana, attraverso strutture ricettive calate nel territorio e apparati di cura e sostegno socialmente trasparenti e tendenzialmente condivisi.

L’analisi di Galofaro profitta di un’astuzia: non si tratta di descrivere semplicemente quel che avviene, quel che si può osservare recandosi nei luoghi di residenza di quelli che sono diventati “utenti” delle strutture di cura, bensì di mettere in comparazione tra loro luoghi diversi nel momento della trasformazione stessa, ovvero di tentare di trarre suggerimenti per l’analisi dell’apprezzamento in vivo delle trasformazioni, più o meno critiche, di questi stessi luoghi al momento del trasferimento dalle case abituali a quelle dedicate ai momenti di villeggiatura (mare e  montagna), scommettendo sulla rilevanza delle tattiche di riaggiustamento del valore della spazialità abitativa e sull’emergenza di valorizzazioni significative delle articolazioni concrete di questa stessa spazialità.

I trasferimenti, ci dice l’autore, non sono indolori e i nuovi spazi in cui trascorrere alcune settimane all’anno richiedono una nuova taratura dei valori (che sono per più valori modali) legati all’appropriazione di porzioni di spazio da parte di ciascuno, sia dal lato dell’utenza che da quello degli addetti all’assistenza. Gli spazi appaiono immediatamente come spazi del vissuto e luoghi per strategie di privatizzazione o, al contrario, messa in comune, condivisione, di quell’ambiente che è destinato a diventare mondo della nuova quotidianità.

Il procedimento, inoltre, accosta due diversi approcci che diventano complementari per la descrizione dei fenomeni in questione: da un lato Galofaro lavora sulle trascrizioni di interviste e conversazioni con gli utenti, traendone un’importantissima indicazione,  quella per la quale l’analisi degli enunciati verbali, una volta orientata sulle scelte di tipo grammaticale e enunciazionale, può essere facilmente letta come una serie di gesti enunciativi, comportamenti veri e propri che producono posizionamenti dei soggetti rispetto alle strutture spaziali, temporali e attoriali del discorso,  con identificazioni, scarti e messe in prospettiva; dall’altro lato è l’osservazione dei comportamenti somatici, le scelte di occupazione spaziale, di strategie di accesso o occultamento,  che diventano rivelatrici del valore attribuito al sé all’ambiente al contempo, in una situazione in cui il costituirsi di relazioni intersoggettive nuove (nuovi vicinati, nuove prossimità, nuovi spazi pubblici, ecc. ) comporta un riassetto complessivo dell’immagine di cui si carica la nuova porzione di mondo in cui ci si trova calati.

E, ulteriore elemento di interesse, l’osservazione etnosemiotica permette di cogliere appieno il gioco di reciproca determinazione, all’interno di una stessa dinamica di valorizzazione, tra gli intenti, i percorsi, le azioni, le strategie degli attori, da un lato, e le strutture oggettivate degli spazi, dei tempi, dei ritmi, degli ostacoli, dei varchi, dall’altro.

In questo modo si trae il suggerimento di valore assai generale, che consiste nel porre la dimensione del valore come la dimensione autentica per comprendere i processi di soggettivazione e di oggettivazione, processi che  possono in questo modo apparire come correlativi nel valore, appunto, poli di relazioni di costituzione rispettiva.

Che da tutto questo si possano poi trarre indicazioni per migliorare le politiche di gestione del disagio, che la ricerca sulle articolazioni del senso per e con i soggetti utenti delle strutture sanitarie locali, tutto ciò, per quanto esplicitamente posto come scopo ultimo del lavoro, emerge in fondo quasi  necessariamente, a riprova del fatto che, più che una risposta a problemi precostituiti, la modifica del reale trae il massimo del suo senso dalla comprensione dei fenomeni per come si danno a leggere e per come si aprono ad un’analisi approfondita “a vocazione scientifica”.

Francesco Marsciani, direttore dei quaderni di Etnosemiotica.

Professore associato.

Dipartimento delle Arti

Settore scientifico disciplinare: M-FIL/05 FILOSOFIA E TEORIA DEI LINGUAGGI

Società editrice Esculapio

Prima edizione: settembre 2015

Quaderni di Etnosemiotica è una collana scientifica. Affida la valutazione della qualità dei lavori pubblicati alla discussione pubblica e alle recensioni. Non si affida ad altre forme di giudizio preliminare (in particolare anonime), che non siano le decisioni editoriali sotto la responsabilità esplicita del direttore.

Francesco Galofaro è Dottore di Ricerca in Semiotica e ricercatore membro di CUBE (Centro Universitario Bolognese di Etnosemiotica). Insegna semiotica del progetto al Politecnico di Milano, facoltà di Design, laurea  specialistica in Design&Engineering. E’ co-fondatore e redattore della rivista Ocula. Le sue principali aree di ricerca: salute, cultural heritage, linguistica matematica.

Per i soci e simpatizzanti che hanno letto l’articolo  l’Associazione Idealmente onlus, in occasione delle feste Pasquali regala un video divertente, protagonista Vittorio Gassman ballerino di Jazz. Ed invia un saluto alla

North East *Ska Jazz Orchestra

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

18 GIOVANI A RITMO DI JAZZ

locandina_NESJ-abbL’ associazione invita amici, soci e simpatizzanti a partecipare al concerto della

North East *Ska Jazz Orchestra 

che avrà luogo oggi, venerdì 22 maggio, come riportato nella locandina a fianco.

Per il suo ultimo appuntamento la rassegna MuSt si sposta al Padiglione 9 della Fiera di Udine (via Cotonificio 96, Torreano di Martignacco) per il release party di “Stompin’ & Rollin”, album d’esordio della giovane big band triveneta.

Il disco – che verrà regalato in formato digitale a chi partecipa alla serata – raccoglie dieci arrangiamenti originali di classici del jazz e dello swing interpretati nello stile giamaicano degli anni sessanta, dallo ska original al rocksteady e al reggae.

Stompin’ And Rollin’ è stato registrato presso lo Studio Jork di Capodistria (Slovenia) nel mese di marzo 2015, missato e masterizzato a The Volcano Lounge di Sherman Oaks (California) da Brian Dixon e pubblicato dall’etichetta Brixton Records (Bilbao, Spagna). In Italia sarà distribuito da Goodfellas e si potrà acquistare online in tutti gli store digitali a partire dalla prossima settimana.

Nelle registrazioni, oltre ai musicisti dell’orchestra, erano presenti anche due importanti featuring: quello di Olly Riva (Shandon, Olly Riva & The Soul Rockets) e quello di Mr. T-Bone, trombonista di Africa Unite e Bluebeaters, che sarà ospite speciale dell’evento in Fiera.

L’apertura della serata sarà affidata alla Dinamo Moska, mentre toccherà al DJ Michele Poletto (Playa Desnuda) chiudere la festa e dare appuntamento al prossimo autunno per la terza edizione di MuSt.

Prezzo dei biglietti: Interi alla cassa € 10,00 (comprensivi di download card per scaricare in anteprima l’intero disco).

Tra poco potrete ascoltare la musica del 1° CD dell’orchestra cliccando qui.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Votate il progetto Idealmente sul “dopo di noi”

civibancaVi invitiamo a sostenere il progetto “Dopo di noi” di Idealmente Onlus sul sito Progetto Civibanca 2.0, iniziativa di crowdfounding della Banca Popolare di Cividale. Per i dettagli, visitate la pagina del progetto, cliccate la parola “Vota” posta sotto il cuore e seguite le istruzioni. Grazie.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

SOLO UN SALTO E LA RAGIONE DIVENTA FOLLIA

LauroraLa protagonista di questo libro, Stefania Laurora, “Solo un salto e la ragione diventa follia” edito da Books & Company di Sergio Tani, Livorno, è una collezione di racconti e pensieri, che si affacciano alla mente della protagonista.

Stefania ha 39 anni e vive a Modena, nella prefazione così si presenta:

“Questa è la mia collezione di racconti e di pensieri, che narrano sia di quando sono capace di vivere la quotidianità, coltivando gli affetti, le emozioni, le idee, le fantasie e i ricordi, sia di quando la malattia mi toglie il senno…

Da tempo porto addosso questo fardello, arrovellandomi sul quando e sul come la ragione, fiaccata dalla sofferenza, diventi follia.

Se talora nella lotta con la malattia ho perso, riducendomi ad un’anima solitaria e disperata, altrettante volte ho vinto, rifiorendo nell’amore per la vita.”

Molte persone hanno l’abitudine di riordinare il loro vissuto mentale, e non ci si riferisce solo alla memoria, che ha proprie risorse, per fare spazio a nuovi ricordi e scartare quelli che non sono importanti. In realtà la nostra mente esprime le credenze, le emozioni, i traumi, i pregiudizi ed i valori.

Nel corso della vita ci andiamo formando una concezione del mondo e di come dovrebbero essere le cose, modelliamo un’idea di chi siamo e dove stiamo andando. Tuttavia, durante gli anni viviamo molte esperienze che possono tradursi in credenze sbagliate, in stereotipi o anche traumi.

Queste esperienze possono diventare un pesante fardello, che è necessario elaborare, per imparare ad eliminare ciò che non ci serve più. Stefania Laurora, con questa sua collezione di pensieri e racconti è diventata protagonista, ha attivato un processo di cambiamento e le sue esperienze, non negate, legate alla malattia hanno assunto un nuovo significato; le emozioni negative del passato, che esistono, non disturbano.

Questa pubblicazione, scritta con tanta passione, termina con un simbolo di speranza:

“Pare finito il tempo degli inni alla gioia, delle voragini di disperazione. Vivere mi viene naturale, come se avessi sempre saputo farlo.

Questo mio corpo non giace più accasciato in un angolo, capro espiatorio di un ‘esistenza accidentata. Non è più veicolo di sofferenza, ma si intreccia stretto con l’anima, in un abbraccio nerboruto che ogni cosa tiene insieme.

Godo della compagnia delle persone. Godo del cibo, del sonno, della fatica, delle ricompense.”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

SIAMO PARTNER DELLA NORTH EAST SKA* JAZZ ORCHESTRA

nesjo_01

nesjo_02Siamo molto felici di presentare questa orchestra, formata da giovani musicisti, che si chiama North East ska jazz orchestra, abbreviazione NESJO, che abbiamo scelto come partner dell’associazione, per avere una maggiore visibilità in Friuli Venezia Giulia e nel mondo. Questi giovani hanno scelto di presentarsi tramite la piattaforma Musicraiser, che si occupa di raccogliere fondi per nuovi talenti musicali, e di chiedere fondi per la pubblicazione del loro primo album, che comprende 10 arrangiamenti musicali di classici del jazz e dello swing interpretati nello stile jamaicano degli anni ’60, dallo ska originale al rocksteady e al reggae.

La North East Ska*Jazz Orchestra è una giovane presenza, nata nell’estate del 2012 con il desiderio di unire molte persone attive professionalmente nel panorama della musica jamaicana e afroamericana presenti nel Triveneto (Nord-Est Italia).

nesjo_03La NESJO ha suonato in Italia, Slovenia e Spagna, e in poco tempo ha ottenuto molti consensi, anche grazie alla collaborazione con due importanti esponenti dello ska e del reggae italiano: Mr. T- Bone (Africa Unite, Bluebeaters) e Furio (Pitura Freska, Ska-J).

Nella primavera del 2014 è uscito il primo E.P. “Music For Marikana”, prodotto grazie al sostegno dell’associazione Time For Africa, con la quale sono impegnati a favore della costruzione di un centro educativo-culturale nel centro di Marikana, zona mineraria del Sudafrica.

Tra poco tempo saremo in grado di farvi ascoltare il loro primo album, nel frattempo potete già ascoltare un brano registrato dai giovani musicisti.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

INCONTRI FAMILIARI IDEALMENTE ONLUS ANNO 2015

Udine, Piazza San Giacomo

Udine, Piazza San Giacomo

 

 

Prossimi incontri Idealmente onlus nella sede di Via Pozzuolo 330 a Udine

  • Giovedì 22 gennaio ore 17
  • giovedì 19 febbraio ore 16 per approvazione bilancio
  • giovedì 19 marzo ore 17
  • giovedì 23 aprile ore 17
  • giovedì 21 maggio ore 17
  • giovedì 11 giugno ore 17
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

LEGGE REGIONALE 16 OTTOBRE 2014 n. 17

LEGGE REGIONALE 16 OTTOBRE 2014 n 17

Pdf – Legge regionale n. 17 del 16 ottobre 2014

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Regolamento FAP 2014

Regolamento di attuazione del Fondo per l’autonomia possibile e per l’assistenza a lungo termine di cui all’articolo 41 della legge regionale 31 marzo 2006, n. 6 (Sistema integrato di interventi e servizi per la promozione e la tutela dei diritti di cittadinanza sociale)

Pdf – Regolamento FAP Fondo autonomia possibile 2014

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

GIOVANNI MORO: CONFERENZA SUL NON PROFIT

Udine negozio di Via MagriniIl mondo del volontariato, del non profit e del mondo cooperativistico in Friuli-Venezia Giulia è un settore variegato e molto ricco di esperienze. Necessita, allo stesso tempo, di rinnovate strategie e di nuovi strumenti organizzativi e amministrativi, per rispondere con efficienza ed efficacia a nuovi scenari.

Questo argomento è stato approfondito il 19 settembre scorso al Centro Culturale Paolino D’Aquileia a Udine dal sociologo e politico Giovanni Moro, figlio di Aldo Moro, lo statista ucciso dalle Brigate rosse, invitato dal Partito Democratico. Il libro che ha scritto, dal titolo Contro il non profit, fornisce una prospettiva critica su questa realtà, sempre più importante, ma conosciuta poco dal vasto pubblico.

 

COSA È IL TERZO SETTORE?

E’ l’ambito più dinamico dell’economia italiana. Mentre, infatti, diminuisce il numero delle istituzioni pubbliche, come effetto di interventi normativi, e delle persone in esse occupate, con una contrazione dell’11,5% del personale in dieci anni, e le imprese registrano una crescita molto contenuta, con un aumento di unità pari al 4,5%, sono proprio le organizzazioni non profit a segnare un successo in termini di crescita delle unità giuridiche e degli addetti. Più 28% dal 2001 e più 39,4% di lavoratori, per quanto riguarda le istituzioni con addetti.

Questa è la sintesi del “Nono censimento industria e servizi, istituzioni e non profit: un paese in profonda trasformazione” presentato l’11 luglio 2013 dall’Istat (qui tutti i dati). Un lavoro complesso e approfondito che ha coinvolto grandi numeri: 300mila organizzazioni non profit, 13mila istituzioni pubbliche e un campione di 260mila imprese.

IMG_6900Udine (24)Quali sono le categorie che fanno parte del Terzo settore? Sono associazioni, comitati, cooperative, fondazioni, enti religiosi, che non esauriscono ancora il cosiddetto “universo”. Ci sono dentro partiti politici, sindacati, università, ospedali, club sportivi; insomma una giungla, classificata in elenchi e registri custoditi nei luoghi più disparati, dall’Agenzia delle Entrate agli enti locali, dalle Camere di commercio al Ministero degli esteri. Le categorie scelte dall’Istat per il censimento sono state quattordici: i quattro quinti sono associazioni, seguono partiti e sindacati, enti ecclesiastici, cooperative sociali, scuole, fondazioni, enti sanitari.

Che cosa hanno (o dovrebbero avere) in comune queste categorie? Due aspetti fondamentali: la natura privata, ma soprattutto il divieto di distribuire profitti ai soci. Dunque il guadagno è perfettamente lecito anche nel terzo settore, basta che non vada ad arricchire singoli individui.

Nel 2011, inoltre, uno studio condotto dall’Istat insieme al C.n.e.l., Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, ha stimato il valore economico del lavoro svolto dai volontari in 7,8 miliardi di euro, corrispondente a 702 milioni di ore l’anno. Tra gli obiettivi del censimento 2011, oltre al registro statistico delle organizzazioni non profit, già previsto nel 2001, c’è una novità importante: contribuire alla nascita del conto satellite, raccomandato dalle Nazioni Unite. Si tratta di una sezione della contabilità nazionale dedicata al non profit, che vedrà così valorizzato il suo contributo al Prodotto interno lordo (Pil) del nostro Paese.

Per un confronto con i dati regionali del Friuli-Venezia Giulia potete accedere allo studio dell’Irsses, Istituto regionale per gli studi di Servizio Sociale, nel quale si evidenziano i dati del non profit: in regione il 3% degli occupati trova lavoro in questo settore, nel quale operano 238 cooperative sociali, 1.323 organizzazioni di volontariato, 513 associazioni di promozione sociale e circa 100 fondazioni.

 

RELAZIONE GIOVANNI MORO

Alcune argomentazioni esposte nella pubblicazione chiariscono le criticità di questo universo complesso. L’autore cerca di definire il non profit ed il valore sociale di queste organizzazioni. La definizione di non profit nacque da un gruppo di ricercatori dell’Università americana di Baltimora negli anni ’80, che mirava a collocare questo insieme di organizzazioni né pubbliche né private nella mappa economica del mondo E’ quindi un fenomeno recente, sviluppatosi negli ultimi 40 anni. Non esiste il non profit come fenomeno unitario.

Le Nazioni Unite inserirono questa classificazione nei loro sistemi ufficiali, che in seguito venne adottata dagli istituti di statistica di tutto il mondo. Le organizzazioni vennero quindi definite come “non profit”, ossia che non generano profitto. Tutte le attività che non erano commerciali, senza distinzione di categoria, vennero definite in base al fatto di non produrre utili. Questo presupposto, mal formulato fu la premessa della creazione di un insieme di organizzazioni che avevano in comune soltanto il fatto di non produrre utili, una definizione che definisce qualcosa come “non qualcosa” (non profit).

Udine 109 (1024x768)Questa classificazione, diciamo questa etichetta, adottata anche dall’Italia, ha accomunato associazioni di ogni genere, che sono riconosciute come un’unica entità portatrice di valori sociali. Secondo la teoria scientifica del “capitale sociale”, il solo fatto che le persone si mettano assieme ha già un valore in sé, non importa per che cosa ci si metta insieme (giocare a pallone o occuparsi dei malati terminali), crea un valore aggiunto.

Questa definizione si è andata affermando nel mondo grazie ad un alone di benemerenza, dovuto ad una inversione della parte con il tutto. Non importa il tipo di organizzazione, tutti “diventano buoni” e di utilità sociale. Elenchiamo qui si seguito le principali criticità di questa classificazione, riportate da Giovanni Moro:

La prevalenza delle grandi organizzazioni rispetto alle piccole: ad esempio per la raccolta dei fondi, utilizzata dalle grandi organizzazioni, che hanno una notevole capacità di comunicazione rispetto alle più piccole, per finanziare servizi, non si privilegia la capacità di rilevare i bisogni e risolvere i problemi , ma solo la competizione tra organismi.

La concorrenza sleale: esiste una forma di concorrenza non adeguata, tra il profit ed il non profit: la stessa attività, esercitata da due settori, non ha la stessa tassazione. E molto spesso si ingenera confusione, perché, ad esempio nei circoli sportivi, sia nei locali che nei servizi non si vede la distinzione tra attività commerciale e non profit; inoltre, se consideriamo una gara d’appalto tra una cooperativa sociale e un’associazione di volontariato, costatiamo che le due realtà non sono sullo stesso piano, poichè concorrono con un diverso costo del lavoro.

Il cinque per mille: se si scorre la lista di chi ha ricevuto il cinque per mille si trovano associazioni che hanno ricevuto ingenti cifre soltanto perché gestiscono centri di assistenza fiscale…nei quali si deve indicare a chi destinare il cinque per mille. Sono associazioni di volontariato?

Primato dei servizi rispetto all’advocacy ;il termine advocacy significa, per le associazioni di volontariato, patrocinare attivamente la causa con azioni mirate ed un approccio ampio e trasparente; significa sviluppare strategie per orientare l’attività ed influire sui processi decisionali. Il settore pubblico, invece, allo stato attuale, privilegia l’affidamento e la gestione dei servizi , con convenzioni al non profit con l’intenzione di esternalizzare i costi ed aggirare i blocchi dell’assunzione della pubblica amministrazione. Quasi la metà della spesa sociale dei grandi comuni è affidata a convenzioni, che determinano, così, bassa qualità del lavoro e rapporti conflittuali.

Professionalità dei dirigenti orientata al profit: non esiste differenza tra i dirigenti orientati al profit ed al non profit, che hanno lo stesso trattamento economico : un’anomalia, che indica come vi sia la necessità di ordinare l’intero comparto.

Qui di seguito potete ascoltare la conclusione dell’intervento di Giovanni Moro:

http://www.idealmenteonlus.it/wp-content/uploads/2014/12/giovannimoro_noprofit_udine_2014.mp3

 

NUOVE STRATEGIE E NUOVE SFIDE

Dopo quanto è stato illustrato è banale affermare che sia indispensabile mettere mano a una riforma generale di tutto il settore; che sia necessario conoscere quali siano i bisogni delle associazioni; che vi sia condivisione, rispettando i propri ruoli.

Si sostiene da più parti la necessità di ridefinire i compiti e le funzioni dell’ente pubblico, del privato e del complesso mondo del non profit, per innescare un processo dinamico che dia ordine e struttura ad un universo che necessita di una cabina di regia forte. Solo così si avrà una equa ed armonica distribuzione delle risorse e si potranno condividere progetti che abbiano impatto sulla cittadinanza e ne aumentino il capitale sociale. Le associazioni aspettano.

Adv

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail