Iniziative Idealmente
Foto Friuli

Archivio di marzo 2003

Legge regionale 7 marzo 2003, n. 6

Riordino degli interventi regionali in materia di edilizia residenziale pubblica.

CAPO I Tipologia degli interventi Art. 1 (Obiettivi dell’azione regionale nell’edilizia residenziale pubblica) 1. La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia promuove l’acquisizione della prima casa in proprieta’ e sostiene lo sviluppo dell’edilizia abitativa e il mercato delle locazioni a uso abitativo mediante gli interventi di cui all’articolo 2. Art. 2 (Interventi regionali nell’edilizia residenziale pubblica) 1. Per i fini di cui all’articolo 1, la Regione interviene a favore delle seguenti azioni: a) edilizia sovvenzionata; b) edilizia convenzionata; c) edilizia agevolata; d) sostegno alle locazioni. Art. 3 (Edilizia sovvenzionata) 1. Per edilizia sovvenzionata si intendono gli interventi diretti alla costruzione, all’acquisto o al recupero di abitazioni da destinare alla locazione a favore della generalita’ dei cittadini. Gli interventi di edilizia sovvenzionata sono attuati dalle Aziende territoriali per l’edilizia residenziale (ATER). Il patrimonio immobiliare dell’edilizia sovvenzionata e’ gestito dalle ATER, ai sensi dell’articolo 4, comma 2, lettera d), della legge regionale 27 agosto 1999, n. 24 (Ordinamento delle Aziende territoriali per l’edilizia residenziale, nonche’ modifiche ed integrazioni alla legge regionale 75/1982 ed ulteriori norme in materia di edilizia residenziale pubblica). Art. 4 (Edilizia convenzionata) 1. Per edilizia convenzionata si intendono gli interventi diretti alla costruzione, all’acquisto o al recupero di abitazioni da destinare alla vendita, assegnazione o locazione a favore della generalita’ dei cittadini, posti in essere con benefici o agevolazioni previsti da leggi statali o regionali o da disposizioni dell’Unione europea o di altri organismi internazionali, nonche’ di enti pubblici, e per i quali apposite convenzioni con i Comuni determinano il prezzo di cessione o assegnazione e i canoni di locazione. Gli interventi di edilizia convenzionata sono attuati dalle ATER, dalle cooperative edilizie e loro consorzi e dalle imprese. Art. 5 (Edilizia agevolata) 1. Per edilizia agevolata si intendono gli interventi diretti alla costruzione, all’acquisto o al recupero di abitazioni da destinare alla generalita’ dei cittadini, posti in essere con i benefici e le agevolazioni previsti da leggi statali o regionali o da disposizioni dell’Unione europea o di altri organismi internazionali, nonche’ di enti pubblici, non regolati da convenzione. Gli interventi di edilizia agevolata sono attuati dai privati. Art. 6 (Sostegno alle locazioni) 1. Per sostegno alle locazioni si intendono le agevolazioni previste a favore di soggetti non abbienti, volte a ridurre la spesa sostenuta dal beneficiario per il canone di locazione. Il sostegno alle locazioni si attua anche attraverso l’erogazione di finanziamenti o contributi a favore di soggetti pubblici o privati che mettono a disposizione alloggi a favore di locatari meno abbienti. Art. 7 (Individuazione di particolari misure di sostegno) 1. La Regione, attraverso i regolamenti di cui all’articolo 12, determina particolari misure di sostegno per l’accesso all’abitazione da parte di soggetti in condizioni di debolezza sociale o economica tra cui: a) anziani; b) giovani coppie, con o senza prole, e soggetti singoli con minori a carico; c) disabili; d) famiglie in stato di bisogno o monoreddito o numerose o con anziani o disabili a carico; e) soggetti destinatari di provvedimenti esecutivi di sfratto o di provvedimenti di rilascio emessi da enti pubblici o da organizzazioni assistenziali; f) emigrati. 2. Con i medesimi regolamenti la Regione individua misure di sostegno per le iniziative rivolte: a) alla ristrutturazione dei centri storici, al recupero e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, alla ristrutturazione dei borghi e degli edifici rurali con i caratteri distintivi dell’architettura tradizionale cosi’ come enucleatasi nelle diverse caratterizzazioni territoriali; b) al ripopolamento delle zone rurali e montane; c) agli interventi straordinari per l’adeguamento a standard tecnologici, di servizi e di sicurezza; d) a porzioni del territorio regionale caratterizzate da particolari situazioni di disagio. 2 bis. Le Aziende territoriali per l’edilizia residenziale possono mettere a disposizione alloggi del proprio patrimonio, anche in deroga alla predisposizione delle graduatorie di edilizia sovvenzionata e/o convenzionata, fino al 10 per cento delle stesse, per la realizzazione di progetti socio-assistenziali previsti dagli strumenti vigenti della programmazione sanitaria, sociale e sociosanitaria. Art. 8 (Azioni regionali di carattere sociale) 1. Gli interventi in materia di edilizia residenziale rivolti ai soggetti di cui all’articolo 7, comma 1, si attuano in maniera coordinata con quanto previsto dalle specifiche leggi relative agli altri settori di competenza regionale. Art. 9 (Azioni regionali di sviluppo) 1. Gli interventi diretti alla ristrutturazione dei centri storici, al recupero e alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, alla ristrutturazione dei borghi e degli edifici rurali con i caratteri distintivi dell’architettura tradizionale cosi’ come enucleatasi nelle diverse caratterizzazioni territoriali sono attuati attraverso il riconoscimento di incrementi delle provvidenze pubbliche e attraverso il finanziamento di specifici programmi costruttivi, orientati al recupero e alla riduzione della sottoutilizzazione del patrimonio edilizio privato esistente nelle aree di maggior degrado. 2. Gli interventi diretti al ripopolamento delle zone rurali e montane sono attuati attraverso il finanziamento di programmi di recupero, di riutilizzazione, di costruzione e di acquisto del patrimonio edilizio. 3. Gli interventi straordinari di adeguamento a standard tecnologici, di servizi e di sicurezza, diversi da quelli previsti dalla legge 9 gennaio 1991, n. 10 (Norme per l’attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell’energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia), per iniziative di risparmio energetico, sono attuati attraverso contributi riservati all’edilizia residenziale pubblica, nonche’ all’edilizia privata. 4. Le linee di intervento indicate ai commi 1, 2 e 3 possono essere assunte quali priorita’ nella soddisfazione dei bisogni e/o per differenziare le misure degli importi da destinare alle agevolazioni, all’atto dell’adozione della deliberazione di cui all’articolo 11, comma 3. CAPO II Disciplina delle funzioni Art. 10 (Forma delle agevolazioni regionali) 1. L’Amministrazione regionale e’ autorizzata a concedere contributi in conto capitale, contributi in conto interessi e anticipazioni nonche’ contributi a sostegno degli oneri di cui all’articolo 6. L’Amministrazione regionale e’ altresi’ autorizzata a concedere garanzie per favorire l’accesso alle abitazioni in locazione e l’acquisto della prima casa. 1 bis. L’Amministrazione regionale e’ autorizzata a concedere contributi in conto capitale pari agli interessi di mora maturati e non pagati, a fronte di mutui contratti dai privati antecedentemente alla data di entrata in vigore della legge regionale 4 giugno 2009, n. 11 (Misure urgenti in materia di sviluppo economico regionale, sostegno al reddito dei lavoratori e delle famiglie, accelerazione di lavori pubblici), per l’acquisto, la costruzione, il completamento della costruzione, il recupero o il completamento del recupero della casa di abitazione. 1 ter. I contributi di cui comma 1 bis sono concessi ed erogati alla banca mutuante in nome e per conto del mutuatario che, alla data di entrata in vigore della legge regionale 11/2009, non abbia pagato dall’1 luglio 2008 le rate di mutuo alle scadenze previste dai piani di ammortamento, per difficolta’ finanziarie dovute alla fruizione nei medesimi periodi degli ammortizzatori sociali. 1 quater. Entro novanta giorni dall’entrata in vigore della legge regionale 11/2009, sono definiti con regolamento ai sensi dell’articolo 12 i criteri e le modalita’ per la concessione e l’erogazione dei contributi. 2. I contributi in conto capitale possono essere concessi fino all’intero ammontare della spesa ritenuta ammissibile e possono essere erogati in unica soluzione, anche in via anticipata, oppure in piu’ soluzioni. L’erogazione in via anticipata a favore dei soggetti privati e’ subordinata alla presentazione di apposita fideiussione bancaria o polizza assicurativa di importo almeno pari alla somma da erogare, maggiorata degli eventuali interessi. 2 bis. I contributi di cui al comma 2 concessi alle ATER possono essere utilizzati anche a sollievo degli oneri di ammortamento, in linea capitale e interessi, dei mutui stipulati dalle Aziende medesime. 3. I contributi in conto interessi sono concessi in relazione a un finanziamento accordato da soggetti autorizzati all’esercizio dell’attivita’ bancaria e non possono superare l’ammontare degli interessi stessi. L’erogazione del contributo in conto interessi avviene in piu’ quote nei confronti del soggetto beneficiario sulla base del piano di ammortamento, ovvero anche mediante l’erogazione diretta al soggetto autorizzato all’esercizio dell’attivita’ bancaria. 4. Le anticipazioni sono concesse alle ATER entro la misura massima dell’intero ammontare della spesa ritenuta ammissibile e sono estinte entro il termine, comunque non superiore a trenta anni, e alle condizioni stabilite dal regolamento. Per particolari situazioni il regolamento puo’ prevedere l’applicazione di tassi agevolati ovvero la restituzione del solo capitale. 4 bis. I contributi a sostegno delle locazioni sono concessi con i criteri e le modalita’ stabiliti da apposito regolamento ai sensi dell’articolo 12. 5. La concessione di garanzie avviene con i criteri e le modalita’ stabiliti da apposito regolamento ai sensi dell’articolo 12. Art. 11 (Funzioni amministrative della Regione) 1. Gli interventi di carattere pluriennale e in conto capitale sono finanziati dal Fondo per l’edilizia residenziale, quale aggregazione finanziaria di risorse destinate al perseguimento delle politiche regionali nel settore secondo le finalita’ previste dalla presente legge. 2. La Regione, con la legge finanziaria, determina la quota annuale di finanziamento del Fondo per l’edilizia residenziale, nel quale confluiscono inoltre i rientri delle anticipazioni erogate, i proventi di eventuali mutui contratti a tal fine dall’Amministrazione regionale, i finanziamenti per l’edilizia residenziale provenienti dallo Stato, dall’Unione europea o da altri soggetti, gli incassi delle sanzioni amministrative per indebita percezione dei contributi di edilizia agevolata in applicazione dell’articolo 316 ter, secondo comma, del codice penale, le quote di contributo e i rientri delle quote di contributo non piu’ spettanti ai beneficiari dei contributi di edilizia agevolata a seguito di revoche o decadenze. 3. Entro il mese di febbraio, la Giunta regionale, sentita la Commissione consiliare competente, delibera la ripartizione delle risorse disponibili sul Fondo di cui al comma 1 tra le varie azioni di cui agli articoli precedenti. 4. L’Assessore regionale alle finanze e’ autorizzato a effettuare, con proprio decreto, le variazioni di bilancio conseguenti alla deliberazione della Giunta regionale di cui al comma 3. 5. Per incentivare l’esercizio associato da parte dei Comuni delle funzioni loro attribuite, la deliberazione della Giunta regionale di cui al comma 3 puo’ fissare, anche per singole porzioni del territorio regionale o per specifiche linee di intervento, percentuali di incremento degli importi di cui al medesimo comma 3. 5 bis. Per le finalita’ previste dal comma 1, l’Amministrazione regionale e’ autorizzata a trasferire le risorse ad istituti bancari convenzionati per la concessione da parte dei medesimi dei contributi in conto capitale pluriennale. 6. Per l’attuazione degli interventi previsti dalla presente legge, la Regione e’ autorizzata a stipulare apposita convenzione con Mediocredito del Friuli Venezia Giulia s.p.a. e a destinare una parte delle risorse del Fondo di cui al comma 1 al Fondo istituito con l’articolo 23 della legge regionale 20 aprile 1999, n. 9 (Disposizioni varie in materia di competenza regionale) per le agevolazioni dallo stesso previste, al Fondo di cui all’articolo 5, comma 4 della legge regionale 26 febbraio 2001, n. 4 (Legge finanziaria 2001), per le garanzie dallo stesso previste, nonche’ a costituire presso la predetta banca un Fondo dotato di autonomia patrimoniale e finanziaria, nella forma della gestione fuori bilancio, finalizzato alla concessione di garanzie per le locazioni. 7. La Giunta regionale riferisce annualmente al Consiglio regionale, entro il mese di novembre, sullo stato di attuazione degli interventi sostenuti dal Fondo per l’edilizia residenziale. 8. Al fine di procedere alla migliore allocazione delle risorse disponibili, di programmare le azioni in una prospettiva temporale adeguata e di soddisfare tempestivamente le situazioni di bisogno che richiedono interventi mirati, la Regione raccoglie e gestisce i dati sulla domanda e l’offerta abitativa. Art. 12 (Funzioni normative della Regione) 1. Con regolamenti, previo parere vincolante della Commissione consiliare competente, reso entro quarantacinque giorni dalla data di ricevimento della relativa richiesta, sono disciplinati: a) i criteri e le modalita’ per la concessione e l’erogazione delle agevolazioni; b) la definizione del patrimonio immobiliare dell’edilizia sovvenzionata, i criteri per l’attribuzione degli alloggi di edilizia sovvenzionata, di determinazione del canone di locazione, nonche’ le regole per il cambio di alloggio e per i subentri; c) le modalita’ di alienazione degli alloggi di edilizia sovvenzionata e i criteri di determinazione del relativo prezzo; d) lo schema-tipo delle convenzioni per l’edilizia convenzionata; e) i requisiti degli operatori e dei beneficiari. 1.1.I beneficiari degli interventi di edilizia convenzionata, agevolata e sostegno alle locazioni risiedono o svolgono attivita’ lavorativa da almeno dieci anni, anche non continuativi, sul territorio nazionale, di cui uno in regione. 1 bis. Nell’attribuzione dei punteggi per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata, di cui all’articolo 3, i bandi di assegnazione tengono conto del periodo di residenza in regione e in particolare sono assegnati almeno 0,5 punti per ogni anno, successivo a quelli previsti dall’articolo 18 ante, fino a un massimo di 15 anni anche non continuativi. 1 ter. Per quanto concerne la disciplina degli interventi di edilizia sovvenzionata, di cui all’articolo 3, gli aspiranti inquilini devono essere in possesso di una situazione economica non superiore a 25.000 euro, fatte salve sia le disposizioni di cui all’articolo 2, comma 1, lettera d), del regolamento di esecuzione dell’articolo 3 della presente legge concernente le agevolazioni per l’edilizia sovvenzionata, approvato con decreto del Presidente della Regione 13 aprile 2004, n. 119/Pres., sia la restante disciplina sul reddito prevista dal medesimo regolamento. Tale limite viene annualmente aggiornato con deliberazione della Giunta regionale sulla base dell’indice ISTAT di andamento dei prezzi al consumo. 2. Decorso il termine previsto dal comma 1 i regolamenti sono emanati anche in mancanza di parere. Art. 13 (Funzioni dei Comuni) 1. I Comuni possono realizzare interventi appositamente finanziati dalla Regione nell’ambito delle politiche della casa. 2. In particolare rientra nella competenza dei Comuni: a) la stipulazione delle convenzioni per gli interventi di edilizia convenzionata; b) la predisposizione degli interventi per il sostegno delle fasce deboli; c) la vigilanza sull’osservanza delle prescrizioni relative ai vincoli di destinazione e degli ulteriori adempimenti conseguenti agli interventi di edilizia convenzionata, nonche’ dell’obbligo di residenza conseguente agli interventi di edilizia agevolata. 3. I Comuni possono svolgere le funzioni loro attribuite anche in forma associata o attraverso forme di collaborazione. La Regione puo’ promuovere l’esercizio associato delle funzioni attribuite ai Comuni attraverso lo strumento di cui all’articolo 11, comma 5. Art. 14 (Comitato regionale per la politica della casa) 1. Al fine di garantire la partecipazione dei soggetti interessati, e’ istituito il Comitato regionale per la politica della casa. 2. Il Comitato e’ composto da: a) l’Assessore regionale all’edilizia e ai servizi tecnici o un suo delegato, con funzioni di presidente; b) i Presidenti delle ATER o loro delegati; c) un rappresentante rispettivamente delle associazioni dei Comuni, delle associazioni della proprieta’ edilizia, dei costruttori; d) quattro rappresentanti delle organizzazioni degli inquilini maggiormente rappresentative nel Friuli Venezia Giulia. 3. Il Comitato e’ organo consultivo dell’Amministrazione regionale per gli interventi in materia di edilizia residenziale pubblica. 4. Il funzionamento del Comitato e’ disciplinato con regolamento approvato nel termine di cui all’articolo 24, comma 1, previo parere vincolante della Commissione consiliare competente secondo le modalita’ di cui all’articolo 12, comma 1. 5. Per la partecipazione al Comitato in qualita’ di componente da parte di soggetti esterni all’Amministrazione regionale spetta un gettone di presenza, determinato in conformita’ con quanto previsto dalla legge regionale 23 agosto 1982, n. 63 (Disposizioni per gli organi collegiali operanti presso l’Amministrazione regionale), e successive modificazioni. CAPO III Disposizioni per l’edilizia convenzionata e agevolata Art. 15 (Obblighi dei beneficiari) 1. I beneficiari di interventi di edilizia convenzionata e agevolata hanno l’obbligo di trasferire la residenza negli alloggi entro duecentosettanta giorni dalla comunicazione del provvedimento di liquidazione del contributo. 2. I beneficiari sono obbligati a risiedere nell’alloggio, non locarlo, ne’ alienarlo per cinque anni dalla comunicazione di cui al comma 1. 3. Nel caso di interventi di edilizia convenzionata destinati alla locazione, i beneficiari hanno l’obbligo di mantenere la destinazione per cinque anni dalla comunicazione del provvedimento di liquidazione del contributo, nel caso di contributi in conto capitale erogati in unica soluzione, ovvero per tutta la durata del rapporto contributivo, in caso di contributi pluriennali. Art. 16 (Successione nell’immobile. Trasferimento delle agevolazioni) 1. In caso di morte del beneficiario di interventi di edilizia convenzionata e agevolata, i contributi si trasferiscono al cobeneficiario che acquisisce l’intera proprieta’, ovvero all’erede che subentra nella proprieta’ dell’alloggio solo se quest’ultimo trasferisce la propria residenza nell’alloggio stesso entro sei mesi dalla morte del beneficiario e al momento del decesso del beneficiario possiede i requisiti soggettivi prescritti. Si prescinde dall’acquisizione in proprieta’ dell’intero immobile in capo al subentrante in presenza di piu’ eredi, nel caso in cui questi siano il coniuge, il convivente more uxorio e i figli. 2. In caso di divorzio o separazione legale, ovvero di scioglimento della convivenza more uxorio, o di trasferimento della residenza di uno dei cobeneficiari, i contributi e le anticipazioni si trasferiscono al coniuge o convivente che acquista la proprieta’ e continua a risiedere nell’alloggio, purche’ in possesso dei requisiti soggettivi al momento dell’istanza di subentro nel contributo. Sono fatti salvi i requisiti soggettivi gia’ verificati nei confronti del subentrante gia’ cobeneficiario del contributo. 3. Non rileva ai fini del rispetto degli obblighi di cui all’articolo 15 il trasferimento di residenza del coniuge beneficiario avvenuto a seguito di provvedimento del giudice che assegni l’abitazione familiare a uno dei coniugi. Art. 17 (Revoche) 1. L’inosservanza della prescrizione di cui all’articolo 15, comma 1, comporta la decadenza dal contributo e l’obbligo di restituire quanto gia’ eventualmente percepito, gravato dagli interessi legali calcolati ai sensi dell’articolo 49 della legge regionale 20 marzo 2000, n. 7 (Testo unico delle norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso), e successive modificazioni. 2. L’inosservanza della prescrizione di cui all’articolo 15, comma 2, comporta: a) in caso di contributi in conto capitale erogati in unica soluzione, la decadenza dal contributo e l’obbligo di restituire quanto gia’ percepito gravato dagli interessi legali calcolati ai sensi dell’articolo 49 della legge regionale 7/2000 e successive modificazioni; b) in caso di contributi pluriennali, la revoca del contributo a decorrere dal momento in cui l’inosservanza si e’ verificata e l’obbligo di restituire quanto eventualmente percepito successivamente all’inosservanza stessa, maggiorato degli interessi legali calcolati ai sensi dell’articolo 49 della legge regionale 7/2000 e successive modificazioni. 3. L’inosservanza della prescrizione di cui all’articolo 16, comma 1, comporta la revoca del contributo con effetto dalla morte del beneficiario. 4. L’inosservanza della prescrizione di cui all’articolo 16, comma 2, comporta la revoca del contributo con effetto dal momento del trasferimento di residenza. CAPO IV Disposizioni per l’edilizia sovvenzionata Art. 18 ante (Requisiti dei beneficiari) 1. Per l’assegnazione degli alloggi di edilizia sovvenzionata, i richiedenti possiedono la residenza o svolgono attivita’ lavorativa da almeno dieci anni, anche non continuativi, nel territorio nazionale di cui cinque anni in regione. Art. 18 (Canone di locazione) 1. Il canone di locazione degli alloggi di edilizia sovvenzionata deve considerare: a) la situazione economica complessiva del nucleo familiare; b) il valore dell’alloggio. 2. Il canone di locazione viene determinato dalle ATER come segue: a) per gli utenti la cui situazione economica complessiva non sia superiore a quella prevista dal regolamento di cui all’articolo 12, il canone annuo viene determinato, sulla base delle condizioni oggettive dell’alloggio e della composizione del nucleo familiare, in misura non superiore all’8 per cento del reddito stesso; b) per gli utenti la cui situazione economica complessiva sia compresa tra il limite di cui alla lettera a) e il limite superiore di 2/3 di quello in vigore per l’accesso all’edilizia sovvenzionata, il canone viene determinato in misura non superiore al 7 per cento del valore dell’alloggio da graduarsi in funzione del reddito degli assegnatari; c) per gli utenti la cui situazione economica complessiva sia superiore a quanto previsto alla lettera b), il canone viene determinato in misura anche superiore al 7 per cento del valore dell’alloggio. 3. In sede di prima applicazione per il 2003, l’importo previsto dal regolamento di cui al comma 2, lettera a), e’ stabilito in 10.000 euro. Art. 19 (Occupazione dell’alloggio) 1. L’alloggio deve essere stabilmente occupato dall’assegnatario entro trenta giorni dalla consegna, salvo proroga concessa dall’ATER a seguito di motivata istanza da presentarsi prima della scadenza del termine previsto, a pena di decadenza dall’assegnazione. 2. La decadenza dall’assegnazione e’ pronunciata dall’ATER e comporta la risoluzione del contratto. Art. 20 (Annullamento dell’assegnazione) 1. Qualora l’assegnazione dell’alloggio sia stata conseguita in violazione delle norme vigenti al tempo dell’assegnazione, ovvero sulla base di dichiarazioni mendaci o di documentazioni risultate false, l’ATER dispone l’annullamento dell’assegnazione. 2. L’annullamento dell’assegnazione comporta la risoluzione del contratto. Art. 21 (Revoca dell’assegnazione) 1. L’ATER dispone in qualunque tempo la revoca dell’assegnazione degli alloggi in locazione nei confronti di chi: a) abbia perduto i requisiti richiesti per l’accesso agli interventi di edilizia sovvenzionata e, in particolare con riferimento alla situazione economica, abbia superato per due anni consecutivi di due terzi il limite in vigore per l’accesso all’edilizia sovvenzionata, salvo che si tratti di assegnatari ultrasessantenni ovvero di assegnatari il cui nucleo familiare comprenda soggetti disabili; b) non abbia comunicato i dati relativi alla propria situazione economica o abbia fornito dati non corrispondenti al vero previa eventuale verifica mediante le competenti strutture comunali sulle condizioni sociali del soggetto; c) abbia violato le norme di legge e di regolamento che disciplinano i doveri dell’inquilino ovvero abbia usato l’alloggio in modo difforme dalla sua destinazione o lo abbia danneggiato gravemente; d) abbia sublocato o ceduto in tutto o in parte l’alloggio a terzi; e) non abbia mantenuto la stabile occupazione dell’alloggio per un periodo superiore a sei mesi in assenza di preventiva autorizzazione da parte delle ATER; f) essendo assegnatario di un alloggio avente un numero di vani, esclusi la cucina e gli accessori, superiore al numero dei componenti il nucleo familiare aumentato di uno, abbia rifiutato un cambio con altro alloggio. 2. La revoca dell’assegnazione comporta la risoluzione del contratto. Art. 22 (Rilascio degli alloggi) 1. I provvedimenti di annullamento e di revoca dell’assegnazione devono contenere un termine per il rilascio degli alloggi non superiore a sessanta giorni e costituiscono titolo esecutivo nei confronti dell’assegnatario o di chiunque occupi l’alloggio. Il rilascio non e’ soggetto a graduazioni o proroghe. 2. L’ATER dispone il rilascio degli alloggi di edilizia sovvenzionata occupati senza titolo. 3. Il provvedimento di cui al comma 2 deve contenere un termine per il rilascio non superiore a quindici giorni e costituisce titolo esecutivo. 4. L’assegnatario di alloggio di edilizia sovvenzionata, che sia stato interessato da provvedimento esecutivo di rilascio motivato da inadempienza contrattuale o da violazione di legge o regolamento, e’ escluso da qualsiasi intervento di edilizia sovvenzionata per un periodo di tre anni. CAPO V Disposizioni finali e transitorie Art. 23 (Abrogazioni) 1. A decorrere dall’entrata in vigore dei regolamenti di cui all’articolo 12, comma 1, sono abrogati: a) i titoli I, II, III, IV, V,VI, VII, VIII, IX, X, XI, XII, gli articoli 123, 124 e 127 del titolo XIII, i titoli XIV e XV della legge regionale 1 settembre 1982, n. 75 (Testo unico delle leggi regionali in materia di edilizia residenziale pubblica); b) l’articolo 2 della legge regionale 7 marzo 1983, n. 22 (modificativo della legge regionale 75/1982); c) l’articolo unico della legge regionale 11 giugno 1983, n. 46 (modificativo della legge regionale 75/1982); d) l’articolo 28, comma primo, della legge regionale 19 giugno 1985, n. 25 (modificativo della legge regionale 75/1982); e) il titolo V della legge regionale 29 aprile 1986, n. 18 (modificativo della legge regionale 75/1982); f) la legge regionale 1 settembre 1987, n. 29 (Interventi straordinari per favorire l’acquisizione da parte degli Istituti autonomi per le case popolari del patrimonio immobiliare delle cooperative a proprieta’ indivisa poste in liquidazione coatta amministrativa); g) l’articolo 75, comma 1, della legge regionale 30 gennaio 1988, n. 3 (modificativo della legge regionale 29/1987); h) il capo I (modificativo della legge regionale 75/1982), gli articoli da 57 a 60 (Norme transitorie) della legge regionale 30 maggio 1988, n. 37; i) l’articolo 98 della legge regionale 7 febbraio 1990, n. 3 (modificativo della legge regionale 75/1982); j) l’articolo 16, comma 1, della legge regionale 1 febbraio 1991, n. 4 (modificativo della legge regionale 75/1982); k) l’articolo 66 della legge regionale 11 maggio 1993, n. 18 (modificativo della legge regionale 75/1982); l) i titoli I (modificativo della legge regionale 75/1982), IV (Acquisto di obbligazioni per la concessione di mutui agevolati) e V (modificativo di norme in materia di edilizia residenziale pubblica), gli articoli 63, 64 e 65 (Norme transitorie e finali) della legge regionale 17 giugno 1993, n. 45; m) l’articolo 4 della legge regionale 24 giugno 1993, n. 49 (modificativo della legge regionale 75/1982); n) gli articoli da 197 a 200 della legge regionale 28 aprile 1994, n. 5 (modificativi delle leggi regionali 75/1982 e 45/1993); o) il capo III della legge regionale 4 gennaio 1995, n. 3 (modificativo delle leggi regionali 75/1982 e 49/1993); p) gli articoli da 1 a 5 della legge regionale 29 maggio 1995, n. 22 (modificativi della legge regionale 75/1982); q) il capo I (modificativo della legge regionale 75/1982), gli articoli da 17 a 23 (modificativi delle leggi regionali 75/1982 e 45/1993) della legge regionale 24 luglio 1995, n. 31; r) l’articolo 21 della legge regionale 8 agosto 1996, n. 29 (Criteri per gli interventi di edilizia convenzionata); s) gli articoli 14 (Acquisto di alloggi nell’ambito di procedure fallimentari), 15 (Disposizioni transitorie per l’edilizia agevolata) e 51, commi 2 e 3 (modificativo della legge regionale 75/1982), della legge regionale 19 agosto 1996, n. 31; t) gli articoli 55, da 59 a 78 e 80 della legge regionale 9 novembre 1998, n. 13 (concernenti modifiche delle leggi regionali 75/1982, 22/1995 e 31/1995, nonche’ norme in materia di cessione in proprieta’ e di edilizia sovvenzionata); u) l’articolo 11, comma 6, della legge regionale 15 febbraio 1999, n. 4 (modificativo della legge regionale 75/1982); v) gli articoli da 13 a 19 (modificativi delle leggi regionali 75/1982, 29/1987 e 45/1993), 21 (Disposizioni in materia di edilizia convenzionata), 22, comma 3 (modificativo della legge regionale 75/1982), e 23, commi 2, 3, 4, 5, 6, 9, 10, 11, 12, 13, 14 della legge regionale 9/1999 (Interventi nel settore dell’edilizia abitativa); w) gli articoli da 1 a 4 della legge regionale 5 luglio 1999, n. 19 (Regolarizzazione della occupazione di alloggi di edilizia sovvenzionata e modifiche alle leggi regionali 75/1982 e 13/1998); x) gli articoli 2, comma 2 (Funzioni della Regione), 22 comma 2, 23, 25, comma 1, e 26 (modificativi della legge regionale 75/1982) della legge regionale 24/1999; y) l’articolo 8, comma 109, della legge regionale 22 febbraio 2000, n. 2 (modificativo della legge regionale 75/1982); z) l’articolo 5, commi 5, secondo e terzo periodo, 6, 7 e 8 della legge regionale 4/2001 (concernente il Fondo regionale di garanzia per l’edilizia residenziale); aa) l’articolo 16, commi 8, 9, 10, 11 e 14 della legge regionale 15 maggio 2002, n. 13 (modificativo della legge regionale 75/1982). Art. 24 (Disposizioni transitorie) 1. I regolamenti di cui all’articolo 12, comma 1, sono approvati entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge. 2. Le norme di cui all’articolo 23 continuano ad applicarsi ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore dei regolamenti di cui all’articolo 12, comma 1. Art. 25 (Norme finanziarie) 1. Gli oneri derivanti dall’applicazione del disposto di cui all’articolo 10, comma 1, primo periodo, fanno carico all’unita’ previsionale di base 5.1.24.2.1612 <<Interventi regionali di edilizia residenziale>> che si istituisce “per memoria” nello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2003-2005 e del bilancio per l’anno 2003, alla funzione obiettivo n. 5 – programma 5.1 – rubrica n. 24 – spese d’investimento – con riferimento rispettivamente ai seguenti capitoli che si istituiscono “per memoria” nel documento tecnico allegato ai bilanci medesimi – alla rubrica n. 24 – Servizio dell’edilizia residenziale e degli affari amministrativi e contabili: a) per gli interventi relativi all’articolo 10, comma 2 – capitolo 3273 (2.1.241.3.07.26) – <<Fondo regionale per l’edilizia residenziale – interventi in conto capitale>>; b) per gli interventi relativi all’articolo 10, comma 3 – capitolo 3276 (2.1.241.4.07.26) – <<Fondo regionale per l’edilizia residenziale – interventi in conto interessi>>; c) per gli interventi relativi all’articolo 10, comma 4 – capitolo 3278 (2.1.264.3.07.26) – <<Fondo regionale per l’edilizia residenziale – anticipazioni alle ATER>>. 2. Gli oneri derivanti dal disposto di cui all’articolo 10, comma 1, secondo periodo, fanno carico all’unita’ previsionale di base 53.1.9.2.692 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2003-2005 e del bilancio per l’anno 2003, con riferimento al capitolo 1545 del documento tecnico allegato ai bilanci medesimi. 3. I rientri delle anticipazioni previsti dall’articolo 11, comma 2, sono accertati e riscossi nell’unita’ previsionale di base 4.3.2004 <<Rientri di anticipazioni edilizie>> che si istituisce “per memoria” nello stato di previsione dell’entrata del bilancio pluriennale per gli anni 2003-2005 e del bilancio per l’anno 2003 – al titolo IV – categoria 4.3 – con riferimento al capitolo 1518 (4.3.1) che si istituisce “per memoria” nel documento tecnico allegato ai bilanci medesimi – alla rubrica n. 24 – Servizio dell’edilizia residenziale e degli affari amministrativi e contabili – con la denominazione <<Rientri delle anticipazioni concesse alle ATER sul Fondo regionale per l’edilizia residenziale>>. 4. Il finanziamento a carico dei capitoli di cui al comma 1 e’ disposto ai sensi dell’articolo 11, comma 2 e, in sede di prima applicazione per l’anno 2003, con riferimento alle risorse disponibili sui capitoli dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2003-2005 e del bilancio per l’anno 2003, relative al finanziamento delle leggi abrogate ai sensi dell’articolo 23 con la procedura di cui all’articolo 11, commi 3 e 4. 5. Gli oneri derivanti dall’applicazione dell’articolo 14, comma 5, fanno carico all’unita’ previsionale di base 52.3.1.1.663 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2003-2005 e del bilancio per l’anno 2003, con riferimento al capitolo 150 del documento tecnico allegato ai bilanci medesimi. Art. 26 (Entrata in vigore) 1.La presente legge entra in vigore il giorno della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail