Iniziative Idealmente
Foto Friuli

Invalidità e Moduli

BENEFICI AGLI INVALIDI PARZIALI DAL 67% AL 99%

BENEFICI AGLI INVALIDI PARZIALI DAL 67% AL 99%

Assegno invalidità civile, per invalidi dal 74% al 99%, di € 255,13 concesso dai 18 ai 65 anni, con un reddito al di sotto di € 4.382,43 e obbligo iscrizione liste speciali;

Esenzione totale del ticket sui farmaci e prestazioni sanitarie (esclusi quelli da banco);

Protesi ed ausili: carrozzine – scarpe ortopediche – stampelle – arti artificiali – tutori per gli arti artificiali – pannoloni per incontinenti – lenti particolari – apparecchi acustici – ecc.;

Contrassegno per la circolazione e sosta auto disabili;

Buoni taxi (solo per i residenti in Udine);

Tessera agevolata per autobus e corriere di linea;

Agevolazioni IVA per acquisto auto adattate;

Esenzioni pagamento bollo per titolari patente B speciale o auto adattate;

Agevolazione pagamento ICI;

Assegni familiari;

Scivolo pensione – per lavoratori invalidi con riconoscimento invalidità pari o superiore al 74%;

Riconosciuti due mesi figurativi per ogni anno lavorato fino ad un massimo di cinque anni.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

BENEFICI AGLI INVALIDI TOTALI 100%

BENEFICI AGLI INVALIDI TOTALI 100%

Pensione invalidità civile di € 246,73 (concessa dai 18 ai 65 anni) con un reddito al di sotto di € 14.886,28;

Esenzione totale del ticket sui farmaci e prestazioni sanitarie (esclusi quelli da banco);

Protesi ed ausili: carrozzine – scarpe ortopediche – stampelle – arti artificiali – tutori per gli arti artificiali – pannoloni per incontinenti – lenti particolari – apparecchi acustici – ecc.;

Contrassegno per la circolazione e sosta auto disabili;

Buoni taxi (solo per i residenti in Udine);

Tessera agevolata per autobus e corriere di linea;

Agevolazioni IVA per acquisto auto adattate;

Esenzioni pagamento bollo per titolari patente B speciale o auto adattate;

Agevolazione pagamento ICI;

Scivolo pensione – per lavoratori invalidi con riconoscimento invalidità pari o superiore al 74%;

Riconosciuti due mesi figurativi per ogni anno lavorato fino ad un massimo di cinque anni;

Assegni familiari.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

BENEFICI AGLI INVALIDI CON INDENNITA’ DI ACCOMPAGNAMENTO

BENEFICI AGLI INVALIDI CON INDENNITA’ DI ACCOMPAGNAMENTO

Indennità di accompagnamento di € 465,09 senza limite di reddito;

Esenzione totale del ticket sui farmaci e prestazioni sanitarie (esclusi quelli da banco);

Protesi ed ausili: carrozzine – scarpe ortopediche – stampelle – arti artificiali – tutori per gli arti artificiali – pannoloni per incontinenti – lenti particolari – apparecchi acustici – ecc.;

Contrassegno per la circolazione e sosta auto disabili;

Buoni taxi (solo per i residenti in Udine e Tavagnacco);

Tessera agevolata per autobus e corriere di linea;

Agevolazioni IVA per acquisto auto adattate o per titolari di patente “B speciale”;

Esenzioni pagamento bollo per titolari patente B speciale o auto adattate;

Agevolazione pagamento ICI;

Possibilità di richiesta contributo Legge Regionale n.6/2006;

Permessi di tre giorni al mese o due ore giornaliere ai disabili lavoratori con riconoscimento handicap di gravità – Legge n.104 – art.3 – comma 3;

Permessi di tre giorni al mese ai lavoratori che assistono un disabile;

Congedi parentali per assistenza a figli disabili (fino ad un massimo di due anni retribuiti) – Legge n.53/2000;

Assegni familiari;

Scivolo pensione – per lavoratori invalidi con riconoscimento invalidità pari o superiore al 74%;

Riconosciuti due mesi figurativi per ogni anno lavorato fino ad un massimo di cinque anni;

Tessera blu delle ferrovie dello Stato (l’accompagnatore viaggia gratis).

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

BENEFICI AGLI INVALIDI MINORI

BENEFICI AGLI INVALIDI MINORI

Indennità di frequenza per invalidi minori riconosciuti con difficoltà persistenti a compiere gli atti propri dell’età: € 246,73 riconosciuto per il periodo di frequenza a scuola o per periodo di trattamento riabilitativo, ecc.;

Esenzione totale del ticket su farmaci e prestazioni sanitarie per patologie;

Protesi ed ausili: carrozzine – scarpe ortopediche – stampelle – arti artificiali – tutori per gli arti artificiali – pannoloni per incontinenti – lenti particolari – apparecchi acustici – ecc.;

Tessera agevolata per autobus e corriere di linea;

Agevolazioni IVA per acquisto auto adattate per il trasporto di minori a carico;

Assegni familiari.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

MODULO ISCRIZIONE A IDEALMENTE

Di seguito puoi scaricare il modulo (formato pdf) per iscriverti all’associazione Idealmente onlus. – Modello Iscrizione

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

European Pact for Mental Health and Well-being

European Pact for Mental Health and Well-being

We, participants in the EU high-level conference “Together for Mental Health and Well-being”, Brussels, 13 June 2008, acknowledge the importance and relevance of mental health and well-being for the European Union, its Member States, stakeholders and citizens.

I. We recognise that: -Mental health is a human right. It enables citizens to enjoy well-being, quality of life and health. It promotes learning, working and participation in society.

-The level of mental health and well-being in the population is a key resource for the success of the EU as a knowledge-based society and economy. It is an important factor for the realisation of the objectives of the Lisbon strategy, on growth and jobs, social cohesion and sustainable development.

-Mental disorders are on the rise in the EU. Today, almost 50 million citizens (about 11% of the population) are estimated to experience mental disorders, with women and men developing and exhibiting different symptoms. Depression is already the most prevalent health problem in many EU-Member States.

-Suicide remains a major cause of death. In the EU, there are about 58,000 suicides per year of which ¾ are committed by men. Eight Member States are amongst the fifteen countries with the highest male suicide rates in the world.

-Mental disorders and suicide cause immense suffering for individuals, families and communities, and mental disorders are major cause of disability. They put pressure on health, educational, economic, labour market and social welfare systems across the EU.

-Complementary action and a combined effort at EU-level can help Member States tackle these challenges by promoting good mental health and wellbeing in the population, strengthening preventive action, and providing support to people who experience mental health problems and their families, further to the measures which Member States undertake through health and social services and medical care.

II. We agree that: -There is a need for a decisive political step to make mental health and wellbeing a key priority.

-Action for mental health and well-being at EU-level needs to be developed by involving the relevant policy makers and stakeholders, including those from the health, education, social and justice sectors, social partners, as well as civil society organisations and people who have experienced mental health problems.

-The mental health and well-being of citizens and groups, including all age groups, different genders and ethnic origins needs to be promoted based on targeted interventions that take into account and are sensitive to the diversity of the European population.

-There is a need to improve the knowledge base on mental health: by collecting data on the state of mental health in the population and by commissioning research into the epidemiology, causes, determinants and implications of mental health and ill-health, and the possibilities for interventions and best practices in and outside the health and social sectors.

III. We call for action in five priority areas: 1. Prevention of Depression and Suicide Depression is one of the most common and serious mental disorders and a leading risk factor for suicidal behaviour. Every 9 minutes a citizen dies as a consequence of suicide in the EU. The number of suicide attempts is estimated to be ten times higher. Reported rates of suicide in Member States differ by a factor 12.

Policy makers and stakeholders are invited to take action on the prevention of suicide and depression including the following:

-Improve the training of health professionals and key actors within the social sector on mental health; -Restrict access to potential means for suicide; -Take measures to raise mental health awareness in the general public, among health professionals and other relevant sectors; -Take measures to reduce risk factors for suicide such as excessive drinking, drug abuse and social exclusion, depression and stress; -Provide support mechanisms after suicide attempts and for those bereaved by suicide. 2. Mental Health in Youth and Education The foundation of life-long mental health is laid in the early years. Up to 50% of mental disorders have their onset during adolescence. Mental health problems can be identified in between 10% and 20% of young people, with higher rates among disadvantaged population groups.

Policy makers and stakeholders are invited to take action on mental health in youth and education including the following:

-Ensure schemes for early intervention throughout the educational system; -Provide programmes to promote parenting skills; -Promote training of professionals involved in the health, education, youth and other relevant sectors in mental health and well-being; -Promote the integration of socio-emotional learning into the curricular and extracurricular activities and the cultures of pre-schools and schools; -Programmes to prevent abuse, bullying, violence against young people and their exposure to social exclusion; -Promote the participation of young people in education, culture, sport and employment. 3. Mental Health in Workplace Settings Employment is beneficial to physical and mental health. The mental health and well-being of the workforce is a key resource for productivity and

innovation in the EU. The pace and nature of work is changing, leading to pressures on mental health and well-being. Action is needed to tackle the steady increase in work absenteeism and incapacity, and to utilize the unused potential for improving productivity that is linked to stress and mental disorders. The workplace plays a central role in the social inclusion of people with mental health problems.

Policy makers, social partners and further stakeholders are invited to take action on mental health at the workplace including the following:

-Improve work organisation, organisational cultures and leadership practices to promote mental well-being at work, including the reconciliation of work and family life; -Implement mental health and well-being programmes with risk assessment and prevention programmes for situations that can cause adverse effects on the mental health of workers (stress, abusive behaviour such as violence or harassment at work, alcohol, drugs) and early intervention schemes at workplaces; -Provide measures to support the recruitment, retention or return to work of people with mental health problems or disorders. 4. Mental Health of Older People The EU-population is ageing. Old age can bring with it certain risk factors for mental health and well-being, such as the loss of social support from families and friends and the emergence of physical or neuropsychiatric illness, such as dementia. Suicide rates are high in older people. Promoting healthy and active ageing is one of the EU’s key policy objectives.

Policy makers and stakeholders are invited to take action on mental health of older people including the following:

-Promote the active participation of older people in community life, including the promotion of their physical activity and educational opportunities; -Develop flexible retirement schemes which allow older people to remain at work longer on a full-time or part-time basis; -Provide measures to promote mental health and well-being among older people receiving care (medical and/or social) in both community and institutional settings. 5. Combating Stigma and Social Exclusion Stigma and social exclusion are both risk factors and consequences of mental disorders, which may create major barriers to help-seeking and recovery.

Policy makers and stakeholders are invited to take action to combat stigma and social exclusion including the following:

-Support anti-stigma campaigns and activities such as in media, schools and at the workplace to promote the integration of people with mental disorders; – Develop mental health services which are well integrated in the society, put the individual at the centre and operate in a way which avoids stigmatisation and exclusion;

-Promote active inclusion of people with mental health problems in society, including improvement of their access to appropriate employment, training and educational opportunities; -Involve people with mental health problems and their families and carers in relevant policy and decision making processes. IV. We launch the European Pact for Mental Health and Well-being: The Pact recognises that primary responsibility for action in this area rests with Member States. However, the Pact builds on the EU’s potential to inform, promote best practice and encourage actions by Member States and stakeholders and help address common challenges and tackle health inequalities.

The reference context for the Pact is the EU-policy acquis on mental health and well-being that has emerged through initiatives across Community policies over the past years, together with the commitments which Member States’ Ministers of Health made under the WHO Mental Health Declaration for Europe of 2005.

The Pact brings together European institutions, Member States, stakeholders from relevant sectors, including people at risk of exclusion for mental health reasons, and the research community to support and promote mental health and well-being. It is a reflection of their commitment to a longer-term process of exchange, cooperation and coordination on key challenges.

The Pact should facilitate the monitoring of trends and activities in Member States and among stakeholders. Based on European best practice, it should help deliver recommendations for action for progress in addressing its priority themes.

V. We therefore invite: -Member States together with further relevant actors across sectors and civil society in the EU and international organisations to join the European Pact for Mental Health and Well-being and to contribute to its implementation;

-The European Commission and Member States , together with the relevant international organisations and stakeholders:

-to establish a mechanism for the exchange of information; -to work together to identify good practices and success factors in policy and stakeholder action for addressing the priority themes of the Pact, and to develop appropriate recommendations and action plans; -to communicate the results of such work through a series of conferences on the Pact’s priority themes over the coming years; -The European Commission to issue a proposal for a Council Recommendation on Mental Health and Well-being during 2009;

-The Presidency to inform the Council of Ministers of the proceedings and outcomes of this conference.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Legge regionale 31 marzo 2006, n. 6

Legge regionale 31 marzo 2006, n. 6

Sistema integrato di interventi e servizi per la promozione e la tutela dei diritti di cittadinanza sociale.

TITOLO I FINALITA’ E PRINCIPI Capo I Finalita’ e principi Art. 1 (Finalita’) 1. La Regione Friuli Venezia Giulia, in conformita’ ai principi degli articoli 117 e 118 della Costituzione e della legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali), rende effettivi i diritti di cittadinanza sociale realizzando un sistema organico di interventi e servizi. 2. Il sistema organico favorisce altresi’ la qualita’ della vita, l’autonomia individuale, le pari opportunita’, la non discriminazione, la coesione sociale, la prevenzione, la riduzione e l’eliminazione delle condizioni di bisogno, di disagio e di esclusione individuali e familiari. 3. Per le finalita’ di cui ai commi 1 e 2, la presente legge disciplina il sistema integrato di interventi e servizi sociali ampiamente intesi, comprensivi dei servizi socioassistenziali, socioeducativi e sociosanitari, di seguito denominato sistema integrato. Art. 2 (Principi) 1. La Regione e gli enti locali, in attuazione degli articoli 3 e 38 della Costituzione, garantiscono l’insieme dei diritti e delle opportunita’ volte allo sviluppo e al benessere dei singoli e delle comunita’ e assicurano il sostegno ai progetti di vita delle persone e delle famiglie. 2. Il sistema integrato ha carattere di universalita’, si fonda sui principi di sussidiarieta’, di cooperazione e promozione della cittadinanza sociale e opera per assicurare il pieno rispetto dei diritti e il sostegno alla libera assunzione di responsabilita’ delle persone, delle famiglie e delle formazioni sociali. 3. La Regione e gli enti locali, al fine di prevenire, rimuovere o ridurre le condizioni di bisogno e di disagio derivanti da limitazioni personali e sociali, da situazioni di non autosufficienza e da difficolta’ economiche, realizzano il sistema integrato con il concorso dei soggetti di cui all’articolo 1, commi 4 e 5, della legge 328/2000. 4. Le politiche regionali del sistema integrato, gli interventi in materia di immigrazione, di lavoro e occupazione, formazione, di servizi per la prima infanzia e di edilizia residenziale sono realizzati mediante misure attuative coordinate. 5. Ai fini della programmazione, organizzazione e gestione del sistema integrato, in attuazione del principio di sussidiarieta’, la Regione, gli enti locali e le loro rappresentanze, previste all’articolo 3 della legge regionale 17 agosto 2004, n. 23 (Disposizioni sulla partecipazione degli enti locali ai processi programmatori e di verifica in materia sanitaria, sociale e sociosanitaria e disciplina dei relativi strumenti di programmazione, nonche’ altre disposizioni urgenti in materia sanitaria e sociale), riconoscono e valorizzano il ruolo dei soggetti di cui agli articoli 12, 13, 14 e 15. 6. La Regione riconosce, promuove e sostiene: a) l’autonomia e la vita indipendente delle persone, con particolare riferimento al sostegno della domiciliarita’; b) il valore e il ruolo delle famiglie, quali ambiti di relazioni significative per la crescita, lo sviluppo e la cura della persona, attraverso il perseguimento della condivisione delle responsabilita’ tra donne e uomini; c) le iniziative di reciprocita’ e di auto-aiuto delle persone e delle famiglie che svolgono compiti di cura; d) la centralita’ delle comunita’ locali per promuovere il miglioramento della qualita’ della vita e delle relazioni tra le persone; e) la partecipazione attiva dei cittadini, delle organizzazioni di rappresentanza sociale, delle associazioni sociali e di tutela degli utenti; f) la facolta’ da parte della persona e delle famiglie di scegliere tra i servizi dei soggetti accreditati e convenzionati, secondo modalita’ appropriate rispetto ai bisogni e in coerenza con il progetto individuale. 7. La Regione assume il confronto e la concertazione come metodo di relazione con le organizzazioni sindacali e le altre parti sociali. Art. 3 (Coordinamento regionale delle politiche per la cittadinanza sociale) 1. Ai fini del coordinamento delle politiche per la cittadinanza sociale, la Regione garantisce l’integrazione delle politiche socioassistenziali di protezione sociale, sanitarie, abitative, dei trasporti, dell’educazione, formative, del lavoro, culturali, ambientali e urbanistiche, dello sport e del tempo libero, nonche’ di tutti gli altri interventi finalizzati al benessere della persona e alla prevenzione delle condizioni di disagio sociale. TITOLO II SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Capo I Destinatari e accesso al sistema integrato Art. 4 (Destinatari del sistema integrato) 1. Hanno diritto ad accedere agli interventi e ai servizi del sistema integrato tutte le persone residenti nella regione. 2. Gli interventi e i servizi di cui al comma 1 sono garantiti anche alle persone presenti nel territorio della regione di seguito indicate: a) cittadini italiani temporaneamente presenti; b) stranieri legalmente soggiornanti ai sensi del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero); c) richiedenti asilo, rifugiati e apolidi; d) minori stranieri e donne straniere in stato di gravidanza e nei sei mesi successivi alla nascita del figlio cui provvedono. 3. Tutte le persone comunque presenti nel territorio della regione hanno diritto agli interventi di assistenza urgenti, come individuati dal Piano regionale degli interventi e dei servizi sociali di cui all’articolo 23. 4. Gli interventi e i servizi di cui al comma 1 sono garantiti dal Comune di residenza. L’assistenza alle persone di cui ai commi 2 e 3 e’ di competenza del Comune nel cui territorio si e’ manifestata la necessita’ dell’intervento. Per l’assistenza ai cittadini italiani temporaneamente presenti spetta diritto di rivalsa nei confronti del Comune di residenza. 5. L’assistenza alle persone per le quali si renda necessario il ricovero stabile presso strutture residenziali rimane di competenza del Comune nel quale esse hanno la residenza prima del ricovero. Art. 5 (Accesso al sistema integrato) 1. Le persone di cui all’articolo 4 fruiscono delle prestazioni e dei servizi del sistema integrato in relazione alla valutazione professionale del bisogno e alla facolta’ di scelta individuale. 2. Per garantire l’integrazione degli interventi e la continuita’ assistenziale, nonche’ la fruizione appropriata e condivisa delle prestazioni e dei servizi, e’ predisposto un progetto assistenziale individualizzato, definito d’intesa con la persona destinataria degli interventi ovvero con i suoi familiari, rappresentanti, tutori o amministratori di sostegno. 3. Il Servizio sociale dei Comuni di cui all’articolo 17, in raccordo con i distretti sanitari, attua forme di accesso unitario ai servizi del sistema integrato, al fine di assicurare: a) l’informazione e l’orientamento rispetto all’offerta di interventi e servizi; b) la valutazione multidimensionale del bisogno, eventualmente in forma integrata; c) la presa in carico delle persone; d) l’integrazione degli interventi; e) l’erogazione delle prestazioni; f) la continuita’ assistenziale. 4. Per garantire un’idonea informazione sull’offerta di interventi e servizi, il Servizio sociale dei Comuni puo’ avvalersi degli istituti di patronato e di assistenza sociale presenti nel territorio di pertinenza, attraverso la stipula di apposita convenzione. Capo II Servizi e prestazioni Art. 6 (Sistema integrato e prestazioni essenziali) 1. Il sistema integrato fornisce risposte omogenee sul territorio regionale attraverso: a) misure di contrasto della poverta’ e di sostegno al reddito; b) misure per favorire la vita autonoma e la permanenza a domicilio, anche attraverso il sostegno all’assistenza familiare e l’offerta semiresidenziale e residenziale temporanea; c) interventi di sostegno ai minori e ai nuclei familiari; d) misure per il sostegno delle responsabilita’ familiari; e) misure di sostegno alle donne in difficolta’; f) misure per favorire l’integrazione sociale delle persone disabili; g) misure per favorire la valorizzazione del ruolo delle persone anziane; h) la promozione dell’istituto dell’affido; i) la promozione dell’amministrazione di sostegno legale di cui alla legge 9 gennaio 2004, n. 6 (Introduzione nel libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I, relativo all’istituzione dell’amministrazione di sostegno e modifica degli articoli 388, 414, 417, 418, 424, 426, 427 e 429 del codice civile in materia di interdizioni e di inabilitazione, nonche’ relative norme di attuazione, di coordinamento e finali); j) il soddisfacimento delle esigenze di tutela residenziale delle persone non autonome e non autosufficienti; k) il sostegno socioeducativo nelle situazioni di disagio sociale; l) l’informazione e la consulenza alle persone e alle famiglie per favorire l’accesso e la fruizione dei servizi e lo sviluppo di forme di auto-mutuo aiuto. 2. Sono considerati essenziali i servizi e le prestazioni di cui al comma 1, fermo restando che vanno comunque garantiti in ogni ambito territoriale i seguenti servizi e interventi: a) servizio sociale professionale e segretariato sociale; b) servizio di assistenza domiciliare e di inserimento sociale; c) servizi residenziali e semiresidenziali; d) pronto intervento sociale per le situazioni di emergenza personali e familiari; e) interventi di assistenza economica. Art. 7 (Livelli essenziali delle prestazioni sociali) 1. I livelli essenziali delle prestazioni sociali da garantire sul territorio regionale e le condizioni di esigibilita’ delle medesime sono definiti dal Piano regionale degli interventi e dei servizi sociali, salvaguardando comunque i livelli essenziali e uniformi delle prestazioni individuati dallo Stato. Capo III Soggetti del sistema integrato Art. 8 (Funzioni della Regione) 1. La Regione esercita le funzioni di programmazione, coordinamento e indirizzo in materia di interventi e servizi sociali. 2. La Regione, in particolare: a) approva il Piano regionale degli interventi e dei servizi sociali; b) definisce gli indirizzi al fine di garantire modalita’ omogenee nel territorio regionale per assicurare la facolta’, da parte delle persone e delle famiglie, di scegliere tra i servizi dei soggetti accreditati e convenzionati, in coerenza con la programmazione locale e con il progetto individuale; c) definisce i requisiti minimi e le procedure per l’autorizzazione di strutture e servizi a ciclo residenziale e semiresidenziale che svolgono attivita’ socioassistenziali, socioeducative e sociosanitarie pubbliche e private; d) promuove e autorizza lo sviluppo dei servizi del sistema integrato, attraverso la realizzazione di progetti innovativi e sperimentali di interesse regionale; e) definisce i requisiti e le procedure per l’accreditamento dei servizi e delle strutture operanti nel sistema integrato; f) definisce le modalita’ e i criteri per l’esercizio della vigilanza sulle strutture e sui servizi di cui alla lettera c); g) definisce indirizzi generali per la determinazione del concorso degli utenti al costo delle prestazioni; h) ripartisce le risorse del Fondo sociale regionale di cui all’articolo 39 e le altre risorse destinate al finanziamento del sistema integrato; i) organizza e coordina, in raccordo con le Province, il Sistema informativo dei servizi sociali regionale di cui all’articolo 25; j) promuove e sostiene la gestione associata degli interventi e servizi sociali del sistema locale; k) verifica la realizzazione del sistema locale degli interventi e servizi sociali; l) promuove iniziative informative, formative e di assistenza tecnica rivolte ai soggetti pubblici e privati operanti nel settore dei servizi sociali, a supporto della realizzazione del sistema locale degli interventi e servizi sociali; m) promuove iniziative di formazione di base e permanente per il personale operante nel sistema integrato; n) promuove iniziative per la valorizzazione e lo sviluppo del terzo settore, in particolare in raccordo con il sistema della formazione; o) promuove le organizzazioni di volontariato quale espressione della libera e gratuita partecipazione dei cittadini allo sviluppo del sistema integrato; p) promuove iniziative per favorire l’applicazione dell’amministratore di sostegno; q) provvede all’istituzione e tenuta degli albi e registri previsti dalle vigenti normative regionali e nazionali. Art. 9 (Funzioni delle Province) 1. Le Province concorrono alla programmazione del sistema integrato, partecipando in particolare alla definizione e attuazione dei Piani di zona di cui all’articolo 24, con specifico riferimento alle materie di propria competenza. 2. Per le finalita’ di cui al comma 1, le Province collaborano alla realizzazione del Sistema informativo dei servizi sociali regionale. 3. Le Province esercitano funzioni finalizzate alla realizzazione del sistema regionale di osservazione, monitoraggio, analisi e previsione dei fenomeni sociali, nonche’ di diffusione delle conoscenze, sulla base di intese, accordi o altri atti di collaborazione istituzionale stipulati con la Regione. Art. 10 (Funzioni dei Comuni) 1. I Comuni sono titolari della funzione di programmazione locale del sistema integrato, delle funzioni amministrative concernenti la realizzazione del sistema locale di interventi e servizi sociali, nonche’ delle altre funzioni e compiti loro attribuiti dalla vigente normativa statale e regionale e in particolare: a) garantiscono l’erogazione dei servizi e delle prestazioni facenti parte del sistema integrato; b) determinano gli eventuali livelli di assistenza ulteriori e integrativi rispetto a quelli determinati dallo Stato e dalla Regione; c) definiscono le condizioni per l’accesso alle prestazioni erogate dal sistema integrato; d) esercitano le funzioni relative all’autorizzazione, alla vigilanza e all’accreditamento dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale; e) coordinano i programmi, le attivita’ e i progetti dei soggetti privati operanti in ciascun ambito territoriale; f) concorrono alla realizzazione del Sistema informativo dei servizi sociali regionale. 2. I Comuni esercitano le funzioni di programmazione locale attraverso i Piani di zona e concorrono alla programmazione regionale con le modalita’ previste dal Piano regionale degli interventi e dei servizi sociali. 3. Nell’esercizio delle funzioni di programmazione, i Comuni promuovono il concorso e agevolano il ruolo dei soggetti di cui all’articolo 1, comma 4, della legge 328/2000. Art. 11 (Funzioni delle Aziende per i servizi sanitari) 1. Le Aziende per i servizi sanitari partecipano alla programmazione e alla realizzazione del sistema integrato, con particolare riferimento all’integrazione sociosanitaria. 2. I Comuni possono prevedere la delega della gestione del Servizio sociale dei Comuni, ovvero di specifici servizi, alle Aziende per i servizi sanitari. 3. Le Aziende per i servizi sanitari, previa autorizzazione della Regione, possono partecipare a societa’ a capitale misto pubblico e privato o a capitale interamente pubblico per la gestione ed erogazione degli interventi e servizi sociosanitari. Art. 12 (Funzioni delle Aziende pubbliche di servizi alla persona) 1. Le Aziende pubbliche di servizi alla persona di cui al capo II della legge regionale 11 dicembre 2003, n. 19 (Riordino del sistema delle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza nella Regione Friuli Venezia Giulia), che operano nel campo socioassistenziale e sociosanitario, sono inserite nel sistema integrato e partecipano alla programmazione in materia e alla gestione dei servizi, concorrendo in particolare alla definizione e attuazione dei Piani di zona. 2. Le Aziende pubbliche di servizi alla persona possono realizzare tra di loro, con enti locali e con altri enti pubblici o privati le forme di collaborazione e di cooperazione previste dalla vigente legislazione di settore. 3. Le Aziende pubbliche di servizi alla persona sono autorizzate a partecipare a societa’ a capitale misto pubblico e privato o a capitale interamente pubblico per la gestione ed erogazione degli interventi e servizi del sistema integrato. Art. 13 (Famiglie) 1. Nell’ambito della programmazione del sistema integrato e’ assicurata la piena valorizzazione delle risorse di solidarieta’ proprie delle famiglie. 2. Gli enti pubblici promuovono il coinvolgimento delle famiglie nell’organizzazione degli interventi e dei servizi, al fine di migliorarne la qualita’ e l’efficienza. Art. 14 (Terzo settore, volontariato e altri soggetti senza scopo di lucro) 1. La Regione e gli enti locali, in attuazione del principio di sussidiarieta’ e al fine di valorizzare le risorse e le specificita’ delle comunita’ locali regionali, riconoscono il ruolo sociale dei soggetti del terzo settore e degli altri soggetti senza scopo di lucro e promuovono azioni per il loro sviluppo, qualificazione e sostegno. 2. Ai fini della presente legge si considerano soggetti del terzo settore: a) gli enti e le istituzioni appartenenti al settore privato-sociale e operanti senza fini di lucro; b) le cooperative sociali e loro organismi rappresentativi; c) le organizzazioni di volontariato; d) le associazioni di promozione sociale; e) le fondazioni. 3. I soggetti di cui al comma 2, nonche’ gli istituti di patronato e di assistenza sociale, gli enti riconosciuti delle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese e gli altri soggetti privati non aventi scopo di lucro concorrono alla programmazione in materia sociale, sociosanitaria e socioeducativa. Tali soggetti, ciascuno secondo le proprie specificita’, partecipano altresi’ alla progettazione, attuazione, erogazione e, qualora non fornitori di servizi e interventi, alla valutazione dell’efficacia degli interventi e servizi del sistema integrato. E’ promosso, prioritariamente, il coinvolgimento dei soggetti operanti, che apportano risorse materiali o immateriali proprie. 4. La Regione e gli enti locali valorizzano l’apporto del volontariato nel sistema integrato come espressione organizzata di partecipazione civile e di solidarieta’ sociale, come risposta autonoma e gratuita della comunita’ ai propri bisogni, nonche’ come affiancamento ai servizi finalizzato a favorire il continuo adeguamento dell’offerta ai cittadini. 5. La Regione e gli enti locali, nell’ambito del sistema integrato, promuovono e valorizzano la partecipazione dei cittadini che in forme individuali, familiari o associative realizzano iniziative di solidarieta’ sociale senza scopo di lucro. 6. La Regione, per le finalita’ di cui alla legge 6 marzo 2001, n. 64 (Istituzione del servizio civile nazionale), e di cui al decreto legislativo 5 aprile 2002, n. 77 (Disciplina del Servizio civile nazionale a norma dell’articolo 2 della legge 6 marzo 2001, n. 64), promuove il servizio civile, al fine di valorizzare la solidarieta’ e l’impegno sociale, nonche’ quale esperienza di cittadinanza attiva. Art. 15 (Relazioni con le organizzazioni sindacali) 1. La Regione e gli enti locali, secondo le proprie competenze, attuano la presente legge garantendo l’informazione, la consultazione, la concertazione e la contrattazione sindacale, secondo le previsioni della vigente normativa statale e regionale, dei contratti nazionali e degli accordi decentrati. 2. La Regione e gli enti locali assicurano la concertazione anche con le organizzazioni sindacali in merito agli atti di natura programmatoria e regolamentare derivanti dalla presente legge. Art. 16 (Altri soggetti privati) 1. I soggetti privati a scopo di lucro operanti nel settore sociale, sociosanitario e socioeducativo concorrono alla gestione e all’offerta dei servizi, nonche’ alla progettazione e alla realizzazione concertata degli interventi, secondo le modalita’ di cui alla presente legge. CAPO IV Organizzazione territoriale Art. 17 (Servizio sociale dei Comuni) 1. I Comuni esercitano la funzione di programmazione locale del sistema integrato e gestiscono i servizi di cui all’articolo 6, comma 2, lettere a), b), d) ed e), nonche’ le attivita’ relative all’autorizzazione, vigilanza e accreditamento di cui agli articoli 31, 32 e 33, in forma associata negli ambiti dei distretti sanitari di cui all’articolo 21 della legge regionale 30 agosto 1994, n. 12 (Disciplina dell’assetto istituzionale ed organizzativo del Servizio sanitario regionale ed altre disposizioni in materia sanitaria e sullo stato giuridico del personale regionale), e successive modifiche, di seguito denominati ambiti distrettuali. 2. Oltre a quanto previsto al comma 1, i Comuni esercitano in forma associata le altre funzioni e servizi attribuiti dalla normativa regionale di settore, nonche’ quelli ulteriori eventualmente individuati dai Comuni interessati. 3. I Comuni determinano, con la convenzione di cui all’articolo 18, la forma e le modalita’ di collaborazione per l’esercizio associato delle funzioni e dei servizi di cui ai commi 1 e 2. 4. L’esercizio associato delle funzioni e dei servizi assume la denominazione di Servizio sociale dei Comuni e costituisce requisito per accedere agli incentivi regionali. 5. Il Servizio sociale dei Comuni e’ dotato di un responsabile e di un ufficio di direzione e programmazione di ambito distrettuale e articola la propria organizzazione in modo da garantire i servizi, gli interventi e le attivita’ di cui ai commi 1 e 2. 6. L’ufficio di direzione e programmazione e’ struttura tecnica di supporto all’Assemblea dei sindaci di ambito distrettuale di cui all’articolo 20 per la realizzazione del sistema locale degli interventi e servizi sociali. 7. Qualora l’ambito distrettuale comprenda il territorio di un solo Comune o parte di esso, le disposizioni di cui al presente articolo sono riferite al Comune singolo. Art. 18 (Convenzione istitutiva del Servizio sociale dei Comuni) 1. Il Servizio sociale dei Comuni e’ disciplinato da una convenzione promossa dall’Assemblea dei sindaci di ambito distrettuale e approvata con deliberazioni conformi dei consigli comunali, adottate a maggioranza assoluta dei componenti. 2. La convenzione di cui al comma 1 individua la forma di collaborazione tra gli enti locali per la realizzazione del Servizio sociale dei Comuni, scegliendola tra la delega a un Comune capofila individuato nella medesima convenzione, la delega all’Azienda per i servizi sanitari, la delega a un’Azienda pubblica di servizi alla persona con sede legale e strutture sul territorio di ambito distrettuale o altra tra le forme associative di cui alla normativa vigente, di seguito denominati enti gestori. 3. La convenzione disciplina: a) la durata della gestione associata; b) le funzioni e i servizi da svolgere in forma associata, nonche’ i criteri generali relativi alle modalita’ di esercizio; c) i criteri e le procedure di nomina del Responsabile del Servizio sociale dei Comuni di cui all’articolo 21, nonche’ la costituzione, le competenze e le modalita’ di funzionamento dell’ufficio di direzione e programmazione di ambito distrettuale; d) i rapporti finanziari; e) le modalita’ di informazione ai consigli comunali sull’andamento annuale della gestione del Servizio sociale dei Comuni. Art. 19 (Delega) 1. L’atto di delega individua le modalita’ attuative della convenzione di cui all’articolo 18. 2. In caso di delega, presso l’ente delegato e’ costituita una pianta organica aggiuntiva nella quale e’ inserito il personale che nei Comuni associati svolge compiti relativi alle funzioni e ai servizi esercitati in forma associata, nonche’ quello di eventuale nuova assunzione. 3. L’ente delegato, d’intesa con l’Assemblea dei sindaci di ambito distrettuale, definisce il numero e il profilo professionale del personale da inserire nella pianta organica di cui al comma 2, nonche’ le modalita’ organizzative del Servizio sociale dei Comuni, in coerenza con la programmazione annuale e pluriennale. 4. Il personale messo a disposizione dai Comuni associati conserva a ogni effetto lo stato giuridico e il trattamento economico propri del profilo e della categoria di inquadramento contrattuale rivestiti presso l’ente di appartenenza. 5. Le Aziende per i servizi sanitari e le Aziende pubbliche di servizi alla persona alle quali e’ demandata la gestione del personale osservano, anche in materia di assunzioni, le norme in vigore nel settore degli enti locali. 6. Gli oneri delle attivita’ delegate sono a carico dei Comuni deleganti e sono oggetto di specifica contabilizzazione. 6 bis. Nei limiti del fabbisogno programmato, le nuove assunzioni di personale da parte dell’ente gestore sono effettuate nel rispetto delle norme in materia di patto di stabilita’ e di contenimento della spesa del personale che si applicano alle autonomie locali del Friuli Venezia Giulia. 7. In caso di revoca della delega, il personale inserito nella pianta organica aggiuntiva, compreso quello di nuova assunzione, e’ trasferito al nuovo ente gestore, ovvero, qualora necessario e d’intesa fra le amministrazioni interessate, anche ai Comuni deleganti previa integrazione delle relative piante organiche. Art. 20 (Assemblea dei sindaci di ambito distrettuale) 1. In ogni ambito distrettuale e’ istituita l’Assemblea dei sindaci di ambito distrettuale. 2. La costituzione dell’Assemblea e’ promossa per iniziativa del sindaco del Comune piu’ popoloso dell’ambito distrettuale di pertinenza. Essa e’ composta dai sindaci di tutti i Comuni dell’ambito distrettuale, ovvero dagli assessori o dai consiglieri delegati in via permanente. L’Assemblea elegge al suo interno il Presidente. 3. Alle riunioni dell’Assemblea partecipano, senza diritto di voto, il Direttore generale dell’Azienda per i servizi sanitari o un suo delegato, il Coordinatore sociosanitario dell’Azienda medesima, il Responsabile del Servizio sociale dei Comuni e il Direttore di distretto. Possono essere invitati alle riunioni i rappresentanti dei soggetti di cui all’articolo 1, comma 4, della legge 328/2000, nonche’ i rappresentanti di altre amministrazioni pubbliche dell’ambito distrettuale. 4. L’Assemblea e’ organo di indirizzo e di alta amministrazione del Servizio sociale dei Comuni. Le deliberazioni dell’Assemblea sono vincolanti nei confronti dei soggetti individuati ai sensi dell’articolo 18, comma 2. 5. L’Assemblea svolge le seguenti attivita’: a) promuove, tramite il Presidente, la stipulazione della convenzione istitutiva del Servizio sociale dei Comuni; b) attiva, tramite il Presidente, il processo preordinato alla definizione del Piano di zona di cui all’articolo 24 e alla stipulazione del relativo accordo di programma; c) elabora le linee di programmazione e progettazione del sistema locale integrato degli interventi e servizi sociali, nonche’ dei programmi e delle attivita’ del Servizio sociale dei Comuni; d) esprime indirizzi in merito alla composizione e funzione della dotazione organica del Servizio sociale dei Comuni; e) partecipa al processo di programmazione territoriale, tramite intesa sul Programma delle attivita’ territoriali (PAT), rispetto al quale concorre inoltre alla verifica del raggiungimento degli obiettivi di salute; f) esprime il parere sulla nomina del Direttore di distretto e sulla sua conferma. Qualora l’Azienda per i servizi sanitari gestisca, in delega, anche i servizi socioassistenziali, il parere espresso e’ vincolante; g) verifica l’attuazione degli obiettivi assegnati al Direttore di distretto; h) svolge le ulteriori funzioni attribuite dai Comuni dell’ambito distrettuale. 6. L’Assemblea puo’ individuare al suo interno una piu’ ristretta rappresentanza per compiti attuativi di determinazioni collegialmente assunte o per l’elaborazione di progettualita’ specifiche. 7. Il funzionamento dell’Assemblea e’ disciplinato da un regolamento interno, approvato dall’Assemblea medesima, con il voto favorevole della maggioranza dei componenti. 8. Qualora l’ambito distrettuale comprenda il territorio di un solo Comune o di parte di esso, i compiti dell’Assemblea sono attribuiti al sindaco del Comune medesimo, salve restando le funzioni consultive dei soggetti di cui al comma 3. Art. 21 (Responsabile del Servizio sociale dei Comuni) 1. Il Responsabile del Servizio sociale dei Comuni e’ individuato dall’ente gestore tra il personale a sua disposizione, tra il personale dei Comuni associati ovvero tra personale esterno ed e’ nominato in base ai criteri e alle procedure individuati ai sensi dell’articolo 18, comma 3, lettera c). 2. Costituiscono requisiti per la nomina del Responsabile del Servizio sociale dei Comuni il possesso del diploma di laurea almeno quadriennale o l’iscrizione alla sezione A dell’albo professionale dell’Ordine degli assistenti sociali, nonche’ l’aver svolto attivita’ direttiva o di coordinamento per un periodo non inferiore a cinque anni nel settore socioassistenziale. 3. Il Responsabile del Servizio sociale dei Comuni: a) assume le funzioni di direzione del servizio; b) pianifica e gestisce il personale assegnato al servizio; c) pianifica e gestisce le risorse finanziarie assegnate; d) pianifica e gestisce le risorse strumentali assegnate; e) e’ responsabile dell’ufficio di cui all’articolo 17, comma 5. 4. L’ente gestore, fermi restando i requisiti soggettivi e le procedure di nomina di cui al comma 1, puo’ disporre nuove assunzioni. Capo V Metodi e strumenti di programmazione, concertazione e partecipazione Art. 22 (Comitato per l’integrazione delle politiche per la cittadinanza sociale) 1. Per le finalita’ di cui all’articolo 3 e per l’attuazione integrata delle politiche di cui al titolo III, capo I, la Direzione generale dell’Amministrazione regionale svolge funzioni di impulso dell’attivita’ delle Direzioni centrali che intervengono nelle materie di cui all’articolo 3, garantendone il coordinamento e la continuita’ dell’azione amministrativa. 2. Ai fini dell’attivita’ di coordinamento di cui al comma 1, e’ istituito presso la Direzione generale il Comitato per l’integrazione delle politiche per la cittadinanza sociale, composto dal Direttore generale, con funzioni di presidente, e dai Direttori centrali competenti nelle materie di cui all’articolo 3. Art. 23 (Piano regionale degli interventi e dei servizi sociali) 1. Il Piano regionale degli interventi e dei servizi sociali, di seguito denominato Piano sociale regionale, promuove azioni volte a garantire la qualita’ della vita, pari opportunita’, non discriminazione e diritti di cittadinanza e definisce politiche integrate per la prevenzione, riduzione ed eliminazione delle condizioni di bisogno e di disagio, nonche’ per il contrasto dell’istituzionalizzazione. 2. Il Piano sociale regionale e’ coordinato con la programmazione regionale in materia sanitaria, sociosanitaria, educativa, formativa, del lavoro, culturale, abitativa e dei trasporti e nelle altre materie afferenti alle politiche sociali ed e’ predisposto in conformita’ ai principi di sussidiarieta’ e adeguatezza, secondo il metodo della concertazione. 3. Il Piano sociale regionale, tenuto conto delle politiche di cui al titolo III, capo I, indica in particolare: a) gli obiettivi di benessere sociale da perseguire, i fattori di rischio sociale da contrastare e i relativi indicatori di verifica; b) le aree e le azioni prioritarie di intervento, nonche’ le tipologie dei servizi, degli interventi e delle prestazioni; c) i livelli essenziali delle prestazioni sociali da garantire sul territorio regionale e le condizioni di esigibilita’ delle medesime; d) le modalita’ di finanziamento del sistema integrato; e) le esigenze e gli interventi relativi alla formazione di base e alla formazione permanente del personale, da realizzarsi anche tramite attivita’ formative rivolte congiuntamente al personale appartenente al settore sanitario e al settore sociale; f) i criteri per la sperimentazione di servizi e interventi volti a rispondere a nuovi bisogni sociali e a introdurre modelli organizzativi e gestionali innovativi; g) i criteri generali per l’accreditamento dei soggetti che concorrono alla realizzazione e gestione del sistema integrato; h) i criteri e le modalita’ per la predisposizione della Carta dei diritti e dei servizi sociali di cui all’articolo 28; i) i criteri e le modalita’ per la predisposizione di interventi e progetti integrati nelle materie di cui al comma 2; j) il fabbisogno di strutture residenziali e semiresidenziali per le diverse tipologie di utenza. 4. Il Piano sociale regionale ha durata triennale ed e’ approvato dalla Giunta regionale, previo parere della competente Commissione consiliare, che si esprime entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta, e successiva intesa con la Conferenza permanente per la programmazione sanitaria, sociale e sociosanitaria regionale. L’intesa interviene entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta. Decorso inutilmente tale termine, il Piano sociale regionale puo’ essere motivatamente approvato prescindendo dall’intesa. 5. La rilevazione delle condizioni di bisogno di cui al comma 1 viene effettuata mediante l’utilizzo di indicatori omogenei ai settori sanitario e socioassistenziale, definiti dalla Giunta regionale. Art. 24 (Piano di zona) 1. Il Piano di zona (PDZ) e’ lo strumento fondamentale per la definizione del sistema integrato degli interventi e servizi sociali del territorio di competenza dei Comuni associati negli ambiti distrettuali. Il PDZ costituisce inoltre mezzo di partecipazione degli attori sociali al sistema integrato. 2. Il PDZ e’ definito in coerenza con la programmazione regionale ed e’ coordinato con la programmazione locale in materia sanitaria, educativa, formativa, del lavoro, culturale, abitativa e dei trasporti e nelle altre materie afferenti alle politiche sociali. 3. Il PDZ e’ informato ai principi di responsabilita’, solidarieta’ e sussidiarieta’ e deve garantire un sistema efficace, efficiente, capace di produrre promozione, prevenzione, cura, tutela e inclusione sociale, anche attraverso il coinvolgimento delle risorse locali di solidarieta’ e di auto-mutuo aiuto. 4. Il PDZ definisce in particolare: a) l’analisi del bisogno; b) gli obiettivi di sviluppo, tutela e inclusione sociale e i relativi indicatori di verifica; c) gli obiettivi di sistema dei servizi e le priorita’ di intervento; d) le modalita’ organizzative dei servizi; e) le attivita’ di tipo integrato previste dagli articoli 55, 56 e 57; f) le risorse necessarie a realizzare il sistema integrato degli interventi e servizi sociali locali e le quote rispettivamente a carico dell’Azienda per i servizi sanitari e dei Comuni necessarie per l’integrazione sociosanitaria; g) le modalita’ di coordinamento con gli organi periferici delle amministrazioni statali; h) le modalita’ di collaborazione tra servizi e soggetti impegnati nelle diverse forme di solidarieta’ sociale; i) le forme di concertazione con l’Azienda per i servizi sanitari, per garantire la cooperazione nell’ambito delle aree ad alta integrazione sociosanitaria; j) le forme e gli strumenti comunicativi per favorire la conoscenza e la valutazione partecipata dei cittadini in merito alle attivita’, alle prestazioni e ai servizi disponibili, compresa la redazione, da parte degli enti e organismi gestori, del bilancio sociale. 5. Il PDZ puo’ prevedere progetti di comunita’ riguardanti azioni e attivita’ di prevenzione sociosanitaria e di promozione di adeguati stili di vita, diretti a gruppi a rischio sociale o sanitario, nonche’ a fasce di popolazione interessate da problematiche connesse ai cicli vitali dell’individuo e della famiglia. 6. Il PDZ e’ definito dai Comuni associati di cui al comma 1, con il concorso delle Aziende per i servizi sanitari, delle Aziende pubbliche di servizi alla persona, delle Province e di tutti i soggetti di cui all’articolo 1, comma 4, della legge 328/2000, attivi nella programmazione e delle organizzazioni dei cittadini e delle loro associazioni, sentito il parere delle rappresentanze territoriali delle associazioni e degli organismi di cui all’articolo 27, comma 3, lettere h), i), o), q), r), s), t) e u). Il parere e’ reso entro trenta giorni dalla richiesta. Decorso inutilmente tale termine, si prescinde dal parere. 7. Il PDZ e’ approvato con accordo di programma, promosso dal Presidente dell’Assemblea dei sindaci di ambito distrettuale e sottoscritto dallo stesso, dai sindaci dei Comuni dell’ambito territoriale di pertinenza e, in materia di integrazione sociosanitaria, dal Direttore generale dell’Azienda per i servizi sanitari. E’ sottoscritto altresi’ dai Presidenti delle Aziende pubbliche di servizi alla persona e delle Province, nonche’ dai soggetti di cui all’articolo 1, comma 4, della legge 328/2000, i quali partecipano alla conferenza finalizzata alla stipulazione dell’accordo di programma e concorrono all’attuazione degli obiettivi del PDZ con risorse proprie. 8. Il PDZ ha validita’ triennale e viene aggiornato annualmente nei limiti e secondo le modalita’ stabilite con l’accordo di programma di cui al comma 7. 9. Le attivita’ sociosanitarie previste dal PDZ devono essere coincidenti con le omologhe previsioni del Programma delle attivita’ territoriali (PAT). Art. 25 (Sistema informativo dei servizi sociali regionale) 1. La Regione, avvalendosi della collaborazione delle Province e dei Comuni, istituisce presso la Direzione centrale competente in materia di salute e protezione sociale il Sistema informativo dei servizi sociali regionale (SISS), quale supporto alla funzione di programmazione, gestione, monitoraggio e valutazione delle politiche regionali del sistema integrato. 2. Il SISS assicura la disponibilita’ dei dati relativi all’analisi dei bisogni sociali, al corretto ed efficace utilizzo delle risorse e allo stato dei servizi. Il SISS assicura inoltre la pubblicita’ dei dati raccolti. 3. La Giunta regionale definisce le caratteristiche e il modello organizzativo del SISS. 4. La Regione assicura il collegamento del SISS con il sistema informativo sanitario, nonche’ con i sistemi delle altre aree dell’integrazione sociale e dispone le necessarie connessioni con la rete dei sistemi informativi delle Province, dei Comuni e degli altri soggetti pubblici e privati, anche attraverso la sottoscrizione di protocolli d’intesa. 5. La Regione assicura, in collaborazione con le Province, la formazione continua del personale addetto dei servizi sociali dei Comuni finalizzata al corretto funzionamento del SISS. 6. I soggetti operanti nel sistema integrato sono tenuti a fornire periodicamente le informazioni richieste, affinche’ confluiscano e siano organizzate nel SISS. Art. 26 (Osservatorio delle politiche di protezione sociale) 1. L’osservatorio delle politiche di protezione sociale consiste nelle funzioni di monitoraggio, analisi e valutazione dell’attuazione delle politiche sociali, nonche’ di previsione dei fenomeni sociali. La Direzione centrale competente in materia di salute e protezione sociale svolge dette funzioni in coordinamento con le altre iniziative di osservatorio promosse dalla Regione. 2. Per lo svolgimento delle attivita’ dell’osservatorio, l’Amministrazione regionale e’ autorizzata ad avvalersi di collaborazioni con Universita’ degli studi, istituti di ricerca e altri soggetti pubblici e privati. 3. I risultati dell’attivita’ dell’osservatorio costituiscono oggetto di un rapporto periodico denominato Relazione sociale, pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione e diffuso con strumenti telematici. Art. 27 (Commissione regionale per le politiche sociali) 1. Al fine di assicurare il concorso delle parti sociali nella determinazione delle politiche in materia socioassistenziale, sociosanitaria e socioeducativa, nonche’ nella definizione delle relative scelte programmatiche di indirizzo, e’ istituita la Commissione regionale per le politiche sociali, di seguito denominata Commissione regionale. 2. La Commissione regionale svolge funzioni consultive e propositive in materia di sistema integrato ed esprime parere sul Piano sociale regionale. 3. La Commissione regionale e’ costituita con decreto del Presidente della Regione, previa deliberazione della Giunta regionale, su proposta dell’Assessore competente in materia di salute e protezione sociale, ed e’ composta da: a) l’Assessore competente in materia di salute e protezione sociale, con funzioni di Presidente; b) il Direttore centrale competente in materia di salute e protezione sociale o suo delegato; c) il Direttore dell’Agenzia regionale della sanita’ o suo delegato; d) il Direttore del Servizio competente per le attivita’ socioassistenziali o suo delegato; e) un rappresentante designato dalla Conferenza permanente per la programmazione sanitaria, sociale e sociosanitaria regionale; f) tre rappresentanti designati dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) – Friuli Venezia Giulia; g) un rappresentante designato dall’Unione Province Italiane (UPI) – Friuli Venezia Giulia; h) tre rappresentanti designati dalle organizzazioni sindacali comparativamente piu’ rappresentative sul territorio regionale; i) un rappresentante designato dal Coordinamento delle associazioni dei pensionati dei lavoratori autonomi (CAPLA); j) due rappresentanti designati congiuntamente dalle associazioni dei consumatori e degli utenti iscritte nell’elenco di cui all’articolo 5 della legge regionale 24 maggio 2004, n. 16 (Norme per la tutela dei consumatori e degli utenti); k) due rappresentanti designati congiuntamente dalle associazioni di rappresentanza delle cooperative sociali; l) due rappresentanti designati dal Comitato regionale del volontariato; l bis) due rappresentanti designati congiuntamente dalle associazioni di promozione sociale iscritte nel registro di cui all’articolo 13, comma 18, della legge regionale 15 maggio 2002, n. 13 (Disposizioni collegate alla legge finanziaria 2002); m) due rappresentanti designati dall’Ordine degli assistenti sociali; n) un rappresentante designato dalla Commissione regionale per le pari opportunita’ tra uomo e donna; o) due rappresentanti designati dalla Consulta regionale delle associazioni dei disabili; p) due rappresentanti designati congiuntamente dalle associazioni di cui alla legge regionale 2 maggio 2001, n. 14 (Rappresentanza delle categorie protette presso la pubblica amministrazione); q) due rappresentanti designati dall’Unione regionale delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura del Friuli Venezia Giulia; r) due rappresentanti designati dall’Associazione regionale enti d’assistenza (AREA); s) un rappresentante designato dall’Associazione nazionale strutture terza eta’ (ANASTE); t) due rappresentanti designati dall’Unione nazionale istituzioni e iniziative di assistenza sociale (UNEBA); u) un rappresentante designato dalla Federazione degli imprenditori socio-assistenziali (FISA); v) un rappresentante designato congiuntamente dagli enti riconosciuti delle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese, che operano a favore della comunita’ regionale nell’ambito del sistema integrato. 3 bis. La Commissione puo’ essere validamente costituita con la nomina di almeno due terzi dei componenti, fatta salva la sua successiva integrazione. 4. Alle sedute della Commissione regionale partecipano gli assessori regionali competenti per le materie in discussione. Possono essere invitati a partecipare altri soggetti, in relazione agli argomenti trattati. 5. La Commissione regionale ha sede presso la Direzione centrale competente in materia di salute e protezione sociale e rimane in carica per la durata della legislatura regionale. Si riunisce almeno due volte all’anno, ogni volta che il Presidente lo ritenga necessario o entro trenta giorni dalla presentazione di una richiesta motivata di un terzo dei componenti. Puo’ essere articolata in sottocommissioni. 6. Le riunioni della Commissione regionale sono valide con la presenza della maggioranza dei suoi componenti. Le decisioni sono adottate con il voto favorevole della maggioranza dei presenti. In caso di parita’ prevale il voto del Presidente. 7. Le funzioni di segretario sono svolte da un dipendente regionale di categoria non inferiore a C, nominato dal Direttore centrale competente. Con deliberazione della Giunta regionale sono determinate le indennita’ destinate ai componenti della Commissione. Art. 28 (Carta dei diritti e dei servizi sociali) 1. Al fine di tutelare i diritti di cittadinanza sociale e di garantire la trasparenza, consentendo ai cittadini di fare scelte appropriate, i soggetti pubblici e privati erogatori di servizi sociali adottano la Carta dei diritti e dei servizi sociali, in conformita’ agli indirizzi del Piano sociale regionale. 2. La Carta dei diritti e dei servizi sociali e’ esposta nel luogo in cui sono erogati i servizi e contiene le informazioni sulle prestazioni offerte, sui criteri di accesso, sulle modalita’ di erogazione e sulle tariffe praticate. Essa inoltre riconosce il diritto a forme di consultazione e di valutazione della qualita’ dei servizi e indica le modalita’ di ricorso in caso di mancato rispetto degli standard e delle garanzie previste. 3. La Carta dei diritti e dei servizi sociali costituisce requisito necessario per l’autorizzazione e per l’accreditamento dei servizi e delle strutture. Art. 29 (Uffici di tutela degli utenti) 1. Al fine di garantire il rispetto da parte dei soggetti erogatori degli standard e delle garanzie previsti nelle carte dei servizi, e’ istituito in ciascun Servizio sociale dei Comuni un ufficio di tutela degli utenti. 2. Per l’esercizio delle funzioni di cui al comma 1, il Servizio sociale dei Comuni puo’ avvalersi degli istituti di patronato e di assistenza sociale presenti nel territorio di pertinenza, attraverso la stipula di apposita convenzione. Art. 30 (Strumenti di controllo della qualita’) 1. Al fine di assicurare che gli interventi e servizi sociali siano orientati alla qualita’ in termini di adeguatezza delle risposte ai bisogni, all’efficacia ed efficienza dei metodi e degli interventi, nonche’ ai fini dell’accreditamento di cui all’articolo 33, la Giunta regionale definisce con atto di indirizzo specifici standard e indicatori di qualita’ utili a verificare e valutare i seguenti parametri: a) qualita’ dei servizi e delle prestazioni erogate; b) congruita’ dei risultati raggiunti con i bisogni espressi; c) efficace utilizzo delle risorse finanziarie impiegate; d) flessibilita’ organizzativa; e) coinvolgimento e ottimale utilizzo di tutte le risorse del territorio; f) personalizzazione degli interventi e dei servizi sulla base della domanda espressa dagli utenti. 2. L’atto indirizzo individua altresi’ gli strumenti e le modalita’ per assicurare la partecipazione al controllo dei cittadini e degli utenti dei servizi. 3. L’atto di indirizzo e’ adottato previo parere della competente Commissione consiliare e della Conferenza permanente per la programmazione sanitaria, sociosanitaria e sociale regionale, che si esprimono entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta. Decorso inutilmente tale termine, si prescinde dal parere. Capo VI Autorizzazione, accreditamento e affidamento dei servizi Art. 31 (Autorizzazione) 1. I servizi e le strutture a ciclo residenziale, semiresidenziale e diurno pubbliche e private che svolgono attivita’ socioassistenziali, socioeducative e sociosanitarie sono soggette al rilascio di autorizzazione all’esercizio. 2. L’autorizzazione e’ concessa, dal Comune nel cui territorio il servizio o la struttura e’ ubicata, alla persona fisica qualificata come titolare dell’attivita’ o al legale rappresentante della persona giuridica o della societa’, previa verifica del possesso dei requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi previsti dalle disposizioni statali e regionali in materia. 3. La responsabilita’ ai fini amministrativi e’ in capo al titolare dell’autorizzazione, anche nel caso di affidamento a terzi della gestione, in tutto o in parte, dei servizi erogabili. 4. L’autorizzazione ha carattere personale e non e’, in ogni caso, rilasciata ai soggetti che abbiano riportato condanna con sentenza passata in giudicato per un reato che incide sull’affidabilita’ morale e professionale. 5. In caso di cessione, a qualsiasi titolo, dell’attivita’ o della societa’, di modifica della rappresentanza legale della stessa, nonche’ di trasformazione dei servizi e delle strutture, si provvede alla modifica o alla conferma dell’autorizzazione, ovvero al rilascio di nuova autorizzazione, secondo le modalita’ stabilite con il regolamento di cui al comma 7. 6. La cessazione dell’attivita’ svolta e’ comunicata almeno centoventi giorni prima all’ente che ha rilasciato l’autorizzazione e determina la decadenza dell’autorizzazione. 7. Con regolamento regionale sono definiti: a) la tipologia dei servizi e delle strutture soggette ad autorizzazione; b) i requisiti minimi generali e specifici per il funzionamento dei servizi e delle strutture di cui al comma 1; c) le procedure per il rilascio, la modifica o la conferma delle autorizzazioni di cui ai commi 1 e 5; d) le modalita’ dell’esercizio delle funzioni di vigilanza e i provvedimenti conseguenti in caso di violazioni. 8. Le strutture deputate a ospitare soggetti che necessitano di prestazioni sanitarie e sociosanitarie ad alta integrazione sanitaria strutturate e continuative, unitamente a prestazioni socioassistenziali, sono le strutture sociosanitarie di cui all’articolo 8 ter, comma 1, lettera c), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 (Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell’articolo 1 della legge 23 ottobre 1992, n. 421). Tali strutture sono soggette ad autorizzazione alla realizzazione e all’esercizio, in conformita’ a quanto disposto dall’articolo 4 della legge regionale 9 marzo 2001, n. 8 (Disposizioni urgenti in attuazione del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, come modificato dal decreto legislativo 19 giugno 1999, n. 229 e altre disposizioni in materia di sanita’ e politiche sociali), e successive modifiche. Art. 32 (Vigilanza) 1. La funzione di vigilanza consiste nella verifica e nel controllo della rispondenza alla normativa vigente dei requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi delle strutture e dei servizi di cui all’articolo 31. La verifica comprende altresi’ la qualita’ e l’appropriatezza dei servizi e delle prestazioni erogate. 2. La vigilanza si esercita periodicamente ovvero, in caso di specifiche segnalazioni, mediante richiesta di informazioni, ispezioni e controlli sulle strutture e sui servizi. 3. La funzione e le attivita’ relative alla vigilanza sono esercitate dai Comuni in forma associata negli ambiti distrettuali. Art. 33 (Accreditamento) 1. L’accreditamento costituisce titolo necessario per la stipulazione di contratti con il sistema pubblico e presuppone il possesso di ulteriori specifici requisiti di qualita’ rispetto a quelli previsti per l’esercizio dell’attivita’. Il processo di accreditamento dei servizi e delle strutture pubbliche e private che svolgono attivita’ socioassistenziali, socioeducative e sociosanitarie e’ coordinato con i meccanismi previsti per l’accreditamento delle strutture sanitarie e l’accreditamento delle strutture sociosanitarie di cui all’articolo 31, comma 8. 2. Con regolamento regionale sono definite le procedure del processo di accreditamento e gli ulteriori requisiti di cui al comma 1, con particolare riferimento a: a) l’adozione della Carta dei diritti e dei servizi sociali e di strumenti di comunicazione e trasparenza; b) la localizzazione idonea ad assicurare l’integrazione e la fruizione degli altri servizi del territorio; c) il coordinamento con i servizi sanitari e con gli altri servizi sociali del territorio; d) l’adozione di programmi e di progetti assistenziali individualizzati; e) i requisiti professionali, nonche’ il rispetto dei contratti collettivi nazionali di lavoro; f) l’adozione di strumenti di valutazione e di verifica dei servizi erogati. 3. Il regolamento di cui al comma 2 e’ approvato previo parere della competente Commissione consiliare, che si esprime entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta. Decorso inutilmente tale termine, si prescinde dal parere. 4. Le attivita’ concernenti l’accreditamento sono esercitate dal Servizio sociale dei Comuni nel cui ambito territoriale il servizio o la struttura e’ ubicata, secondo le modalita’ stabilite dal regolamento di cui al comma 2. Il relativo provvedimento e’ rilasciato dal Comune ove ha sede la struttura o il servizio. 5. Le strutture accreditate sono convenzionabili con il sistema pubblico, senza impegno di utilizzo e di remunerazione dei posti convenzionati ma solo di quelli utilizzati dai cittadini assistibili, nei limiti del fabbisogno previsto dal Piano sociale regionale e dal Piano sanitario e sociosanitario regionale. 6. E’ istituito, presso la Direzione centrale competente in materia di salute e protezione sociale, il Registro delle strutture e dei servizi autorizzati e accreditati. Con regolamento regionale sono stabiliti i criteri e le modalita’ di iscrizione e tenuta del registro. Art. 34 (Sanzioni) 1. Costituiscono illecito amministrativo: a) lo svolgimento di servizi e la gestione di strutture a ciclo residenziale, semiresidenziale e diurno in assenza di autorizzazione o in contrasto con quanto specificatamente previsto dall’autorizzazione medesima; b) l’inosservanza degli obblighi di cui all’articolo 31, comma 6; c) il mancato rispetto delle disposizioni contenute nel regolamento di cui all’articolo 31, comma 7; d) il mancato rispetto delle prescrizioni impartite nell’ambito dell’attivita’ di vigilanza di cui all’articolo 32; e) l’utilizzo di forme di pubblicizzazione contenenti false indicazioni sulle rette e sulle prestazioni. 2. La tipologia e la misura delle sanzioni per gli illeciti di cui al comma 1 sono individuate con atto della Giunta regionale, previo parere della competente Commissione consiliare, che si esprime entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta. Decorso inutilmente tale termine, l’atto deliberativo puo’ essere motivatamente approvato. Art. 35 (Affidamento dei servizi) 1. Per l’affidamento dei servizi del sistema integrato si procede all’aggiudicazione secondo il criterio dell’offerta economicamente piu’ vantaggiosa, tenuto conto dei diversi elementi di qualita’ dell’offerta. E’ esclusa l’aggiudicazione basata esclusivamente sul criterio del prezzo piu’ basso. Alla valutazione del prezzo offerto non puo’ essere attribuito piu’ del 15 per cento dei punti totali previsti in sede di capitolato d’appalto. 2. L’affidamento dei servizi avviene altresi’ nel rispetto delle clausole dei contratti collettivi nazionali e degli accordi regionali, territoriali e aziendali di riferimento, sia per la parte economica che per la parte normativa, poste a garanzia del mantenimento del trattamento giuridico ed economico dei lavoratori interessati, ivi compresi i soci lavoratori di cooperative, nonche’ nel rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. 3. Alla realizzazione degli interventi e servizi di cui alla presente legge si provvede secondo modalita’ che ne garantiscano la continuita’. 4. Al soggetto aggiudicatario dei servizi e’ fatto divieto, pena la revoca dell’affidamento, nonche’ l’applicazione delle sanzioni previste dalla legge, di subappaltare i servizi stessi. 5. La Giunta regionale definisce con atto di indirizzo le modalita’ di affidamento dei servizi del sistema integrato conformemente a quanto previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 30 marzo 2001 (Atto di indirizzo e coordinamento sui sistemi di affidamento dei servizi alla persona ai sensi dell’articolo 5 della legge 8 novembre 2000, n. 328), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 14 agosto 2001, n. 188. 6. L’atto di indirizzo e’ approvato previo parere della competente Commissione consiliare, che si esprime entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta. Decorso inutilmente tale termine, si prescinde dal parere. Capo VII Risorse umane Art. 36 (Operatori del sistema integrato) 1. La Regione individua le seguenti figure professionali sociali operanti nell’ambito del sistema integrato: a) l’assistente sociale; b) l’educatore professionale; c) l’educatore della prima infanzia; d) l’animatore sociale; e) l’operatore socio-sanitario e l’assistente domiciliare e dei servizi tutelari. 2. Partecipano alla realizzazione del sistema integrato anche coloro che sono in possesso di titoli riconosciuti validi ai sensi della normativa vigente, attestanti l’acquisizione di competenze nei processi di assistenza alla persona, nonche’ gli operatori dell’inserimento lavorativo di cui all’articolo 37, comma 1, lettera d), della legge regionale 9 agosto 2005, n. 18 (Norme regionali per l’occupazione, la tutela e la qualita’ del lavoro). 3. La Regione, attesa l’ampia possibilita’ di utilizzo dell’operatore socio-sanitario, ne prevede l’impiego promuovendo un’ulteriore formazione specifica in relazione ai differenti contesti operativi. 4. Il titolo di assistente domiciliare e dei servizi tutelari e’ a esaurimento. 5. La Regione, nel rispetto dei principi fondamentali in materia di professioni stabiliti dallo Stato, definisce i profili e i livelli di formazione scolastica, universitaria e professionale per gli operatori del sistema integrato. 6. La Regione stabilisce i percorsi formativi degli operatori del sistema integrato da formare nell’ambito del sistema formativo regionale. 7. Nell’ambito della programmazione delle attivita’ di formazione di cui all’articolo 37, la Regione promuove la qualificazione degli operatori privi di titolo, in servizio da almeno due anni alla data di entrata in vigore della presente legge. 8. Gli operatori privi dei requisiti professionali, che alla data di entrata in vigore della presente legge siano in servizio da meno di due anni, accedono ai corsi di formazione di base. 9. Per gli operatori in servizio alla data di entrata in vigore della presente legge valgono i titoli di studio riconosciuti dalla normativa vigente al momento dell’assunzione. 10. E’ comunque fatto salvo il rispetto delle norme contrattuali vigenti e di quanto previsto dalla contrattazione nazionale, regionale e decentrata. Art. 37 (Attivita’ di formazione) 1. La formazione di base e permanente e la qualificazione del personale in servizio costituiscono strumento per la promozione della qualita’ e dell’efficacia del sistema integrato. 2. La Regione promuove la formazione di base, continua e permanente degli operatori del sistema integrato, tenendo in considerazione le esigenze di raccordo dei percorsi formativi e di integrazione delle diverse professionalita’. 3. La programmazione regionale delle iniziative per la formazione degli operatori del sistema integrato e’ predisposta dalla Regione con riferimento a quanto stabilito nel Piano sociale regionale e con il concorso degli enti locali. 4. La programmazione regionale di cui al comma 3 costituisce indirizzo per l’attuazione delle iniziative di qualificazione e di formazione permanente e continua degli operatori del sistema integrato, realizzate da enti accreditati per la gestione delle attivita’ di formazione professionale finanziate con risorse pubbliche, nonche’ per le attivita’ formative realizzate con il concorso delle istituzioni scolastiche di scuola secondaria superiore e delle Universita’ degli studi. 5. La Regione, in raccordo con gli enti locali, promuove iniziative formative a sostegno della qualificazione delle attivita’ dei soggetti del terzo settore e degli altri soggetti senza scopo di lucro. 6. I soggetti pubblici e privati erogatori degli interventi e servizi sociali promuovono e agevolano la partecipazione degli operatori a iniziative di formazione continua e permanente. Capo VIII Strumenti di finanziamento e compartecipazione al costo delle prestazioni Art. 38 (Finanziamento del sistema integrato) 1. Il sistema integrato e’ finanziato con le risorse stanziate dallo Stato, dalla Regione, dagli enti locali, dagli altri enti pubblici e dall’Unione europea, nonche’ con risorse private. Art. 39 (Finanziamento delle funzioni socioassistenziali, socioeducative e sociosanitarie dei Comuni) 1. Le risorse del Fondo sociale regionale di parte corrente, determinato annualmente con legge di bilancio, e quelle destinate dallo Stato alla realizzazione di interventi e servizi sociali, concorrono a sostenere finanziariamente la gestione dei servizi socioassistenziali, socioeducativi e sociosanitari di competenza dei Comuni singoli e associati. Tali risorse perseguono lo sviluppo omogeneo del sistema integrato in ambito regionale. 2. Una quota delle risorse di cui al comma 1 e’ destinata a favorire il superamento delle disomogeneita’ territoriali nell’offerta di servizi, a far fronte ai maggiori costi sostenuti dai Comuni che sono tenuti a erogare prestazioni aggiuntive rispetto a quelle erogate dalla generalita’ dei Comuni, nonche’ a promuovere e realizzare progetti o programmi innovativi e sperimentali sul territorio regionale. La Giunta regionale con apposito atto determina l’entita’ della quota da ripartire tra i Comuni singoli o associati, nonche’ i criteri e le modalita’ di utilizzo della stessa. 3. Con regolamento regionale, da adottarsi previa intesa con la Conferenza permanente per la programmazione sanitaria, sociale e sociosanitaria regionale, sono determinate le modalita’ di ripartizione tra i Comuni, singoli o associati, delle risorse non destinate alle finalita’ di cui al comma 2. L’intesa interviene entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta. Decorso inutilmente tale termine, il regolamento puo’ essere motivatamente adottato prescindendo dall’intesa. Art. 40 (Sostegno agli investimenti nei settori socioassistenziale, socioeducativo e sociosanitario) 1. L’Amministrazione regionale e’ autorizzata a istituire, a partire dall’anno 2008, un Fondo agevolativo regionale a favore di enti pubblici e di enti privati senza finalita’ di lucro dotati di personalita’ giuridica, per l’attivazione di contributi in conto capitale e di contributi annui costanti destinati a sostenere l’acquisto di immobili e di arredi e attrezzature, nonche’ la realizzazione di interventi di nuova costruzione e di adeguamento, straordinaria manutenzione e ristrutturazione di strutture destinate o da destinare a servizi socioeducativi e socioassistenziali, nonche’ a servizi sociosanitari per disabili e anziani. 2. L’Amministrazione regionale e’ altresi’ autorizzata a sostenere gli interventi previsti dal comma 1 da parte di enti privati con finalita’ di lucro mediante la concessione di contributi in conto interessi, che non possono superare l’ammontare degli interessi stessi, in relazione a un finanziamento accordato da soggetti autorizzati all’esercizio dell’attivita’ bancaria. L’erogazione del contributo in conto interessi avviene in piu’ quote nei confronti del soggetto beneficiario sulla base del piano di ammortamento, ovvero anche mediante l’erogazione diretta al soggetto autorizzato all’esercizio dell’attivita’ bancaria. 3. Le dotazioni del Fondo sono costituite da: a) conferimenti ordinari della Regione; b) conferimenti della Regione derivanti da operazioni finanziarie; c) conferimenti dello Stato; d) eventuali rientri derivanti da rideterminazioni o revoche di contributi regionali in conto capitale o annui costanti. 4. Con regolamento regionale sono definiti i criteri, le procedure e le modalita’ per la concessione delle agevolazioni di cui ai commi 1 e 2. 5. Gli enti beneficiari hanno l’obbligo di mantenere, pena la revoca dei contributi concessi, la destinazione dei beni immobili per cinque anni e dei beni mobili per due anni dal decreto di definizione della pratica contributiva, nel caso di contributi in conto capitale, ovvero per tutta la durata del rapporto contributivo, in caso di contributi pluriennali. Il mantenimento del vincolo di destinazione riguarda sia i soggetti beneficiari, sia i beni oggetto di contribuzione regionale. Art. 41 (Fondo per l’autonomia possibile e per l’assistenza a lungo termine) 1. La Regione istituisce il Fondo per l’autonomia possibile e per l’assistenza a lungo termine, rivolto a persone residenti in regione che, per la loro condizione di non autosufficienza, non possono provvedere alla cura della propria persona e mantenere una normale vita di relazione senza l’aiuto determinante di altri. 2. Tramite il Fondo si provvede al finanziamento di prestazioni e servizi destinati ai soggetti di cui al comma 1, con priorita’ per gli interventi diretti al sostegno della domiciliarita’. 3. Il Fondo e’ formato con risorse regionali e nazionali, nonche’ con risorse provenienti dalla fiscalita’ generale ed eventuali risorse di altri soggetti pubblici e privati. Alla ripartizione tra gli enti gestori del Servizio sociale dei Comuni si provvede secondo criteri stabiliti con provvedimento della Giunta regionale. 4. Le modalita’ di gestione del Fondo, nonche’ la tipologia dei servizi e degli interventi di cui al comma 2 sono disciplinate con atto della Giunta regionale, da adottarsi entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, previo parere della Conferenza permanente per la programmazione sanitaria, sociale e sociosanitaria regionale e della competente Commissione consiliare, che si esprimono entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta. Decorso inutilmente tale termine, si prescinde dal parere. Art. 42 (Compartecipazione al costo delle prestazioni) 1. La compartecipazione degli utenti al costo dei servizi e delle prestazioni trova applicazione da parte dei Comuni con riferimento alla situazione economica del richiedente ovvero del suo nucleo familiare, secondo gli indirizzi fissati dalla Giunta regionale, al fine di assicurarne l’omogenea applicazione territoriale. 2. In ordine alla valutazione della situazione economica, gli indirizzi di cui al comma 1 adattano alla realta’ regionale le determinazioni del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 109 (Definizioni di criteri unificati di valutazione della situazione economica dei soggetti che richiedono prestazioni sociali agevolate, a norma dell’articolo 59, comma 51, della legge 27 dicembre 1997, n. 449). TITOLO III AREE DI INTERVENTO DEL SISTEMA INTEGRATO, POLITICHE SOCIOSANITARIE INTEGRATE, PROGRAMMI SPECIALI DI SOSTEGNO AL REDDITO Capo I Aree di intervento del sistema integrato Art. 43 (Politiche per le famiglie) 1. La Regione promuove politiche per le famiglie, al fine di favorire l’assolvimento delle responsabilita’ familiari, sostenere la genitorialita’, la maternita’ e la nascita, individuare e affrontare precocemente le situazioni di disagio psico-sociale ed economico dei nuclei familiari e creare reti di solidarieta’ locali. 2. In particolare la Regione: a) valorizza le risorse di solidarieta’ delle famiglie e tra le famiglie e il principio di corresponsabilita’ dei genitori nei confronti dei figli, sostenendo, attraverso specifiche misure, le scelte procreative libere e responsabili; b) sostiene iniziative rivolte prioritariamente alle donne, per favorire il loro rientro nel sistema produttivo o il loro nuovo inserimento lavorativo dopo la maternita’ o al termine di impegni di cura in ambito familiare; c) promuove la solidarieta’ e le esperienze di auto-aiuto fra genitori, anche favorendo il loro associazionismo; d) sostiene le famiglie nelle diverse fasi del ciclo di vita e in particolari situazioni di criticita’; e) sostiene le famiglie impegnate a dare accoglienza e aiuto a persone in difficolta’, in particolare minori, anziani, disabili e persone affette da malattie mentali, anche attraverso attivita’ formative, di supporto consulenziale e agevolazioni economiche; f) promuove politiche per il sostegno alle responsabilita’ genitoriali; g) contrasta ogni forma di sfruttamento, maltrattamento e violenza in famiglia, anche attraverso l’attivazione degli interventi previsti dalla legge regionale 16 agosto 2000, n. 17 (Realizzazione di progetti antiviolenza e istituzione di centri per donne in difficolta’). Art. 44 (Politiche per l’infanzia e l’adolescenza) 1. La Regione promuove i diritti e le pari opportunita’ per l’infanzia e l’adolescenza, attraverso politiche che ne garantiscano la tutela, la protezione, la formazione e le cure necessarie per il benessere psicofisico, l’educazione e lo sviluppo in un idoneo ambiente familiare e sociale, con particolare riguardo verso i minori privi della famiglia naturale. 2. In particolare la Regione: a) sostiene il diritto del minore di crescere ed essere educato nella propria famiglia; b) promuove la rete dei servizi per la prima infanzia, in armonia con quanto disposto dalla legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 (Sistema educativo integrato dei servizi per la prima infanzia); c) promuove l’affidamento familiare del minore temporaneamente privo di cure familiari idonee e ne garantisce comunque, nell’impossibilita’ dell’affidamento, l’accoglienza presso comunita’ residenziali; d) promuove interventi nel campo educativo, formativo e del tempo libero, con particolare attenzione ai minori con disabilita’ e in situazioni di disagio; e) promuove collaborazioni educative tra realta’ scolastiche ed extrascolastiche, per prevenire il disagio adolescenziale e l’abbandono del sistema formativo, con particolare attenzione all’area penale minorile; f) realizza il superamento definitivo degli istituti per i minori e la loro riconversione in strutture residenziali con caratteristiche strutturali e organizzative di tipo familiare; g) contrasta ogni abuso, sfruttamento, maltrattamento e violenza sui minori, in qualsiasi ambito perpetrati; h) promuove attivita’ di formazione e aggiornamento del personale dei servizi pubblici e privati dedicati, al fine di favorire la diffusione di pratiche coerenti con il rispetto dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza; i) promuove la conoscenza e la trasferibilita’ dei progetti a favore dell’infanzia e dell’adolescenza che si caratterizzano per la loro particolare innovazione e trasversalita’; j) diffonde la conoscenza sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. 3. La Regione promuove una cultura della pianificazione e della progettazione degli spazi, edifici, aree e percorsi urbani, ispirate al rispetto e all’ascolto delle esigenze delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi, sostenendo coerenti interventi di innovazione e riqualificazione a misura dell’infanzia e dell’adolescenza. Art. 45 (Politiche per le persone anziane) 1. La Regione, in conformita’ a quanto previsto dalla legge regionale 19 maggio 1998, n. 10 (Norme in materia di tutela della salute e di promozione sociale delle persone anziane, nonche’ modifiche all’articolo 15 della legge regionale 37/1995 in materia di procedure per interventi sanitari e socio-assistenziali), e dall’ulteriore normativa regionale di settore, promuove politiche per le persone anziane atte a garantirne l’autonomia, l’autosufficienza e la partecipazione sociale, con particolare riguardo alle condizioni degli anziani totalmente non autosufficienti. 2. La Regione valorizza il ruolo delle persone anziane quali risorse positive all’interno delle famiglie e della societa’ e promuove un sistema di interventi e servizi diversificati in relazione ai bisogni, rivolto comunque a privilegiare la domiciliarita’, la vita di relazione e la partecipazione attiva nella comunita’ locale. 3. Per le finalita’ di cui ai commi 1 e 2, oltre a quanto gia’ previsto dalla normativa di settore, la Regione: a) favorisce le attivita’ di volontariato e di reciprocita’, compresi i servizi civici volontari di anziani, nonche’ dei ruoli attivi di utilita’ sociale degli anziani; b) sostiene lo sviluppo di servizi e strutture, quali centri sociali, centri diurni polifunzionali e laboratori, idonei a consentire scambi relazionali, anche intergenerazionali; c) sostiene la realizzazione di alloggi autonomi e unita’ abitative di dimensioni minime, collegati con un servizio di assistenza continua e garantita di carattere sanitario, domestico e sociale, per singoli o piu’ anziani, rispondenti alle esigenze di inclusione e di autosufficienza; d) promuove iniziative per assicurare, nelle strutture residenziali, il pieno rispetto della riservatezza e degli altri diritti individuali degli ospiti, il libero accesso di parenti e conoscenti, la qualita’ delle prestazioni, l’osservanza dei normali ritmi di vita e l’umanizzazione delle prestazioni. Art. 46 (Politiche per le persone con disabilita’) 1. La Regione, in conformita’ a quanto previsto dalla legge regionale 25 settembre 1996, n. 41 (Norme per l’integrazione dei servizi e degli interventi sociali e sanitari a favore delle persone handicappate e attuazione della legge 5 febbraio 1992, n. 104 “Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate”), e dall’ulteriore normativa regionale di settore, promuove politiche atte a rimuovere ogni forma di discriminazione e mancanza di pari opportunita’, a prevenire il verificarsi o l’aggravarsi di situazioni di disabilita’, a garantire l’inclusione sociale, lavorativa, l’autodeterminazione, l’autonomia, la protezione e la cura delle persone con disabilita’, con particolare riguardo verso le condizioni delle persone con disabilita’ gravi. 2. Per le finalita’ di cui al comma 1, oltre a quanto gia’ previsto dalla normativa di settore, la Regione: a) sostiene le famiglie che hanno al proprio interno persone disabili, anche promuovendo forme di auto-mutuo aiuto; b) promuove misure alternative al ricovero in strutture e servizi di sollievo, soluzioni abitative autonome e forme di residenzialita’ per le persone disabili gravi prive del sostegno familiare; c) assicura l’accesso a trasporti, servizi culturali, ricreativi e sportivi per migliorare la mobilita’ delle persone disabili, anche affette da gravi menomazioni fisiche o sensoriali; d) favorisce, in collaborazione con il sistema scolastico e universitario, la formazione indirizzata a progettare e realizzare abitazioni, uffici e luoghi di lavoro accessibili; e) promuove la diffusione delle informazioni sui problemi connessi alla disabilita’ e alla vita di relazione delle persone disabili. Art. 47 (Politiche per gli immigrati) 1. Le politiche per favorire l’integrazione sociale delle cittadine e cittadini stranieri immigrati e la loro tutela sono realizzate secondo quanto previsto dalla legge regionale 5/2005. Art. 48 (Politiche di contrasto alle dipendenze) 1. La Regione promuove politiche per la prevenzione e il recupero delle persone con problemi di dipendenza da sostanze legali e illegali, favorendo la realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi. 2. In particolare la Regione: a) promuove azioni e attivita’ dirette alla prevenzione sociosanitaria e alla diffusione di adeguati stili di vita per l’intera popolazione, dando priorita’ agli interventi a favore degli adolescenti e comunque delle fasce a maggior rischio di emarginazione sociale; b) promuove interventi di riqualificazione dei tessuti urbani, anche attraverso il sostegno alla realizzazione di luoghi di aggregazione e associativi; c) prevede forme di sostegno e di accompagnamento ai soggetti dipendenti e alle loro famiglie, favorendo iniziative di incontro, socializzazione ed elaborazione delle reciproche esperienze; d) sviluppa azioni finalizzate al reinserimento sociale, abitativo e lavorativo delle persone dipendenti da sostanze, anche qualora soggette a misure alternative alla detenzione; e) sostiene e valorizza l’attivita’ delle comunita’ terapeutiche; f) favorisce la sperimentazione di modalita’ di intervento innovative, sia sotto il profilo preventivo-educativo, sia sotto il profilo riabilitativo-inclusivo, in grado di intercettare nuovi bisogni e domande correlati alla continua evoluzione delle diverse forme di dipendenza; g) prevede specifiche forme di sostegno e accoglienza in strutture dedicate per le madri tossicodipendenti con figli minori. Art. 49 (Politiche a tutela della salute mentale) 1. La Regione promuove politiche per la tutela delle persone con problemi di salute mentale, favorendo la realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi. 2. In particolare la Regione: a) assicura interventi atti a garantire il sostegno e la protezione delle persone con disturbi mentali al proprio domicilio; b) promuove la realizzazione di case-famiglia e comunita’ alloggiative a favore di persone con disturbi mentali, che non possono risiedere in famiglia o presso il proprio domicilio, ovvero privi dei familiari che a essi provvedevano; c) promuove il superamento definitivo di situazioni residenziali istituzionalizzanti; d) promuove forme di auto-mutuo aiuto e servizi di sollievo; e) promuove azioni finalizzate all’integrazione lavorativa e all’inserimento socio-lavorativo delle persone con problemi di salute mentale; f) promuove azioni per favorire l’inclusione sociale di persone con disturbi mentali ricoverate negli ospedali psichiatrici giudiziari, anche tramite l’inserimento in comunita’ protette. Art. 50 (Politiche per le persone a rischio di esclusione sociale) 1. La Regione promuove politiche per le persone a rischio di esclusione sociale, al fine di prevenire e contrastare tutte le forme di emarginazione, nonche’ le situazioni di poverta’ economica e relazionale. 2. In particolare la Regione: a) promuove e sostiene le reti di solidarieta’ sociale; b) promuove e sostiene azioni di monitoraggio, assistenza e tutela legale per le vittime di ogni forma di discriminazione diretta e indiretta, nonche’ per le vittime delle situazioni di violenza o di grave sfruttamento, anche in ambito lavorativo; c) promuove progetti innovativi di prevenzione delle nuove poverta’ e di contrasto dei fenomeni emergenti di esclusione sociale; d) promuove interventi di sostegno finalizzati alla realizzazione di progetti individuali di inserimento e reinserimento sociale, lavorativo e formativo; e) promuove e sostiene servizi di informazione, orientamento, pronto intervento e di prima accoglienza. Art. 51 (Politiche per le persone detenute ed ex detenute) 1. La Regione promuove politiche per le persone detenute ed ex detenute. 2. In particolare la Regione: a) assicura interventi di sostegno a favore delle persone in esecuzione penale, anche attraverso il miglioramento delle condizioni di vita nelle carceri, con particolare riguardo alle persone con bisogni specifici, quali popolazione femminile, immigrati extracomunitari, persone con problemi di dipendenza, detenuti che necessitano di un particolare trattamento rieducativo in relazione al tipo di reato commesso; b) sostiene l’attivazione di interventi e servizi atti a consentire misure alternative alla detenzione di minori e di madri con figli minori; c) sostiene azioni finalizzate al reinserimento sociale, abitativo e lavorativo delle persone soggette a misure alternative alla detenzione o ex detenute. Art. 52 (Politiche per le persone senza fissa dimora) 1. La Regione promuove azioni per la presa in carico delle persone senza fissa dimora, tramite l’elaborazione di progetti individuali di accompagnamento sociale, finalizzati al recupero delle funzioni personali e sociali di base. 2. In particolare la Regione: a) favorisce la sensibilizzazione culturale della societa’ verso le persone senza fissa dimora; b) promuove processi integrati per lo sviluppo di percorsi di aiuto, sostegno e accompagnamento sociale all’autonomia; c) sostiene l’attivazione di strategie di approccio che favoriscano l’incontro e la conoscenza delle persone; d) sostiene l’attivazione di centri di prima accoglienza aperti ventiquattro ore su ventiquattro e di forme di accoglienza residenziale innovative, anche di tipo familiare, per la predisposizione e realizzazione di progetti individualizzati in grado di avviare le persone a un graduale inserimento nella comunita’. Art. 53 (Tempi di cura, tempi di lavoro e tempi delle citta’) 1. La Regione promuove le iniziative di riorganizzazione dei servizi pubblici e privati convenzionati, finalizzate a una crescente flessibilita’ delle prestazioni, al coordinamento degli orari e al risparmio di tempo per le attivita’ familiari. 2. La Regione e gli enti locali promuovono iniziative sperimentali per favorire la stipulazione di accordi tra le organizzazioni imprenditoriali e sindacali, che consentano forme di articolazione dell’attivita’ lavorativa dirette a conciliare tempi di vita e tempi di lavoro, promuovono e incentivano la costituzione di banche dei tempi, come definite dall’articolo 27 della legge 8 marzo 2000, n. 53 (Disposizioni per il sostegno della maternita’ e della paternita’, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle citta’), e di ogni altra iniziativa volta ad armonizzare i tempi delle citta’ con i tempi di cura della famiglia. Art. 54 (Modalita’ di attuazione) 1. Nell’ambito del Piano sociale regionale e del Piano sanitario e sociosanitario regionale sono definite le modalita’ per l’attuazione delle politiche di cui al presente capo riferite al sistema integrato. Capo II Politiche sociosanitarie integrate Art. 55 (Integrazione sociosanitaria) 1. L’integrazione sociosanitaria e’ finalizzata al coordinamento e all’integrazione tra i servizi sociali e i servizi sanitari, al fine di assicurare una risposta unitaria alle esigenze di salute e di benessere della persona, indipendentemente dal soggetto gestore degli interventi. 2. Le prestazioni sociosanitarie sono dirette alle persone con bisogni di salute complessi, che necessitano di risposte unitarie, sanitarie e di protezione sociale, anche di lungo periodo. Art. 56 (Prestazioni sociosanitarie) 1. Ai sensi dell’articolo 3 septies del decreto legislativo 502/1992, come inserito dall’articolo 3, comma 3, del decreto legislativo 229/1999, le prestazioni sociosanitarie si distinguono in: a) prestazioni sanitarie a rilevanza sociale; b) prestazioni sociosanitarie ad alta integrazione sanitaria; c) prestazioni sociali a rilevanza sanitaria. 2. Le prestazioni di cui al comma 1, lettere a) e b), sono assicurate dalle Aziende per i servizi sanitari. Le prestazioni di cui al comma 1, lettera c), sono assicurate dai Comuni. 3. Al fine di garantire la piena e uniforme realizzazione dell’integrazione sociosanitaria, la Regione determina le prestazioni da ricondurre alle tipologie del comma 1, nonche’ gli obiettivi, le funzioni, i criteri di erogazione, funzionamento e finanziamento delle prestazioni sociosanitarie. Art. 57 (Erogazione delle prestazioni sociosanitarie integrate) 1. L’assistenza sociosanitaria integrata e’ erogata di norma utilizzando lo strumento dei progetti personalizzati, redatti sulla scorta di valutazioni multidimensionali e di approcci multidisciplinari. 2. Per la definizione delle modalita’ tecnico-organizzative dei progetti di cui al comma 1, la Regione emana apposite linee guida. Capo III Programmi speciali di sostegno al reddito Art. 58 (Interventi di sostegno economico) 1. Per contribuire a promuovere l’autonomia di singoli o di nuclei familiari che non dispongono di adeguate risorse, i Comuni erogano contributi economici straordinari in relazione a temporanee situazioni di emergenza individuale o familiare, ovvero attuano interventi continuativi, limitatamente al permanere dello stato di bisogno. 2. I Comuni, in alternativa agli interventi di cui al comma 1, possono concedere prestiti sull’onore a tasso agevolato, secondo piani di restituzione concordati, tramite apposite convenzioni con istituti di credito. 3. Per la realizzazione della misura di cui al comma 2, la Regione promuove l’adesione degli istituti di credito e definisce, d’intesa con la Conferenza permanente per la programmazione sanitaria, sociale e sociosanitaria regionale, apposite linee guida. Art. 59

( ABROGATO )

TITOLO IV NORME FINALI, TRANSITORIE E FINANZIARIE Capo I Norme finali, transitorie e finanziarie Art. 60 (Potere sostitutivo) 1. In caso di mancato rispetto dei termini previsti per l’esercizio delle funzioni amministrative di cui alla presente legge o in caso di adozione di atti in violazione di prescrizioni vincolanti, la Giunta regionale, nel rispetto del principio di sussidiarieta’ e del principio di leale collaborazione, previa diffida ad adempiere entro un termine congruo, adotta i provvedimenti anche sostitutivi necessari ad assicurare il rispetto delle norme violate da parte degli enti locali. Art. 61 (Clausola valutativa) 1. La Giunta regionale, con cadenza triennale, informa il Consiglio regionale circa l’attuazione della presente legge, dando evidenza dei risultati ottenuti nella realizzazione e qualificazione del sistema integrato, in termini di miglioramento dell’offerta dei servizi a copertura della complessita’ dei bisogni delle persone e delle famiglie. 2. Per le finalita’ di cui al comma 1, entro il 31 marzo dell’anno successivo al triennio di riferimento, la Giunta regionale presenta al Consiglio una relazione, con particolare riferimento a: a) lo stato di attuazione del sistema integrato; b) le modalita’ di finanziamento del sistema integrato, evidenziando l’ammontare, le fonti e i criteri di ripartizione dei fondi agli enti locali e agli altri soggetti coinvolti nell’attuazione della legge; c) il grado di soddisfacimento dei bisogni delle persone che hanno usufruito degli interventi e dei servizi del sistema integrato, nonche’ il livello di qualita’ dei servizi resi e degli interventi attuati; d) l’andamento della spesa sociale dei Comuni, in relazione ai servizi resi e agli interventi attuati; e) l’attivita’ svolta e i risultati attesi dal Comitato per l’integrazione delle politiche per la cittadinanza sociale; f) le modalita’ di coinvolgimento del privato sociale e delle famiglie nella programmazione e gestione dei servizi e quali ne sono stati gli esiti; g) le iniziative realizzate per la formazione del personale addetto ai servizi, quali i contenuti della formazione erogata e in che modo l’attivita’ di formazione ha contribuito al miglioramento della qualita’ dei servizi; h) l’impatto di genere. 3. La relazione e’ resa pubblica insieme agli eventuali documenti del Consiglio regionale che ne concludono l’esame. Art. 62 (Modifica della legge regionale 41/1996) 1. L’articolo 13 bis della legge regionale 41/1996, come inserito dall’articolo 43, comma 1, della legge regionale 18/2005, e’ sostituito dal seguente: <<Art. 13 bis (Consulta regionale delle associazioni dei disabili) 1. Ai fini della promozione delle politiche regionali di integrazione delle persone disabili nella societa’ e della consultazione in materia di interventi e servizi a favore delle persone disabili, la Regione Friuli Venezia Giulia riconosce il ruolo della Consulta regionale delle associazioni dei disabili quale organismo rappresentativo e di coordinamento dell’associazionismo nel settore della disabilita’. 2. Per le finalita’ di cui al comma 1, la Consulta in particolare: a) partecipa alla Commissione regionale per le politiche sociali di cui all’articolo 27 della legge regionale 31 marzo 2006, n. 6; b) esprime parere sul Piano sanitario e sociosanitario regionale di cui all’articolo 8 della legge regionale 17 agosto 2004, n. 23 (Disposizioni sulla partecipazione degli enti locali ai processi programmatori e di verifica in materia sanitaria, sociale e sociosanitaria e disciplina dei relativi strumenti di programmazione, nonche’ altre disposizioni urgenti in materia sanitaria e sociale); c) formula proposte in materia di politiche regionali per le persone disabili; d) esprime parere su ogni altro atto legislativo o amministrativo relativo all’azione regionale in materia di disabilita’; e) individua le proprie rappresentanze locali per l’espressione del parere di cui all’articolo 24, comma 6, della legge regionale 31 marzo 2006, n. 6. 3. La Direzione centrale competente in materia di salute e protezione sociale pone a disposizione della Consulta le dotazioni necessarie allo svolgimento delle funzioni di cui ai commi 1 e 2. 4. In relazione alle funzioni svolte ai sensi del presente articolo, l’Amministrazione regionale e’ autorizzata a concedere alla Consulta un contributo annuo nella misura massima di 25.000 euro per le spese di funzionamento. 5. Ai fini della concessione ed erogazione del contributo di cui al comma 4, la Consulta presenta alla Direzione centrale competente in materia di salute e protezione sociale, entro il 31 marzo di ogni anno, apposita istanza corredata di una relazione sull’attivita’ prevista nell’anno di riferimento e del relativo preventivo di spesa.>>.

Art. 63 (Modifica della legge regionale 8/2001) 1. Alla lettera d) del comma 7 dell’articolo 1 della legge regionale 8/2001, come sostituito dall’articolo 4, comma 1, della legge regionale 23/2004, le parole: <<del Fondo sociale regionale e>> sono soppresse. Art. 64 (Modifica della legge regionale 20/2005) 1. Al comma 4 dell’articolo 4 della legge regionale 20/2005, dopo le parole: <<I servizi integrativi>> sono inserite le seguenti: <<di cui al comma 2, lettere a) e b),>>. Art. 65 (Abrogazioni) 1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge sono abrogate, in particolare, le seguenti disposizioni: a) la legge regionale 3 giugno 1981, n. 35 (Promozione e riordino di servizi e interventi in materia socio – assistenziale); b) l’articolo 56 della legge regionale 30 gennaio 1984, n. 4 (modificativo dell’articolo 7 della legge regionale 35/1981); c) la legge regionale 15 dicembre 1981, n. 82 (Esercizio delle funzioni socio – assistenziali dei soppressi Consorzi di cui alla legge regionale 22 dicembre 1972, n. 58 ed utilizzazione del relativo personale); d) la legge regionale 23 luglio 1984, n. 31 (Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali 3 giugno 1981, n. 35 “Promozione e riordino di servizi e interventi in materia socio – assistenziale” e 21 dicembre 1981, n. 87 “Iniziative per favorire l’inserimento lavorativo, l’autonomia e l’integrazione sociale delle persone handicappate”); e) la legge regionale 30 novembre 1987, n. 40 (Svolgimento di funzioni socio – assistenziali da parte delle Comunita’ montane); f) l’articolo 8 della legge regionale 26 aprile 1995, n. 20 (modificativo dell’articolo 3 della legge regionale 40/1987); g) l’articolo 32 e il comma 1 dell’articolo 33 della legge regionale 9 marzo 1988, n. 10 (Riordinamento istituzionale della Regione e riconoscimento e devoluzione di funzioni agli Enti locali); h) la legge regionale 19 maggio 1988, n. 33 (Piano socio – assistenziale della Regione autonoma Friuli – Venezia Giulia), a eccezione del comma 4 dell’articolo 22; i) l’articolo 88 della legge regionale 1 febbraio 1991, n. 4 (modificativo dell’articolo 9 della legge regionale 33/1988); j) l’articolo 206 della legge regionale 28 aprile 1994, n. 5 (modificativo dell’articolo 7 della legge regionale 33/1988); k) l’articolo 5 della legge regionale 20/1995 (modificativo dell’articolo 15 della legge regionale 33/1988); l) l’articolo 14 della legge regionale 25 marzo 1996, n. 16 (modificativo dell’articolo 15 della legge regionale 33/1988); m) l’articolo 102 della legge regionale 7 febbraio 1990, n. 3 (Legge finanziaria 1990); n) la legge regionale 7 marzo 1990, n. 10 (Modifiche ed integrazioni a normative socio – assistenziali); o) gli articoli 2, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 12, 13 e 14 della legge regionale 30 giugno 1993, n. 51 (Disposizioni finanziarie per favorire l’attuazione del Piano regionale socio-assistenziale e integrazioni e modifiche a normative del settore); p) l’articolo 4 della legge regionale 30 agosto 1994, n. 12 (Disciplina dell’assetto istituzionale ed organizzativo del Servizio sanitario regionale ed altre disposizioni in materia sanitaria e sullo stato giuridico del personale regionale); q) l’articolo 15 della legge regionale 9 febbraio 1996, n. 11 (Disposizioni procedurali e norme modificative di varie leggi regionali); r) gli articoli 40, 41 bis, 41 ter, 41 quater, 41 quinquies e 62 della legge regionale 19 dicembre 1996, n. 49 (Norme in materia di programmazione, contabilita’ e controllo del Servizio sanitario regionale e disposizioni urgenti per l’integrazione socio-sanitaria); s) il comma 7 dell’articolo 13 della legge regionale 15 maggio 2002, n. 13 (modificativo degli articoli 41 bis e 41 quater della legge regionale 49/1996); t) l’articolo 14 della legge regionale 13 agosto 2002, n. 20 (modificativo dell’articolo 41 quater della legge regionale 49/1996); u) gli articoli 9, 10, 11, 12, 13, 14 e 15 della legge regionale 9 settembre 1997, n. 32 (Modifica dell’assetto del dipartimento dei servizi sociali di cui alla legge regionale 1 marzo 1988, n. 7 e altre norme in materia di sanita’ ed assistenza); v) l’articolo 7 della legge regionale 19 maggio 1998, n. 10 (Norme in materia di tutela della salute e di promozione sociale delle persone anziane, nonche’ modifiche all’articolo 15 della legge regionale 37/1995 in materia di procedure per interventi sanitari e socio-assistenziali); w) il comma 5 dell’articolo 10 della legge regionale 9 marzo 2001, n. 8 (modificativo dell’articolo 7 della legge regionale 10/1998); x) il comma 11 dell’articolo 4 della legge regionale 15 febbraio 1999, n. 4 (Legge finanziaria 1999); y) il comma 66 dell’articolo 5 della legge regionale 25 gennaio 2002, n. 3 (Legge finanziaria 2002); z) i commi 1, 2, 3 e 5 dell’articolo 3 della legge regionale 26 gennaio 2004, n. 1 (Legge finanziaria 2004); aa) gli articoli 6, 9, 12, 13, 14 e il comma 4 dell’articolo 18 della legge regionale 17 agosto 2004, n. 23 (Disposizioni sulla partecipazione degli enti locali ai processi programmatori e di verifica in materia sanitaria, sociale e sociosanitaria e disciplina dei relativi strumenti di programmazione, nonche’ altre disposizioni urgenti in materia sanitaria e sociale); bb) i commi 8, 9 e 10 dell’articolo 5 della legge regionale 18 gennaio 2006, n. 2 (Legge finanziaria 2006). 2. A decorrere dall’1 gennaio 2007 sono abrogate le seguenti disposizioni: a) l’articolo 7 della legge regionale 12 febbraio 1998, n. 3 (Legge finanziaria 1998); b) i commi 5, 6, 7, 8, 9 e 10 dell’articolo 4 della legge regionale 4/1999; c) il comma 18 dell’articolo 7 della legge regionale 3 luglio 2000, n. 13 (modificativo del comma 6 dell’articolo 4 della legge regionale 4/1999); d) il comma 1 dell’articolo 10 della legge regionale 8/2001 (modificativo del comma 6 dell’articolo 4 della legge regionale 4/1999); e) i commi 51 e 52 dell’articolo 4 della legge regionale 26 febbraio 2001, n. 4 (Legge finanziaria 2001); f) il comma 23 dell’articolo 5 della legge regionale 3/2002. 3. A decorrere dalla data di emanazione dell’atto di cui all’articolo 41, comma 4, sono abrogate le seguenti disposizioni: a) l’articolo 32 della legge regionale 10/1998; b) il comma 62 dell’articolo 4 della legge regionale 29 gennaio 2003, n. 1 (modificativo dell’articolo 32 della legge regionale 10/1998); c) i commi 8, 9 e 11 dell’articolo 3 della legge regionale 20 agosto 2003, n. 14 (modificativi dell’articolo 32 della legge regionale 10/1998); d) la lettera d bis) del comma 13 dell’articolo 4 della legge regionale 4/1999; e) il comma 22 dell’articolo 5 della legge regionale 3/2002; f) l’articolo 9 della legge regionale 25 ottobre 2004, n. 24 (Interventi per la qualificazione e il sostegno dell’attivita’ di assistenza familiare); g) l’articolo 20 della legge regionale 18 agosto 2005, n. 21 (Norme di semplificazione in materia di igiene, medicina del lavoro e sanita’ pubblica e altre disposizioni per il settore sanitario e sociale). Art. 66 (Norme transitorie) 1. Le convenzioni istitutive del Servizio sociale dei Comuni di cui all’articolo 18 sono adottate entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge. Nelle more dell’adozione di tali convenzioni e dei relativi atti attuativi si applicano le convenzioni adottate ai sensi dell’articolo 19 della legge regionale 33/1988 e successive modifiche. 2. Al fine di garantire la coerenza con la programmazione regionale in materia sociale e sociosanitaria e di assicurare l’esercizio della funzione di programmazione locale del sistema integrato, nonche’ per la gestione dei servizi e delle attivita’ di cui all’articolo 17, commi 1, 2 e 3, la Regione promuove un’intesa tra i Comuni della provincia di Trieste e l’Azienda per i servizi sanitari n. 1 <<Triestina>>, volta alla definizione, entro il 30 giugno 2007, dell’ambito distrettuale quale area di coincidenza del distretto sanitario e dell’ambito sociale. Resta ferma la necessita’ di istituire l’ufficio di direzione e programmazione di ambito di cui all’articolo 17, comma 5, e di individuare il responsabile di cui all’articolo 21. 2 bis. I Comuni della provincia di Trieste, al fine di garantire la continuita’ dei servizi e la coerenza con la programmazione territoriale avviata con i Piani di zona, nonche’ al fine dell’approvazione delle convenzioni di cui all’articolo 18, definiscono di concerto gli ambiti territoriali per la gestione associata, in deroga a quanto stabilito dall’articolo 17, comma 1, in materia di coincidenza territoriale con gli ambiti distrettuali. Gli ambiti territoriali cosi’ definiti hanno validita’ fino alla stipula dell’intesa di cui al comma 2, ovvero fino alla data stabilita nell’intesa stessa. 2 ter. La definizione degli ambiti territoriali ai sensi del comma 2 bis costituisce requisito per accedere agli incentivi regionali e deve essere comunicata alla Regione entro l’1 marzo 2007. 3. Nelle more della definizione dell’ambito distrettuale di cui al comma 2, nel territorio della provincia di Trieste, l’Assemblea dei sindaci di ambito distrettuale e’ costituita dai sindaci, o loro delegati, del relativo territorio e svolge i suoi compiti unitariamente e nella medesima composizione per tutti gli ambiti distrettuali. 4. Nelle more dell’adozione dei regolamenti di cui all’articolo 20, comma 7, si applicano i regolamenti adottati ai sensi dell’articolo 40, comma 8, della legge regionale 49/1996 e successive modifiche. 5. Nelle more dell’adozione del Piano sociale regionale continuano ad applicarsi gli atti adottati ai sensi della legge regionale 33/1988 e successive modifiche. 6. Il regolamento di cui all’articolo 31, comma 7, e’ adottato entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge. Nelle more dell’adozione di tale regolamento continua ad applicarsi il regolamento previsto dall’articolo 15, comma 3, della legge regionale 33/1988. 7. Nelle more dell’attuazione del sistema di accreditamento di cui all’articolo 33 possono stipulare contratti e possono convenzionarsi con il sistema pubblico i soggetti autorizzati all’esercizio dell’attivita’ ai sensi della normativa vigente. 8. Le disposizioni di cui all’articolo 39, commi 2 e 3, e di cui all’articolo 63, comma 1, si applicano a decorrere dall’1 gennaio 2007. 9. Fino alla data di emanazione dell’atto di cui all’articolo 41, comma 4, gli enti gestori del Servizio sociale dei Comuni sono autorizzati a utilizzare le risorse del fondo di cui all’articolo 41 secondo le vigenti discipline di attuazione dell’articolo 32 della legge regionale 10/1998 e successive modifiche, dell’articolo 9 della legge regionale 24/2004 e successive modifiche, nonche’ secondo quanto previsto dagli atti attuativi dell’articolo 39, comma 2, lettere l bis) e l ter), della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate), come aggiunte dall’articolo 1, comma 1, della legge 162/1998. 10. Nelle more delle determinazioni di cui all’articolo 56, comma 3, si applica quanto disposto dall’articolo 41 della legge regionale 49/1996. 11. Ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore della presente legge continua ad applicarsi la normativa regionale previgente. Art. 67 (Norme finanziarie) 1. Gli oneri derivanti dall’applicazione del disposto di cui agli articoli 8, comma 2, lettera h), e 39, per gli interventi previsti dagli articoli da 43 a 46 e da 48 a 53, relativamente alla programmazione in materia di interventi e di servizi sociali, fanno carico all’unita’ previsionale di base 7.4.310.1.237 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2006-2008 e del bilancio per l’anno 2006, con riferimento ai capitoli 4699 e 4700 del documento tecnico allegato ai bilanci medesimi, nelle cui denominazioni sono soppresse le parole: <<e di interventi per la famiglia>>. 2. Gli oneri derivanti dall’applicazione dell’articolo 25 fanno carico all’unita’ previsionale di base 7.5.310.1.239 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2006-2008 e del bilancio per l’anno 2006, con riferimento al capitolo 4747 del documento tecnico allegato ai bilanci medesimi. 3. Gli oneri derivanti dall’applicazione dell’articolo 8, comma 1, fanno carico all’unita’ previsionale di base 7.5.310.1.243 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2006-2008 e del bilancio per l’anno 2006, con riferimento al capitolo 4750 del documento tecnico allegato ai bilanci medesimi, nella cui denominazione le parole: <<all’articolo 9 della legge regionale 19 maggio 1988, n. 33,>> sono sostituite dalle seguenti: <<all’articolo 8, comma 1, della legge regionale 31 marzo 2006, n. 6>>. 4. Gli oneri derivanti dall’applicazione dell’articolo 26 e dell’articolo 37, commi 5 e 6, fanno carico all’unita’ previsionale di base 7.5.310.1.243 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2006-2008 e del bilancio per l’anno 2006, con riferimento al capitolo 4770 del documento tecnico allegato ai bilanci medesimi. 5. Gli oneri derivanti dall’applicazione dell’articolo 27 fanno carico all’unita’ previsionale di base 52.2.310.1.1619 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2006-2008 e del bilancio per l’anno 2006, con riferimento al capitolo 4721 del documento tecnico allegato ai bilanci medesimi. 6. Gli oneri derivanti dall’applicazione dell’articolo 37, comma 2, fanno carico all’unita’ previsionale di base 9.1.320.1.332 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2006-2008 e del bilancio per l’anno 2006, con riferimento al capitolo 5807 del documento tecnico allegato ai bilanci medesimi. 7. Gli oneri derivanti dall’applicazione dell’articolo 41 fanno carico all’unita’ previsionale di base 7.4.310.1.1251 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2006-2008 e del bilancio per l’anno 2006, con riferimento ai capitoli 4517 e 4518 del documento tecnico allegato ai bilanci medesimi, nelle cui rispettive denominazioni sono soppresse le parole: <<di soggetti non autosufficienti, anziani e disabili in condizioni di gravita’>>. 8. Per le finalita’ previste dall’articolo 59, e’ autorizzata la spesa complessiva di 33 milioni di euro, suddivisa in ragione di 11 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2006 al 2008, a carico dell’unita’ previsionale di base 7.4.310.1.237 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2006-2008 e del bilancio per l’anno 2006, con riferimento al capitolo 4519 (1.1.152.2.08.07) di nuova istituzione nel documento tecnico allegato ai bilanci medesimi – alla Rubrica n. 310 – Servizio n. 206 – Interventi e Servizi sociali – con la denominazione “Interventi tramite i Servizi sociali dei Comuni per il reddito di base di cittadinanza”. 9. Alla copertura degli oneri derivanti dall’autorizzazione di spesa disposta con il comma 8 si provvede mediante prelevamento di complessivi 33 milioni di euro, suddivisi in ragione di 11 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2006 al 2008, dall’apposito fondo globale iscritto sull’unita’ previsionale di base 53.6.250.1.920 – capitolo 9700 (partita n. 110 del prospetto D/1 allegato al documento tecnico), il cui stanziamento e’ conseguentemente ridotto di pari importo. 10.Gli oneri derivanti dal disposto di cui all’articolo 13 bis della legge regionale 41/1996, come sostituito dall’articolo 62, comma 1, fanno carico all’unita’ previsionale di base 7.5.310.1.243 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 2006-2008 e del bilancio per l’anno 2006, con riferimento al capitolo 4764 del documento tecnico allegato ai bilanci medesimi.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Legge 11 febbraio 2005, n. 15

Legge 11 febbraio 2005, n. 15

Modifiche ed integrazioni alla legge 7 agosto 1990, n. 241, concernenti norme generali sull’azione amministrativa.

(G.U. n. 42 del 21 febbraio 2005 – in vigore dall’8 marzo 2005) La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge:

Art. 1.

1. All’articolo 1 della legge 7 agosto 1990, n. 241, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma 1, le parole: «e di pubblicità» sono sostituite dalle seguenti: «, di pubblicità e di trasparenza» e sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: «, nonché dai principi dell’ordinamento comunitario»;

b) dopo il comma 1 sono inseriti i seguenti:

«1-bis. La pubblica amministrazione, nell’adozione di atti di natura non autoritativa, agisce secondo le norme di diritto privato salvo che la legge disponga diversamente.

1-ter. I soggetti privati preposti all’esercizio di attività amministrative assicurano il rispetto dei principi di cui al comma 1».

Art. 2.

1. All’articolo 2 della legge 7 agosto 1990, n. 241, dopo il comma 4, è aggiunto il seguente: «4-bis. Decorsi i termini di cui ai commi 2 o 3, il ricorso avverso il silenzio, ai sensi dell’articolo 21-bis della legge 6 dicembre 1971, n. 1034, e successive modificazioni, può essere proposto anche senza necessità di diffida all’amministrazione inadempiente fin tanto che perdura l’inadempimento e comunque non oltre un anno dalla scadenza dei termini di cui ai commi 2 o 3. È fatta salva la riproponibilità dell’istanza di avvio del procedimento ove ne ricorrano i presupposti». Art. 3.

1. Dopo l’articolo 3 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è inserito il seguente: «Art. 3-bis (Uso della telematica). – 1. Per conseguire maggiore efficienza nella loro attività, le amministrazioni pubbliche incentivano l’uso della telematica, nei rapporti interni, tra le diverse amministrazioni e tra queste e i privati».

Art. 4.

1. All’articolo 6, comma 1, lettera e), della legge 7 agosto 1990, n. 241, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «L’organo competente per l’adozione del provvedimento finale, ove diverso dal responsabile del procedimento, non può discostarsi dalle risultanze dell’istruttoria condotta dal responsabile del procedimento se non indicandone la motivazione nel provvedimento finale».

Art. 5.

1. All’articolo 8, comma 2, della legge 7 agosto 1990, n. 241, dopo la lettera c), sono inserite le seguenti: «c-bis) la data entro la quale, secondo i termini previsti dall’articolo 2, commi 2 o 3, deve concludersi il procedimento e i rimedi esperibili in caso di inerzia dell’amministrazione;

c-ter) nei procedimenti ad iniziativa di parte, la data di presentazione della relativa istanza;».

Art. 6.

1. Dopo l’articolo 10 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è inserito il seguente: «Art. 10-bis (Comunicazione dei motivi ostativi all’accoglimento dell’istanza). – 1. Nei procedimenti ad istanza di parte il responsabile del procedimento o l’autorità competente, prima della formale adozione di un provvedimento negativo, comunica tempestivamente agli istanti i motivi che ostano all’accoglimento della domanda. Entro il termine di dieci giorni dal ricevimento della comunicazione, gli istanti hanno il diritto di presentare per iscritto le loro osservazioni, eventualmente corredate da documenti. La comunicazione di cui al primo periodo interrompe i termini per concludere il procedimento che iniziano nuovamente a decorrere dalla data di presentazione delle osservazioni o, in mancanza, dalla scadenza del termine di cui al secondo periodo. Dell’eventuale mancato accoglimento di tali osservazioni è data ragione nella motivazione del provvedimento finale. Le disposizioni di cui al presente articolo non si applicano alle procedure concorsuali e ai procedimenti in materia previdenziale e assistenziale sorti a seguito di istanza di parte e gestiti dagli enti previdenziali».

Art. 7.

1. All’articolo 11 della legge 7 agosto 1990, n. 241, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma 1, sono soppresse le parole: «, nei casi previsti dalla legge,»;

b) dopo il comma 4, è inserito il seguente:

«4-bis. A garanzia dell’imparzialità e del buon andamento dell’azione amministrativa, in tutti i casi in cui una pubblica amministrazione conclude accordi nelle ipotesi previste al comma l, la stipulazione dell’accordo è preceduta da una determinazione dell’organo che sarebbe competente per l’adozione del provvedimento».

Art. 8.

1. All’articolo 14 della legge 7 agosto 1990, n. 241, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma 2:

1) le parole da: «entro quindici giorni» fino a: «richiesti» sono sostituite dalle seguenti: «entro trenta giorni dalla ricezione, da parte dell’amministrazione competente, della relativa richiesta»;

2) è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «La conferenza può essere altresì indetta quando nello stesso termine è intervenuto il dissenso di una o più amministrazioni interpellate»;

b) al comma 3, il terzo periodo è soppresso; c) al comma 5: 1) dopo le parole: «dal concedente» sono inserite le seguenti: «ovvero, con il consenso di quest’ultimo, dal concessionario»;

2) è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Quando la conferenza è convocata ad istanza del concessionario spetta in ogni caso al concedente il diritto di voto»; d) dopo il comma 5, è aggiunto il seguente: «5-bis. Previo accordo tra le amministrazioni coinvolte, la conferenza di servizi è convocata e svolta avvalendosi degli strumenti informatici disponibili, secondo i tempi e le modalità stabiliti dalle medesime amministrazioni».

Art. 9.

1. All’articolo 14-bis della legge 7 agosto 1990, n. 241, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma 1, primo periodo:

1) dopo la parola: «complessità» sono inserite le seguenti: «e di insediamenti produttivi di beni e servizi»;

2) le parole: «su motivata e documentata richiesta dell’interessato» sono sostituite dalle seguenti: «su motivata richiesta dell’interessato, documentata, in assenza di un progetto preliminare, da uno studio di fattibilita»;

b) al comma 2, secondo periodo, dopo le parole: «della salute» sono inserite le seguenti: «e della pubblica incolumità»;

c) dopo il comma 3, è inserito il seguente:

«3-bis. Il dissenso espresso in sede di conferenza preliminare da una amministrazione preposta alla tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico, della salute o della pubblica incolumità, con riferimento alle opere interregionali, è sottoposto alla disciplina di cui all’articolo 14-quater, comma 3».

Art. 10.

1. All’articolo 14-ter della legge 7 agosto 1990, n. 241, sono apportate le seguenti modificazioni: a) al comma 1 è anteposto il seguente:

«01. La prima riunione della conferenza di servizi è convocata entro quindici giorni ovvero, in caso di particolare complessità dell’istruttoria, entro trenta giorni dalla data di indizione»; b) al comma 2, le parole: «almeno dieci giorni» sono sostituite dalle seguenti: «almeno cinque giorni»;

c) al comma 3, le parole: «ai sensi dei commi 2 e seguenti dell’articolo 14-quater» sono sostituite dalle seguenti: «ai sensi dei commi 6-bis e 9 del presente articolo»;

d) al comma 4, primo periodo, dopo le parole: «valutazione medesima» sono inserite le seguenti: «ed il termine di cui al comma 3 resta sospeso, per un massimo di novanta giorni, fino all’acquisizione della pronuncia sulla compatibilità ambientale»;

e) al comma 5, in fine, la parola: «pubblica» è sostituita dalle seguenti: «, del patrimonio storico-artistico e della pubblica incolumità»;

f) dopo il comma 6 è inserito il seguente:

«6-bis. All’esito dei lavori della conferenza, e in ogni caso scaduto il termine di cui al comma 3, l’amministrazione procedente adotta la determinazione motivata di conclusione del procedimento, valutate le specifiche risultanze della conferenza e tenendo conto delle posizioni prevalenti espresse in quella sede»;

g) al comma 7, sono soppresse le parole da: «e non abbia notificato» fino alla fine del comma;

h) il comma 9 è sostituito dal seguente:

«9. Il provvedimento finale conforme alla determinazione conclusiva di cui al comma 6-bis sostituisce, a tutti gli effetti, ogni autorizzazione, concessione, nulla osta o atto di assenso comunque denominato di competenza delle amministrazioni partecipanti, o comunque invitate a partecipare ma risultate assenti, alla predetta conferenza». Art. 11.

1. All’articolo 14-quater della legge 7 agosto 1990, n. 241, sono apportate le seguenti modificazioni: a) il comma 2 è abrogato;

b) il comma 3 è sostituito dai seguenti:

«3. Se il motivato dissenso è espresso da un’amministrazione preposta alla tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico o alla tutela della salute e della pubblica incolumità, la decisione è rimessa dall’amministrazione procedente, entro dieci giorni: a) al Consiglio dei Ministri, in caso di dissenso tra amministrazioni statali; b) alla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, di seguito denominata “Conferenza Stato-regioni”, in caso di dissenso tra un’amministrazione statale e una regionale o tra più amministrazioni regionali; c) alla Conferenza unificata, di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, in caso di dissenso tra un’amministrazione statale o regionale e un ente locale o tra più enti locali. Verificata la completezza della documentazione inviata ai fini istruttori, la decisione è assunta entro trenta giorni, salvo che il Presidente del Consiglio dei Ministri, della Conferenza Stato-regioni o della Conferenza unificata, valutata la complessità dell’istruttoria, decida di prorogare tale termine per un ulteriore periodo non superiore a sessanta giorni. 3-bis. Se il motivato dissenso è espresso da una regione o da una provincia autonoma in una delle materie di propria competenza, la determinazione sostitutiva è rimessa dall’amministrazione procedente, entro dieci giorni: a) alla Conferenza Stato-regioni, se il dissenso verte tra un’amministrazione statale e una regionale o tra amministrazioni regionali; b) alla Conferenza unificata, in caso di dissenso tra una regione o provincia autonoma e un ente locale. Verificata la completezza della documentazione inviata ai fini istruttori, la decisione è assunta entro trenta giorni, salvo che il Presidente della Conferenza Stato-regioni o della Conferenza unificata, valutata la complessità dell’istruttoria, decida di prorogare tale termine per un ulteriore periodo non superiore a sessanta giorni.

3-ter. Se entro i termini di cui ai commi 3 e 3-bis la Conferenza Stato-regioni o la Conferenza unificata non provvede, la decisione, su iniziativa del Ministro per gli affari regionali, è rimessa al Consiglio dei Ministri, che assume la determinazione sostitutiva nei successivi trenta giorni, ovvero, quando verta in materia non attribuita alla competenza statale ai sensi dell’articolo 117, secondo comma, e dell’articolo 118 della Costituzione, alla competente Giunta regionale ovvero alle competenti Giunte delle province autonome di Trento e di Bolzano, che assumono la determinazione sostitutiva nei successivi trenta giorni; qualora la Giunta regionale non provveda entro il termine predetto, la decisione è rimessa al Consiglio dei Ministri, che delibera con la partecipazione dei Presidenti delle regioni interessate.

3-quater. In caso di dissenso tra amministrazioni regionali, i commi 3 e 3-bis non si applicano nelle ipotesi in cui le regioni interessate abbiano ratificato, con propria legge, intese per la composizione del dissenso ai sensi dell’articolo 117, ottavo comma, della Costituzione, anche attraverso l’individuazione di organi comuni competenti in via generale ad assumere la determinazione sostitutiva in caso di dissenso.

3-quinquies. Restano ferme le attribuzioni e le prerogative riconosciute alle regioni a statuto speciale e alle province autonome di Trento e di Bolzano dagli statuti speciali di autonomia e dalle relative norme di attuazione»;

c) il comma 4 è abrogato.

Art. 12.

1. Dopo l’articolo 14-quater della legge 7 agosto 1990, n. 241, è inserito il seguente: «Art. 14-quinquies (Conferenza di servizi in materia di finanza di progetto). – 1. Nelle ipotesi di conferenza di servizi finalizzata all’approvazione del progetto definitivo in relazione alla quale trovino applicazione le procedure di cui agli articoli 37-bis e seguenti della legge 11 febbraio 1994, n. 109, sono convocati alla conferenza, senza diritto di voto, anche i soggetti aggiudicatari di concessione individuati all’esito della procedura di cui all’articolo 37-quater della legge n. 109 del 1994, ovvero le società di progetto di cui all’articolo 37-quinquies della medesima legge».

Art. 13.

1. All’articolo 14, comma 1, della legge 24 novembre 2000, n. 340, le parole da: «, salvo quanto previsto» sino alla fine del comma sono soppresse. Art. 14.

1. Dopo l’articolo 21 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è inserito il seguente capo: «Capo IV-bis Efficacia ed invalidità del provvedimento amministrativo. Revoca e recesso Art. 21-bis (Efficacia del provvedimento limitativo della sfera giuridica dei privati). – 1. Il provvedimento limitativo della sfera giuridica dei privati acquista efficacia nei confronti di ciascun destinatario con la comunicazione allo stesso effettuata anche nelle forme stabilite per la notifica agli irreperibili nei casi previsti dal codice di procedura civile. Qualora per il numero dei destinatari la comunicazione personale non sia possibile o risulti particolarmente gravosa, l’amministrazione provvede mediante forme di pubblicità idonee di volta in volta stabilite dall’amministrazione medesima. Il provvedimento limitativo della sfera giuridica dei privati non avente carattere sanzionatorio può contenere una motivata clausola di immediata efficacia. I provvedimenti limitativi della sfera giuridica dei privati aventi carattere cautelare ed urgente sono immediatamente efficaci.

Art. 21-ter (Esecutorietà). – 1. Nei casi e con le modalità stabiliti dalla legge, le pubbliche amministrazioni possono imporre coattivamente l’adempimento degli obblighi nei loro confronti. Il provvedimento costitutivo di obblighi indica il termine e le modalità dell’esecuzione da parte del soggetto obbligato. Qualora l’interessato non ottemperi, le pubbliche amministrazioni, previa diffida, possono provvedere all’esecuzione coattiva nelle ipotesi e secondo le modalità previste dalla legge.

2. Ai fini dell’esecuzione delle obbligazioni aventi ad oggetto somme di denaro si applicano le disposizioni per l’esecuzione coattiva dei crediti dello Stato. Art. 21-quater (Efficacia ed esecutività del provvedimento). – 1. I provvedimenti amministrativi efficaci sono eseguiti immediatamente, salvo che sia diversamente stabilito dalla legge o dal provvedimento medesimo.

2. L’efficacia ovvero l’esecuzione del provvedimento amministrativo può essere sospesa, per gravi ragioni e per il tempo strettamente necessario, dallo stesso organo che lo ha emanato ovvero da altro organo previsto dalla legge. Il termine della sospensione è esplicitamente indicato nell’atto che la dispone e può essere prorogato o differito per una sola volta, nonché ridotto per sopravvenute esigenze. Art. 21-quinquies (Revoca del provvedimento). – 1. Per sopravvenuti motivi di pubblico interesse ovvero nel caso di mutamento della situazione di fatto o di nuova valutazione dell’interesse pubblico originario, il provvedimento amministrativo ad efficacia durevole può essere revocato da parte dell’organo che lo ha emanato ovvero da altro organo previsto dalla legge. La revoca determina la inidoneità del provvedimento revocato a produrre ulteriori effetti. Se la revoca comporta pregiudizi in danno dei soggetti direttamente interessati, l’amministrazione ha l’obbligo di provvedere al loro indennizzo. Le controversie in materia di determinazione e corresponsione dell’indennizzo sono attribuite alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo.

Art. 21-sexies (Recesso dai contratti). – 1. Il recesso unilaterale dai contratti della pubblica amministrazione è ammesso nei casi previsti dalla legge o dal contratto.

Art. 21-septies (Nullità del provvedimento). – 1. È nullo il provvedimento amministrativo che manca degli elementi essenziali, che è viziato da difetto assoluto di attribuzione, che è stato adottato in violazione o elusione del giudicato, nonchè negli altri casi espressamente previsti dalla legge.

2. Le questioni inerenti alla nullità dei provvedimenti amministrativi in violazione o elusione del giudicato sono attribuite alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo. Art. 21-octies (Annullabilità del provvedimento). – 1. È annullabile il provvedimento amministrativo adottato in violazione di legge o viziato da eccesso di potere o da incompetenza.

2. Non è annullabile il provvedimento adottato in violazione di norme sul procedimento o sulla forma degli atti qualora, per la natura vincolata del provvedimento, sia palese che il suo contenuto dispositivo non avrebbe potuto essere diverso da quello in concreto adottato. Il provvedimento amministrativo non è comunque annullabile per mancata comunicazione dell’avvio del procedimento qualora l’amministrazione dimostri in giudizio che il contenuto del provvedimento non avrebbe potuto essere diverso da quello in concreto adottato. Art. 21-nonies (Annullamento d’ufficio). – 1. Il provvedimento amministrativo illegittimo ai sensi dell’articolo 21-octies può essere annullato d’ufficio, sussistendone le ragioni di interesse pubblico, entro un termine ragionevole e tenendo conto degli interessi dei destinatari e dei controinteressati, dall’organo che lo ha emanato, ovvero da altro organo previsto dalla legge.

2. È fatta salva la possibilità di convalida del provvedimento annullabile, sussistendone le ragioni di interesse pubblico ed entro un termine ragionevole». Art. 15.

1. L’articolo 22 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è sostituito dal seguente: «Art. 22 (Definizioni e principi in materia di accesso). – 1. Ai fini del presente capo si intende:

a) per “diritto di accesso”, il diritto degli interessati di prendere visione e di estrarre copia di documenti amministrativi;

b) per “interessati”, tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l’accesso;

c) per “controinteressati”, tutti i soggetti, individuati o facilmente individuabili in base alla natura del documento richiesto, che dall’esercizio dell’accesso vedrebbero compromesso il loro diritto alla riservatezza;

d) per “documento amministrativo”, ogni rappresentazione grafica, fotocinematografica, elettromagnetica o di qualunque altra specie del contenuto di atti, anche interni o non relativi ad uno specifico procedimento, detenuti da una pubblica amministrazione e concernenti attività di pubblico interesse, indipendentemente dalla natura pubblicistica o privatistica della loro disciplina sostanziale;

e) per “pubblica amministrazione”, tutti i soggetti di diritto pubblico e i soggetti di diritto privato limitatamente alla loro attività di pubblico interesse disciplinata dal diritto nazionale o comunitario.

2. L’accesso ai documenti amministrativi, attese le sue rilevanti finalità di pubblico interesse, costituisce principio generale dell’attività amministrativa al fine di favorire la partecipazione e di assicurarne l’imparzialità e la trasparenza, ed attiene ai livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale ai sensi dell’articolo 117, secondo comma, lettera m), della Costituzione . Resta ferma la potestà delle regioni e degli enti locali, nell’ambito delle rispettive competenze, di garantire livelli ulteriori di tutela. 3. Tutti i documenti amministrativi sono accessibili, ad eccezione di quelli indicati all’articolo 24, commi 1, 2, 3, 5 e 6. 4. Non sono accessibili le informazioni in possesso di una pubblica amministrazione che non abbiano forma di documento amministrativo, salvo quanto previsto dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, in materia di accesso a dati personali da parte della persona cui i dati si riferiscono. 5. L’acquisizione di documenti amministrativi da parte di soggetti pubblici, ove non rientrante nella previsione dell’articolo 43, comma 2, del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, si informa al principio di leale cooperazione istituzionale. 6. Il diritto di accesso è esercitabile fino a quando la pubblica amministrazione ha l’obbligo di detenere i documenti amministrativi ai quali si chiede di accedere». Art. 16.

1. L’articolo 24 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è sostituito dal seguente: «Art. 24 (Esclusione dal diritto di accesso). – 1. Il diritto di accesso è escluso:

a) per i documenti coperti da segreto di Stato ai sensi della legge 24 ottobre 1977, n. 801, e successive modificazioni, e nei casi di segreto o di divieto di divulgazione espressamente previsti dalla legge, dal regolamento governativo di cui al comma 6 e dalle pubbliche amministrazioni ai sensi del comma 2 del presente articolo;

b) nei procedimenti tributari, per i quali restano ferme le particolari norme che li regolano;

c) nei confronti dell’attività della pubblica amministrazione diretta all’emanazione di atti normativi, amministrativi generali, di pianificazione e di programmazione, per i quali restano ferme le particolari norme che ne regolano la formazione;

d) nei procedimenti selettivi, nei confronti dei documenti amministrativi contenenti informazioni di carattere psicoattitudinale relativi a terzi.

2. Le singole pubbliche amministrazioni individuano le categorie di documenti da esse formati o comunque rientranti nella loro disponibilità sottratti all’accesso ai sensi del comma 1. 3. Non sono ammissibili istanze di accesso preordinate ad un controllo generalizzato dell’operato delle pubbliche amministrazioni. 4. L’accesso ai documenti amministrativi non può essere negato ove sia sufficiente fare ricorso al potere di differimento. 5. I documenti contenenti informazioni connesse agli interessi di cui al comma 1 sono considerati segreti solo nell’ambito e nei limiti di tale connessione. A tale fine le pubbliche amministrazioni fissano, per ogni categoria di documenti, anche l’eventuale periodo di tempo per il quale essi sono sottratti all’accesso. 6. Con regolamento, adottato ai sensi dell’articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, il Governo può prevedere casi di sottrazione all’accesso di documenti amministrativi: a) quando, al di fuori delle ipotesi disciplinate dall’articolo 12 della legge 24 ottobre 1977, n. 801, dalla loro divulgazione possa derivare una lesione, specifica e individuata, alla sicurezza e alla difesa nazionale, all’esercizio della sovranità nazionale e alla continuità e alla correttezza delle relazioni internazionali, con particolare riferimento alle ipotesi previste dai trattati e dalle relative leggi di attuazione;

b) quando l’accesso possa arrecare pregiudizio ai processi di formazione, di determinazione e di attuazione della politica monetaria e valutaria;

c) quando i documenti riguardino le strutture, i mezzi, le dotazioni, il personale e le azioni strettamente strumentali alla tutela dell’ordine pubblico, alla prevenzione e alla repressione della criminalità con particolare riferimento alle tecniche investigative, alla identità delle fonti di informazione e alla sicurezza dei beni e delle persone coinvolte, all’attività di polizia giudiziaria e di conduzione delle indagini;

d) quando i documenti riguardino la vita privata o la riservatezza di persone fisiche, persone giuridiche, gruppi, imprese e associazioni, con particolare riferimento agli interessi epistolare, sanitario, professionale, finanziario, industriale e commerciale di cui siano in concreto titolari, ancorchè i relativi dati siano forniti all’amministrazione dagli stessi soggetti cui si riferiscono;

e) quando i documenti riguardino l’attività in corso di contrattazione collettiva nazionale di lavoro e gli atti interni connessi all’espletamento del relativo mandato.

7. Deve comunque essere garantito ai richiedenti l’accesso ai documenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici. Nel caso di documenti contenenti dati sensibili e giudiziari, l’accesso è consentito nei limiti in cui sia strettamente indispensabile e nei termini previsti dall’articolo 60 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, in caso di dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale». Art. 17.

1. All’articolo 25 della legge 7 agosto 1990, n. 241, sono apportate le seguenti modificazioni: a) il comma 4 è sostituito dal seguente:

«4. Decorsi inutilmente trenta giorni dalla richiesta, questa si intende respinta. In caso di diniego dell’accesso, espresso o tacito, o di differimento dello stesso ai sensi dell’articolo 24, comma 4, il richiedente può presentare ricorso al tribunale amministrativo regionale ai sensi del comma 5, ovvero chiedere, nello stesso termine e nei confronti degli atti delle amministrazioni comunali, provinciali e regionali, al difensore civico competente per ambito territoriale, ove costituito, che sia riesaminata la suddetta determinazione. Qualora tale organo non sia stato istituito, la competenza è attribuita al difensore civico competente per l’ambito territoriale immediatamente superiore. Nei confronti degli atti delle amministrazioni centrali e periferiche dello Stato tale richiesta è inoltrata presso la Commissione per l’accesso di cui all’articolo 27. Il difensore civico o la Commissione per l’accesso si pronunciano entro trenta giorni dalla presentazione dell’istanza. Scaduto infruttuosamente tale termine, il ricorso si intende respinto. Se il difensore civico o la Commissione per l’accesso ritengono illegittimo il diniego o il differimento, ne informano il richiedente e lo comunicano all’autorità disponente. Se questa non emana il provvedimento confermativo motivato entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione del difensore civico o della Commissione, l’accesso è consentito. Qualora il richiedente l’accesso si sia rivolto al difensore civico o alla Commissione, il termine di cui al comma 5 decorre dalla data di ricevimento, da parte del richiedente, dell’esito della sua istanza al difensore civico o alla Commissione stessa. Se l’accesso è negato o differito per motivi inerenti ai dati personali che si riferiscono a soggetti terzi, la Commissione provvede, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, il quale si pronuncia entro il termine di dieci giorni dalla richiesta, decorso inutilmente il quale il parere si intende reso. Qualora un procedimento di cui alla sezione III del capo I del titolo I della parte III del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, o di cui agli articoli 154, 157, 158, 159 e 160 del medesimo decreto legislativo n. 196 del 2003, relativo al trattamento pubblico di dati personali da parte di una pubblica amministrazione, interessi l’accesso ai documenti amministrativi, il Garante per la protezione dei dati personali chiede il parere, obbligatorio e non vincolante, della Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi. La richiesta di parere sospende il termine per la pronuncia del Garante sino all’acquisizione del parere, e comunque per non oltre quindici giorni. Decorso inutilmente detto termine, il Garante adotta la propria decisione»; b) al comma 5, dopo il primo periodo, è inserito il seguente: «In pendenza di un ricorso presentato ai sensi della legge 6 dicembre 1971, n. 1034, e successive modificazioni, il ricorso può essere proposto con istanza presentata al presidente e depositata presso la segreteria della sezione cui è assegnato il ricorso, previa notifica all’amministrazione o ai controinteressati, e viene deciso con ordinanza istruttoria adottata in camera di consiglio»;

c) dopo il comma 5, è inserito il seguente:

«5-bis. Nei giudizi in materia di accesso, le parti possono stare in giudizio personalmente senza l’assistenza del difensore. L’amministrazione può essere rappresentata e difesa da un proprio  dipendente, purchè in possesso della qualifica di dirigente, autorizzato dal rappresentante legale dell’ente»;

d) il comma 6 è sostituito dal seguente:

«6. Il giudice amministrativo, sussistendone i presupposti, ordina l’esibizione dei documenti richiesti». 2. Il comma 3 dell’articolo 4 della legge 21 luglio 2000, n. 205, è abrogato. All’articolo 21, primo comma, della legge 6 dicembre 1971, n. 1034, e successive modificazioni, il terzo periodo è soppresso. Art. 18.

1. L’articolo 27 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è sostituito dal seguente: «Art. 27 (Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi). – 1. È istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri la Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi.

2. La Commissione è nominata con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, sentito il Consiglio dei Ministri. Essa è presieduta dal sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed è composta da dodici membri, dei quali due senatori e due deputati, designati dai Presidenti delle rispettive Camere, quattro scelti fra il personale di cui alla legge 2 aprile 1979, n. 97, su designazione dei rispettivi organi di autogoverno, due fra i professori di ruolo in materie giuridiche e uno fra i dirigenti dello Stato e degli altri enti pubblici. È membro di diritto della Commissione il capo della struttura della Presidenza del Consiglio dei Ministri che costituisce il supporto organizzativo per il funzionamento della Commissione. La Commissione può avvalersi di un numero di esperti non superiore a cinque unità, nominati ai sensi dell’articolo 29 della legge 23 agosto 1988, n. 400. 3. La Commissione è rinnovata ogni tre anni. Per i membri parlamentari si procede a nuova nomina in caso di scadenza o scioglimento anticipato delle Camere nel corso del triennio. 4. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, a decorrere dall’anno 2004, sono determinati i compensi dei componenti e degli esperti di cui al comma 2, nei limiti degli ordinari stanziamenti di bilancio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. 5. La Commissione adotta le determinazioni previste dall’articolo 25, comma 4; vigila affinché sia attuato il principio di piena conoscibilità dell’attività della pubblica amministrazione con il rispetto dei limiti fissati dalla presente legge; redige una relazione annuale sulla trasparenza dell’attività della pubblica amministrazione, che comunica alle Camere e al Presidente del Consiglio dei Ministri; propone al Governo modifiche dei testi legislativi e regolamentari che siano utili a realizzare la più ampia garanzia del diritto di accesso di cui all’articolo 22. 6. Tutte le amministrazioni sono tenute a comunicare alla Commissione, nel termine assegnato dalla medesima, le informazioni ed i documenti da essa richiesti, ad eccezione di quelli coperti da segreto di Stato. 7. In caso di prolungato inadempimento all’obbligo di cui al comma 1 dell’articolo 18, le misure ivi previste sono adottate dalla Commissione di cui al presente articolo». Art. 19.

1. L’articolo 29 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è sostituito dal seguente:

«Art. 29 (Ambito di applicazione della legge). – 1. Le disposizioni della presente legge si applicano ai procedimenti amministrativi che si svolgono nell’ambito delle amministrazioni statali e degli enti pubblici nazionali e, per quanto stabilito in tema di giustizia amministrativa, a tutte le amministrazioni pubbliche.

2. Le regioni e gli enti locali, nell’ambito delle rispettive competenze, regolano le materie disciplinate dalla presente legge nel rispetto del sistema costituzionale e delle garanzie del cittadino nei riguardi dell’azione amministrativa, così come definite dai principi stabiliti dalla presente legge». Art. 20.

1. L’articolo 31 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è abrogato. Art. 21.

1. Ai seguenti articoli della legge 7 agosto 1990, n. 241, sono apposte, rispettivamente, le rubriche di seguito indicate: a) articolo 1: «(Principi generali dell’attività amministrativa)»; b) articolo 2: «(Conclusione del procedimento)»; c) articolo 3: «(Motivazione del provvedimento)»; d) articolo 4: «(Unità organizzativa responsabile del procedimento)»; e) articolo 5: «(Responsabile del procedimento)»; f) articolo 6: «(Compiti del responsabile del procedimento)»; g) articolo 7: «(Comunicazione di avvio del procedimento)»; h) articolo 8: «(Modalità e contenuti della comunicazione di avvio del procedimento)»; i) articolo 9: «(Intervento nel procedimento)»; l) articolo 10: «(Diritti dei partecipanti al procedimento)»; m) articolo 11: «(Accordi integrativi o sostitutivi del provvedimento)»; n) articolo 12: «(Provvedimenti attributivi di vantaggi economici)»; o) articolo 13: «(Ambito di applicazione delle norme sulla partecipazione)»; p) articolo 14: «(Conferenza di servizi)»; q) articolo 14-bis: «(Conferenza di servizi preliminare)»; r) articolo 14-ter: «(Lavori della conferenza di servizi)»; s) articolo 14-quater: «(Effetti del dissenso espresso nella conferenza di servizi)»; t) articolo 15: «(Accordi fra pubbliche amministrazioni)»; u) articolo 16: «(Attività consultiva)»; v) articolo 17: «(Valutazioni tecniche)»; z) articolo 18: «(Autocertificazione)»; aa) articolo 19: «(Denuncia di inizio attività)»; bb) articolo 20: «(Silenzio assenso)»; cc) articolo 21: «(Disposizioni sanzionatorie)»; dd) articolo 23: «(Ambito di applicazione del diritto di accesso)»; ee) articolo 25: «(Modalità di esercizio del diritto di accesso e ricorsi)»; ff) articolo 26: «(Obbligo di pubblicazione)»; gg) articolo 28: «(Modifica dell’articolo 15 del testo unico di cui al decreto del Presidente della

Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, in materia di segreto di ufficio)»; hh) articolo 30: «(Atti di notorietà)».

Art. 22.

1. Fino alla data di entrata in vigore della disciplina regionale di cui all’articolo 29, comma 2, della legge 7 agosto 1990, n. 241, come sostituito dall’articolo 19 della presente legge, i procedimenti amministrativi sono regolati dalle leggi regionali vigenti. In mancanza, si applicano le disposizioni della legge n. 241 del 1990 come modificata dalla presente legge. Art. 23.

1. Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, la Presidenza del Consiglio dei Ministri adotta le misure necessarie alla ricostituzione della Commissione per l’accesso. Decorso tale termine, l’attuale Commissione decade. 2. Entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Governo è autorizzato ad adottare, ai sensi dell’articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, un regolamento inteso a integrare o modificare il regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 27 giugno 1992, n. 352, al fine di adeguarne le disposizioni alle modifiche introdotte dalla presente legge. 3. Le disposizioni di cui agli articoli 15, 16 e 17, comma 1, lettera a), della presente legge hanno effetto dalla data di entrata in vigore del regolamento di cui al comma 2 del presente articolo. 4. Ciascuna pubblica amministrazione, ove necessario, nel rispetto dell’autonomia ad essa riconosciuta, adegua i propri regolamenti alle modifiche apportate al capo V della legge 7 agosto 1990, n. 241, dalla presente legge nonchè al regolamento di cui al comma 2 del presente articolo. La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sarà inserita nella Raccolta ufficiale degli attinormativi della Repubblica italiana. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.

Data a Roma, addì 11 febbraio 2005. CIAMPI Berlusconi, Presidente del Consigli dei Ministri Baccini, Ministro per la funzione pubblica Visto, il Guardasigilli: Castelli

LAVORI PREPARATORI

Senato della Repubblica (atto n. 1281):

Presentato dal Presidente del Consiglio dei Ministri (Berlusconi) e dal Ministro della funzione pubblica (Frattini) il 21 marzo

2002. Assegnato alla 1ª commissione (Affari costituzionali), in sede referente, il 2 aprile 2002, con pareri delle commissioni 2ª, 5ª, 13ª, e parlamentare per le questioni regionali.

Esaminato dalla 1ª commissione il 16 maggio 2002; 5 e 25 giugno 2002; 10 e 17 luglio 2002; 6, 12 e 14 novembre 2002. Relazione scritta annunciata il 12 marzo 2002 (atto n. 1281-A) relatore sen. Bassanini. Esaminato in aula il 20 marzo 2003; 1, 2, 3 e 9 aprile 2003; e approvato il 10 aprile 2003.

Camera dei deputati (atto n. 3890):

Assegnato alla I commissione (Affari costituzionali), in sede referente, il 15 aprile 2003, con pareri delle commissioni II, V, VI, VII, VIII, XII, XIV, e parlamentare per le questioni regionali. Esaminato dalla I commissione il 15 e 27 maggio 2003; 22 luglio 2003; 21, 22 e 30 ottobre 2003; 6 novembre 2003. Esaminato in aula il 10 novembre 2003; 2 dicembre 2003; e approvato il 14 gennaio 2004.

Senato della Repubblica (atto n. 1281-B):

Assegnato alla 1ª commissione (Affari costituzionali), in sede referente, il 22 gennaio 2004, con parere delle commissioni 2ª, 5ª, 7ª, 12ª, 13ª, e parlamentare per le questioni regionali.

Esaminato dalla 1ª commissione, in sede referente, il 12, 18 e 25 febbraio 2004; 2 marzo 2004.

Assegnato nuovamente alla 1ª commissione, in sede deliberante, l’11 maggio 2004, con parere delle commissioni 2ª, 5ª, 7ª, 12ª, 13ª, e parlamentare per le questioni regionali.

Esaminato dalla 1ª commissione, in sede deliberante, il 25 maggio 2004; 30 giugno 2004; 7 luglio 2004 e approvato il 21 luglio 2004.

Camera dei deputati (atto n. 3890-B):

Assegnato alla I commissione (Affari costituzionali), in sede referente, il 29 luglio 2004, con pareri delle commissioni II e XI. Esaminato dalla I commissione, in sede referente, il 17 e 25 novembre 2004; 1° dicembre 2004. Esaminato in aula il 24 gennaio 2005 ed approvato il 26 gennaio 2005.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Piano d’azione sulla salute mentale per l’Europa – Helsinki, Finlandia, 12-15 gennaio 2005

Organizzazione Mondiale della SanitàConferenza Ministeriale europea sulla Salute mentale

Helsinki, Finlandia, 12-15 gennaio 2005

Piano d’azione sulla salute mentale per l’Europa

Affrontare le sfide, creare le soluzioni

Il presente Piano d’Azione è adottato nell’ambito della Dichiarazione sulla Salute Mentale per l’Europa dai Ministri della sanità degli Stati membri della Regione europea dell’OMS, che ne sostengono l’attuazione in conformità con le esigenze e le risorse di ciascun paese.

Le sfide, per i prossimi cinque/dieci anni, prevedono l’elaborazione, la realizzazione e la valutazione di una politica e di una legislazione capaci di offrire, nel settore della salute mentale, attività in grado di migliorare il benessere dell’intera popolazione, prevenire i problemi di salute mentale e stimolare l’inclusione e la partecipazione attiva di coloro che soffrono di problemi di salute mentale. Le priorità per il prossimo decennio sono:

I. I.. promuovere la consapevolezza dell’importanza del benessere mentale; II. lottare collettivamente contro lo stigma, la discriminazione e l’ineguaglianza e responsabilizzare e sostenere le persone con problemi di salute mentale e le loro famiglie, in modo che possano partecipare attivamente a questo processo; III. progettare e realizzare sistemi destinati alla salute mentale completi, integrati ed efficienti, che includano la promozione, la prevenzione, il trattamento, la riabilitazione, l’assistenza ed il recupero; IV. provvedere all’esigenza di disporre di una forza lavoro competente ed efficace in tutte queste aree; V. riconoscere l’esperienza e le competenze dei pazienti e dei “carers”, come base essenziale per la pianificazione e lo sviluppo dei servizi per la salute mentale.

Il presente Piano d’Azione propone modalità e strumenti per elaborare, realizzare e sostenere politiche globali per la salute mentale nei paesi della Regione Europea dell’OMS, e richiede di intraprendere azioni nelle 12 aree sotto elencate. I Paesi terranno conto di queste politiche nelle proprie strategie e nei propri piani, al fine di determinare ciò che dovrà essere realizzato nei prossimi cinque/dieci anni.

1. Promuovere il benessere mentale per tutti

Sfida

La salute e il benessere mentale sono fondamentali per la qualità della vita, poiché consentono di dare un significato alla vita e di essere cittadini attivi e creativi. La salute mentale è un componente basilare della coesione sociale, della produttività, della pace e della stabilità nell’ambiente di vita, poiché contribuisce allo sviluppo del capitale sociale e dell’ economia delle società. La salute mentale pubblica e stili di vita che propizino il benessere mentale sono fondamentali per raggiungere questo obiettivo. La promozione della salute mentale migliora la qualità della vita e il benessere mentale dell’intera popolazione, incluse le persone che soffrono di questo tipo di disturbi ed i loro “carers”. L’elaborazione e la realizzazione di piani efficaci per promuovere la salute mentale non potrà che migliorare il benessere mentale di tutti.

Azioni da considerare

I. Elaborare strategie integrate per la promozione della salute mentale nel settore della salute mentale, della sanità pubblica, e delle altre politiche pubbliche che si occupino della promozione della salute mentale in tutte le fasi della vita degli individui. II. Considerare la promozione della salute mentale come un investimento a lungo termine e sviluppare programmi di educazione ed informazione di lunga durata. III. Elaborare e offrire programmi per il sostegno e di educazione alla genitorialità , da avviare sin dalla gravidanza. IV. Elaborare e offrire programmi basati su evidenze scientifiche che promuovano competenze, forniscano informazioni e si incentrino su resistenza, intelligenza emotiva e agire psicosociale nei bambini e nei giovani. V. Migliorare l’accesso degli anziani a diete salutari e all’attività fisica. VI. Promuovere interventi di comunità articolati su diversi livelli, con campagne di sensibilizzazione generale, partecipazione di operatori delle cure primarie e facilitatori quali insegnanti, membri del clero e rappresentanti dei media. VII. Integrare le componenti della promozione della salute mentale nei programmi e nelle politiche già esistenti di promozione della salute pubblica in generale, quali ad esempio quelli sostenuti dalle reti di promozione sanitaria dell’OMS. VIII. Incoraggiare il consumo di prodotti salutari e ridurre l’assunzione di prodotti potenzialmente nocivi. IX. Creare ambienti di lavoro salutari introducendo misure quali esercizio fisico, cambio degli schemi di lavoro, orari ragionevoli e stili organizzativi salutari. X. Offrire attività efficaci per la promozione della salute mentale ai gruppi a rischio, ad esempio persone con problemi cronici di salute fisica o mentale, e ai loro “carers”. XI. Identificare meccanismi chiari per sensibilizzare la popolazione a prendersi la responsabilità degli obiettivi di promozione della salute e di prevenzione delle malattie, ad esempio aumentando la consapevolezza dell’importanza delle scelte di vita.

2. Dimostrare la centralità della salute mentale

Sfida

La salute mentale è fondamentale nella creazione di una società sana, partecipativa e produttiva. Politiche pubbliche serie ed integrate, ad esempio relative al lavoro, alla pianificazione urbana e alle questioni socioeconomiche, hanno anche un impatto positivo sulla salute mentale e riducono il rischio di problemi ad essa correlati. Pertanto, è necessario considerare le implicazioni sulla salute mentale di tutte le politiche pubbliche, e in particolare il loro potenziale impatto sui gruppi a rischio. Una politica per la salute mentale pubblica richiede correlazioni intersettoriali e dovrebbe prevedere approcci multisettoriali e multidisciplinari.

Azioni da considerare

I. Rendere la salute mentale parte integrante della salute pubblica. II. Incorporare la prospettiva della salute mentale e le azioni ad essa pertinenti nelle legislazioni e nelle politiche nazionali sia nuove che già esistenti. III. Includere la salute mentale nei programmi che si occupano di salute e sicurezza sul lavoro. IV. Valutare l’impatto potenziale di qualsiasi nuova politica sul benessere mentale della popolazione prima della sua introduzione, e valutarne successivamente i risultati. V. Prestare particolare attenzione al relativo impatto delle politiche su coloro che già soffrono di problemi mentali e sulle persone a rischio.

3. Lottare contro lo stigma e la discriminazione

Sfida

Lo sviluppo e la realizzazione di politiche sulla salute mentale non devono essere compromessi dallo stigma diffusamente connesso ai problemi di salute mentale, che spesso porta alla discriminazione. In molti casi, le persone con problemi di salute mentale soffrono per mancanza di pari opportunità proprio in quanto soggette a discriminazione. I diritti umani e il rispetto per le persone che soffrono di problemi mentali devono essere salvaguardati. La responsabilizzazione è un passaggio cruciale per il raggiungimento di questi obiettivi, poiché facilita l’integrazione e l’inclusione sociale. La mancanza di attribuzione di responsabilità alle organizzazioni dei pazienti e dei loro “carers”, così come una tutela insufficiente, ostacolano l’elaborazione e la realizzazione di politiche e di attività attente ai loro bisogni ed aspettative. È necessario lottare con i mezzi più svariati contro l’esclusione di cui soffrono i pazienti dei servizi di salute mentale, tanto nelle strutture di ricovero chiuse o totalizzanti quanto nella comunità.

Azioni da considerare

I. Sostenere attività volte a contrastare lo stigma e la discriminazione, evidenziando la diffusione generalizzata dei problemi di salute mentale, il fatto che sono in genere curabili ed con prognosi favorevole, e raramente associati a violenza. II. Introdurre o attentamente valutare una legislazione per i diritti delle persone disabili tale da garantire che la salute mentale venga trattata in maniera paritaria ed equa. III. Elaborare e realizzare politiche nazionali, di settore e aziendali che contribuiscano ad eliminare dalle pratiche lavorative lo stigma e la discriminazione associate ai problemi di salute mentale. IV. Stimolare il coinvolgimento delle comunità nei programmi locali di salute mentale, sostenendo le iniziative delle organizzazioni non governative. V. Sviluppare un programma coerente di politiche e legislazioni che affrontino stigma e discriminazione, incorporando gli standard internazionali e regionali sui diritti umani. VI. Stabilire un dialogo costruttivo con i media e sistematicamente fornire loro informazioni. VII. Definire standard per garantire la rappresentanza dei pazienti e dei loro “carers” presso comitati e gruppi responsabili della pianificazione, dell’offerta, della revisione e del controllo delle attività nell’ ambito della salute mentale. VIII. Stimolare la creazione e lo sviluppo di organizzazioni non governative locali e nazionali condotte dai pazienti, che rappresentino le persone con problemi di salute mentale, i loro “carers” e le comunità in cui vivono. IX. Incoraggiare l’integrazione di bambini e giovani con problemi di salute mentale e con disabilità nel normale sistema educativo e di formazione professionale. X. Garantire una formazione professionale per coloro che soffrono di problemi di salute mentale e sostenere l’adattamento dei luoghi e delle pratiche di lavoro alle loro speciali esigenze, con l’obiettivo di assicurare il loro accesso al sistema occupazionale competitivo.

4. Promuovere attività rispettose delle fasi di vita più vulnerabili

Sfida

La prima infanzia, i bambini, i giovani e gli anziani sono particolarmente a rischio a causa di fattori sociali, psicologici, biologici e ambientali. Data la loro vulnerabilità e i loro bisogni, ai giovani e agli anziani dovrebbe essere concessa un’elevata priorità nelle attività correlate alla promozione della salute mentale e alla prevenzione e al trattamento dei problemi ad essa correlati. Tuttavia, molti paesi non dispongono di adeguate capacità in questo settore, ed i servizi e il personale sono spesso poco preparati ad affrontare i problemi legati allo sviluppo e all’età. In particolare, i disturbi nell’infanzia possono essere importanti precursori di disturbi nell’età adulta. Le azioni in favore della salute mentale dei bambini e degli adolescenti dovrebbero essere considerate come un investimento strategico, tale da produrre benefici a lungo termine per gli individui, le società e i sistemi sanitari.

Azioni da considerare

I. Garantire che le politiche in materia di salute mentale includano come priorità la salute e il benessere mentale dei bambini, degli adolescenti e degli anziani. II. Incorporare i diritti internazionali dei bambini, degli adolescenti e degli anziani nella legislazione relativa alla salute mentale. III. Coinvolgere il più possibile i giovani e gli anziani nei processi decisionali. IV. Prestare particolare attenzione ai gruppi emarginati, compresi i bambini e gli anziani appartenenti a famiglie immigrate. V. Sviluppare servizi di salute mentale attenti ai bisogni dei giovani e degli anziani, che operino in stretta collaborazione con le famiglie, le scuole, i centri di assistenza diurna, il vicinato, le famiglie estese e gli amici. VI. Promuovere lo sviluppo di centri di comunità per persone anziane per aumentare il supporto sociale e facilitare l’accesso agli interventi a loro destinati. VII. Garantire che vengano offerti servizi di salute mentale calibrati sui parametri dell’età e del sesso, all’interno dei servizi sanitari di cure primarie, dei servizi specialistici e dei servizi di assistenza sociale, in una rete integrata. VIII. Limitare il più possibile, per bambini, adolescenti e anziani, l’approccio assistenziale a carattere istituzionale chiuso, in quanto potenzialmente generatore di esclusione sociale e abbandono. IX. Migliorare la qualità dei servizi specializzati definendo o migliorando la capacità di offrire interventi specialistici e di assistenza durante l’infanzia, l’adolescenza e l’età anziana, formando e impiegando un numero adeguato di specialisti. X. Migliorare il coordinamento tra le organizzazioni coinvolte nei programmi per la lotta all’abuso di alcool e droga e nei programmi destinati alla salute mentale dei bambini e degli adolescenti, a livello nazionale e internazionale, nonché potenziare la collaborazione tra le rispettive reti. XI. Garantire equità di finanziamenti a servizi sanitari comparabili.

5. Prevenire i problemi di salute mentale e il suicidio

Sfida

In numerosi paesi le persone sono esposte a cambiamenti sociali dannosi e stressanti, che interferiscono con la coesione sociale, la sicurezza e l’occupazione e possono portare a un aumento dell’ansia e della depressione, dell’abuso di alcool e di altre sostanze, della violenza e dei comportamenti suicidari. I fattori sociali all’origine dei problemi di salute mentale sono numerosi e possono andare da motivi di sofferenza personale a questioni che hanno incidenza su un’intera comunità o società. Tali problemi possono essere provocati o aggravati in numerosi ambiti, tra i quali quello domestico, scolastico, lavorativo o istituzionale. Particolarmente esposti a questo rischio sono i gruppi emarginati o vulnerabili, come i rifugiati e gli immigrati, i disoccupati, le persone in prigione o ex-detenute, chi ha orientamenti sessuali differenti, disabilità fisiche o sensoriali e coloro che già hanno sofferto di problemi di salute mentale.

Azioni da considerare

I. Aumentare la consapevolezza riguardo alla prevalenza, ai sintomi e alla curabilità di stress patologico, ansia, depressione e schizofrenia. II. Rivolgersi ai gruppi a rischio, offrendo programmi di prevenzione per la depressione, l’ansia, lo stress patologico, il suicidio e altre problematiche a rischio, sviluppati sulla base delle loro esigenze specifiche e attenti all’ambiente sociale e alla cultura di appartenenza. III. Creare gruppi di auto-aiuto, linee telefoniche e siti web finalizzati a ridurre i suicidi e mirati in particolare ai gruppi ad alto rischio. IV. Attuare politiche che possano ridurre la disponibilità di mezzi con i quali commettere suicidio. V. Introdurre procedure ordinarie di valutazione della salute mentale delle neo-mamme, messe in atto dagli ostetrici e dal personale sanitario in visita domiciliare, e attivare interventi dove necessario. VI. Fornire alle famiglie a rischio interventi educativi domiciliari, per aiutare attivamente a migliorare le capacità genitoriali, i comportamenti sani e l’interazione tra genitori e figli. VII. Stabilire, in partenariato con altri ministeri, programmi educativi basati su evidenze scientifiche che affrontino temi quali suicidio, depressione, abuso di alcool e di altre sostanze, destinati ai giovani nelle scuole e nelle università, e coinvolgere nella realizzazione delle campagne informative personalità note individuabili come “modelli”, nonché giovani. VIII. Sostenere la realizzazione di programmi di sviluppo locali nelle aree ad alto rischio e responsabilizzare le agenzie non governative, soprattutto quelle che rappresentano gruppi emarginati. IX. Garantire sostegno professionale e servizi adeguati alle persone coinvolte in situazioni di grave crisi e violenza, incluse le guerre, i disastri naturali e gli attacchi terroristici, al fine di prevenire disturbi post-traumatici da stress. X. Aumentare la consapevolezza del personale impiegato nell’assistenza sanitaria e nei settori correlati circa le proprie attitudini ed i propri pregiudizi nei confronti del il suicidio e dei problemi di salute mentale. XI. Monitorare la salute mentale correlata al lavoro mediante lo sviluppo di indicatori e strumenti appropriati. XII. Sviluppare le capacità di protezione e promozione della salute mentale nei i luoghi di lavoro, mediante la valutazione dei rischi e la gestione dello stress e dei fattori psicosociali, la formazione del personale e l’aumento della consapevolezza. XIII. Coinvolgere le principali agenzie con responsabilità in settori quali occupazione, alloggio ed educazione nell’elaborazione e nell’offerta di programmi di prevenzione.

6. Garantire l’accesso a cure primarie di qualità in salute mentale

Sfida

In molti paesi della Regione Europea, i medici di medicina generale (MMG) e gli altri operatori coinvolti nei servizi di assistenza primaria sono la iniziale e principale fonte di aiuto per i problemi di salute mentale più comuni. Tuttavia, spesso i problemi di salute mentale non vengono rilevati proprio nei servizi di assistenza primaria o di medicina generale e il trattamento non sempre è adeguato quando vengono identificati. Molte persone con problemi di salute mentale, in modo particolare chi appartiene ai gruppi vulnerabili o emarginati, incontrano difficoltà ad accedere e a rimanere in contatto con i servizi. È necessario che i medici di medicina generale e i servizi di assistenza primaria sviluppino capacità e competenze adeguate per individuare e trattare in ambito territoriale le persone con problemi di salute mentale, anche mediante il necessario supporto offerto da una rete di servizi di salute mentale specialistici.

Azioni da considerare

I. Garantire che tutte le persone possano accedere facilmente ai servizi di salute mentale nelle strutture di assistenza primaria. II. Sviluppare servizi di cura primaria capaci di individuare e trattare i problemi di salute mentale, inclusi depressione, ansietà, disturbi da stress, abuso di sostanze tossiche e disturbi psicotici, adeguando il numero e le competenze del personale impegnato nell’assistenza di base. III. Fornire accesso ai farmaci psicotropi e agli interventi psicoterapeutici nelle istituzioni di assistenza primaria tanto per i disturbi mentali lievi quanto per quelli più gravi, specialmente per le persone con disordini mentali cronici e stabili che vivono nella comunità. IV. Incoraggiare il personale che si occupa delle cure primarie a sostenere la promozione della salute mentale e le attività di prevenzione, in particolare focalizzando l’attenzione sui fattori che determinano le malattie mentali o che contribuiscono alla loro persistenza. V. Elaborare ed applicare protocolli di segnalazione e di trattamento nell’ambito delle cure primarie, stabilendo buone prassi e definendo chiaramente le rispettive responsabilità nelle reti di cura primaria e nei servizi specialistici per la salute mentale. VI. Creare centri di competenza e promuovere reti regionali a cui possano fare riferimento per consulenze gli operatori sanitari, i pazienti, i “carers” e i media. VII. Assicurare la piena integrazione della salute mentale in altri servizi di assistenza primaria e in strutture di facile accesso, quali i servizi territoriali e gli ospedali generali.

7. Offrire assistenza efficace in servizi di comunità alle persone che soffrono di gravi problemi di salute mentale

Sfida

In tutta la Regione si stanno compiendo progressi nel riformare l’assistenza nel settore della salute mentale. È essenziale riconoscere e sostenere il diritto delle persone a ricevere i trattamenti e gli interventi più efficaci e di essere esposti, al tempo stesso, ai minori rischi possibili, sulla base delle aspettative e delle esigenze individuali e tenendo nella debita considerazione la cultura e la religione di appartenenza, il sesso e le aspirazioni. Le evidenze e le esperienze in molti paesi supportano la necessità di sviluppare una rete di servizi di comunità, che includono anche i letti d’ospedale. Nel ventunesimo secolo non c’è posto per trattamenti e cure inumane e degradanti nelle grandi istituzioni: un numero sempre crescente di paesi ha chiuso la maggior parte dei propri ospedali psichiatrici e sta attualmente realizzando efficaci servizi di comunità. Una considerazione particolare va data alle esigenze emotive, economiche ed educative delle famiglie e degli amici, che spesso si occupano in modo intensivo dell’assistenza e della cura e che altrettanto spesso hanno bisogno a loro volta di essere sostenuti.

Azioni da considerare

I. Potenziare le capacità dei pazienti e dei “carers” di accedere ai servizi di salute mentale e di prendersi la responsabilità per le proprie cure insieme ai professionisti coinvolti. II. Progettare e realizzare servizi specialistici di comunità accessibili 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, con équipes multidisciplinari, che possano prendere in carico persone con problemi gravi quali schizofrenia, disturbi bipolari, depressione grave o demenza. III. Garantire assistenza nelle situazioni di crisi, fornendo servizi nei luoghi in cui le persone vivono e lavorano, prevenendo ogni qualvolta sia possibile il peggioramento o l’ospedalizzazione, che va prevista esclusivamente per chi ha problemi molto gravi o è potenzialmente pericoloso per sé stesso o per gli altri. IV. Offrire in contesti di comunità trattamenti completi ed efficaci, psicoterapie e cure farmacologiche con il minor numero possibile di effetti collaterali, in particolare per i giovani che manifestano un primo episodio di disturbo mentale.

V. Garantire alle persone con problemi di salute mentale l’accesso alle medicine necessarie a un costo sostenibile tanto dal sistema sanitario quanto dal singolo, al fine di raggiungere l’appropiatezza della prescrizione e dell’uso dei farmaci. VI. Sviluppare servizi di riabilitazione che mirino a migliorare l’inclusione delle persone nella società, e che siano al contempo attenti all’impatto delle disabilità correlate ai problemi di salute mentale. VII. Offrire servizi alle persone con bisogni di salute mentale che si trovano in contesti non specialistici quali, ad esempio, ospedali generali o carceri. VIII. Offrire ai “carers” e alle famiglie una valutazione delle loro esigenze emotive ed economiche, e coinvolgerli nei programmi di cura. IX. Elaborare programmi in grado di migliorare le competenze e le capacità delle famiglie e dei “carers”. X. Verificare se i programmi d’assistenza sociale tengono conto del costo economico delle cure. XI. Pianificare e finanziare programmi modello che possano essere utilizzati per la diffusione delle informazioni. XII. Identificare e sostenere persone autorevoli e rispettate dai loro pari che possano diffondere pratiche innovative. XIII. Elaborare linee guida per le buone prassi e monitorarne la realizzazione. XIV. Introdurre diritti legali per consentire alle persone soggette a trattamenti non volontari di operare una autonoma scelta di tutela. XV. Introdurre o rafforzare legislazioni e regolamenti che salvaguardino gli standard di qualità delle cure, inclusa la cessazione dei trattamenti e degli interventi disumani e degradanti. XVI. Attivare un sistema di vigilanza mirante a rafforzare le buone prassi e a far cessare gli abusi e l’indifferenza nel settore della salute mentale.

8. Stabilire partenariati tra i diversi settori

Sfida

Servizi essenziali che nel passato erano comunemente forniti in grandi istituzioni oppure non erano considerati importanti per la vita delle persone con problemi di salute mentale sono oggi spesso frammentati tra diverse agenzie. La carenza di relazioni e di coordinamento tra i servizi forniti o finanziati da enti differenti è alla base delle sofferenze, dell’inefficacia e della cattiva qualità dell’assistenza. La responsabilità di diversi organismi per una così ampia gamma di servizi esige un coordinamento e una gestione efficaci, fino al livello governativo. I pazienti e i loro “carers”devono essere sostenuti nell’accesso e nella fruizione di servizi quali assistenza sociale, alloggio, pasti, lavoro e cura delle condizioni fisiche, incluso l’abuso di sostanze nocive.

Azioni da considerare

I. Organizzare servizi di cura e di prevenzione costruiti intorno alle esigenze dei pazienti e in collaborazione con essi. II. Creare reti di collaborazione tra i servizi essenziali per la qualità della vita dei pazienti e dei “carers”, quali assistenza sociale, lavoro, istruzione, giustizia, trasporti e sanità. III. Conferire al personale dei servizi di salute mentale la responsabilità di identificare i bisogni e fornire supporto per le attività di vita quotidiana, sia direttamente che mediante il coordinamento con altri servizi. IV. iv.Aggiornare il personale di altri servizi correlati sulle esigenze specifiche e sui diritti delle persone con problemi di salute mentale e delle persone a rischio. V. Identificare e rimuovere gli ostacoli burocratici e finanziari che impediscono la collaborazione, anche a livello governativo.

9. Creare una forza lavoro sufficiente e competente

Sfida

La riforma della salute mentale richiede nuovi ruoli e responsabilità per il personale coinvolto, ma anche cambiamenti dei valori e degli atteggiamenti, delle conoscenze e delle competenze. È necessario modernizzare le pratiche di lavoro di molti operatori della salute mentale e di altri settori, quali insegnanti, funzionari dell’assistenza sociale, clero e volontari, al fine di ottenere trattamenti efficaci ed efficienti. Le nuove opportunità di formazione devono corrispondere al fabbisogno di competenza in tutti i ruoli e in tutte le attività da intraprendere.

Azioni da considerare

I. Riconoscere l’esigenza di nuovi ruoli e responsabilità da assegnare al personale impiegato sia a livello di base che specialistico nella salute mentale e in altre aree importanti, quali l’assistenza sociale e l’istruzione. II. Prevedere, nella formazione di tutti gli operatori della salute mentale, tirocini in strutture di comunità e in gruppi di lavoro multidisciplinari. III. Elaborare programmi di formazione destinati al riconoscimento, alla prevenzione e al trattamento dei problemi di salute mentale per tutti gli operatori che operano nell’ambito dell’assistenza di base. IV. Pianificare e finanziare, in collaborazione con il settore dell’istruzione, programmi che considerino le esigenze di formazione ed aggiornamento professionale sia del personale esistente che di quello di nuova assunzione. V. Incoraggiare l’assunzione di nuovi operatori nel settore della salute mentale e facilitare il permanere al lavoro di quelli già operanti. VI. Garantire una distribuzione equa dei professionisti della salute mentale nella popolazione, in particolare tra le persone a rischio, sviluppando forme di incentivazione. VII. Affrontare il problema della mancanza di competenza nelle nuove tecnologie dei formatori attuali, e sostenere la pianificazione di programmi di “formazione dei formatori”. VIII. Formare e aggiornare gli operatori dei servizi di salute mentale sulle interrelazioni tra promozione, prevenzione e trattamento. IX. Educare la forza lavoro del settore pubblico a riconoscere l’impatto della proprie politiche ed azioni sulla salute mentale della popolazione. X. Creare una forza lavoro esperta elaborando e realizzando adeguati programmi di formazione specialistica per tutto il personale che opera nel contesto della salute mentale. XI. Elaborare percorsi di formazione specialistica per aree che richiedono alti livelli di competenza quali il trattamento dei bambini, degli anziani e delle persone che soffrono di una combinazione di problemi di salute mentale e di disturbi dovuti all’assunzione di sostanze nocive (comorbilità).

10. Diffondere informazioni di qualità sulla salute mentale

Sfida

Per sviluppare buone politiche e buone pratiche nei singoli paesi e in tutta la Regione Europea, è necessario rendere disponibili informazioni di qualità sullo stato corrente della salute mentale e sulle attività correlate. L’impatto di ogni nuova iniziativa deve essere monitorato. Lo stato di salute mentale e la domanda di assistenza delle popolazioni, dei gruppi specifici e dei singoli individui devono essere misurati in modo tale da consentire il confronto dei dati e delle informazioni in tutta la Regione Europea dell’OMS. È necessario che gli indicatori siano standardizzati e comparabili a livello locale, nazionale e internazionale al fine di poter essere efficacemente utilizzati nella pianificazione, realizzazione, monitoraggio e valutazione di una strategia e di un piano d’azione per la salute mentale basati su evidenze scientifiche.

Azioni da considerare

I. Elaborare o rafforzare un sistema di sorveglianza nazionale basato su indicatori e sistemi di raccolta dei dati standardizzati, armonizzati e confrontabili a livello internazionale, che consentano di monitorare il progresso verso gli obiettivi locali, nazionali e internazionali di miglioramento della salute e del benessere mentale. II. Elaborare nuovi indicatori e metodi di raccolta dei dati per le informazioni non ancora disponibili, inclusi indicatori relativi alla promozione, alla prevenzione, al trattamento e al recupero nel settore della salute mentale. III. Sostenere la realizzazione di periodiche indagini di popolazione sulla salute mentale, utilizzando una metodologia condivisa in tutta la Regione Europea dell’OMS. IV. Misurare i tassi di base dell’incidenza e della prevalenza di condizioni chiave, inclusi i fattori di rischio, nella popolazione e nei gruppi a rischio. V. Monitorare i programmi, i servizi e i sistemi di salute mentale esistenti. VI. Sostenere la creazione di un sistema integrato di database condiviso in tutta la Regione Europea dell’OMS, contenente informazioni sulla situazione della salute mentale, e precisamente su politiche, strategie, realizzazione di azioni di promozione, prevenzione, trattamento, e riabilitazione basati su evidenze scientifiche. VII. Favorire la diffusione delle informazioni sull’impatto delle buone politiche e delle buone prassi a livello nazionale e internazionale.

11. Assicurare adeguati ed equi finanziamenti

Sfida

Le risorse destinate alla salute mentale sono spesso inadeguate e non eque rispetto a quelle disponibili per altri settori della cosa pubblica; ciò comporta difficoltà di accesso ai servizi, indifferenza e discriminazione. In alcuni sistemi sanitari, la copertura assicurativa dell’accesso e del diritto alla cura discrimina in maniera grave chi soffre di problemi di salute mentale. Nell’ambito dei finanziamenti destinati alla salute mentale, la distribuzione delle risorse dovrebbe essere equa e proporzionata, ad esempio con una maggiore offerta relativa di quote e di indennità a chi si trova in maggiori difficoltà.

Azioni da considerare

I. Valutare se la percentuale di finanziamento assegnata alla salute mentale riflette equamente le necessità e lo stato di priorità delle persone con particolari esigenze. II. Garantire che le persone con i problemi più gravi e i più poveri della società ricevano i maggiori benefici. III. Valutare se i finanziamenti sono distribuiti in maniera efficiente, tenendo nella giusta considerazione i vantaggi di cui usufruirà la società, inclusi quelli generati dalla promozione, dalla prevenzione e dalle cure appropriate. IV. Valutare se i sistemi basati su fondi pubblici o assicurazioni private offrono una copertura totale ed adeguata, a livelli analoghi a quella garantita ad altri tipi di malattia, senza escludere o discriminare gruppi particolari e proteggendo soprattutto i più vulnerabili.

12. Valutare l’efficacia della ricerca e produrre nuove evidenze scientifiche

Sfida

La ricerca è al momento in costante progresso, ma alcune strategie ed interventi mancano tuttora della necessaria base scientifica, per cui si rendono necessari ulteriori investimenti. Inoltre, è indispensabile anche investire nella diffusione dei dati, poiché le evidenze scientifiche esistenti relative all’efficacia di nuovi interventi e di esempi nazionali ed internazionali di buone prassi non sono ancora ben conosciute da politici, dirigenti, professionisti e ricercatori. La comunità scientifica europea deve collaborare per porre le basi di un’attività sulla salute mentale basata su concrete evidenze scientifiche. La ricerca dovrà assumere come priorità principali l’analisi delle politiche relative alla salute mentale, la valutazione dell’impatto di strategie più generali sulla salute mentale, la valutazione dei programmi di promozione della salute mentale, la creazione di una base di dati più solida in materia di attività di prevenzione, nuovi modelli di servizi ed aspetti economici della salute mentale.

Azioni da considerare

I. Sostenere strategie di ricerca nazionali che identifichino, sviluppino e realizzino le migliori prassi per soddisfare i bisogni della popolazione, inclusi i gruppi a rischio. II. Valutare l’impatto dei sistemi di salute mentale nel tempo e applicare le esperienze acquisite all’elaborazione delle nuove priorità ed alla attivazione delle ricerche necessarie. III. Sostenere una ricerca che faciliti lo sviluppo di programmi di prevenzione destinati a tutta la popolazione, inclusi i gruppi a rischio. Per realizzare programmi e politiche preventivi efficaci, è necessario intraprendere ricerche sulle implicazioni della correlazione tra numerosi problemi di salute di tipo mentale, fisico e sociale. IV. Promuovere ricerche volte a valutare l’impatto sulla salute delle politiche relative a settori diversi da quello sanitario, poiché tali politiche possono avere un evidente effetto positivo sulla salute mentale. V. Ridurre lo scarto di conoscenze tra la ricerca e la pratica facilitando la collaborazione e i partenariati tra ricercatori, politici e professionisti , organizzando seminari e rendendo accessibili le pubblicazioni. VI. Garantire che i programmi di ricerca includano valutazioni a lungo termine dell’impatto non solo sulla salute mentale ma anche su quella fisica, così come sugli effetti sociali ed economici. VII. Stabilire partenariati sostenibili tra professionisti e ricercatori per la realizzazione e la valutazione degli interventi nuovi o di quelli esistenti. VIII. Investire nella formazione sulla ricerca in salute mentale nelle diverse discipline accademiche, incluse antropologia, sociologia, psicologia, studi di gestione aziendale ed economia, e creare incentivi per collaborazioni accademiche a lungo termine. IX. Ampliare la collaborazione europea nel settore della ricerca sulla salute mentale promuovendo la creazione di reti tra i centri collaborativi europei dell’OMS e altri centri che effettuano attività di ricerca nel campo della prevenzione. X. Investire sulla collaborazione in ambito regionale nel campo dell’informazione e della diffusione delle informazioni, per evitare da un lato la duplicazione di ricerche applicabili a livello generale e dall’altro la mancata diffusione di conoscenze su attività importanti ed efficaci svolte in contesti diversi.

La salute mentale per l’Europa: affrontare le sfide

Fasi cruciali

Gli Stati membri si impegnano, attraverso la Dichiarazione sulla Salute mentale per l’Europa e il presente Piano d’azione, ad affrontare le sfide rispettando le tappe cruciali indicate di seguito. Tra il 2005 e il 2010 essi dovranno:

1. elaborare politiche e mettere in atto attività destinate alla lotta contro lo stigma e la discriminazione, alla promozione del benessere mentale anche all’interno di ambienti di lavoro e di studio salutari;

2. valutare l’impatto sulla salute mentale delle politiche pubbliche;

3. includere nelle politiche nazionali la prevenzione dei problemi mentali e del suicidio;

4. sviluppare servizi specialistici in grado di affrontare le particolari sfide poste dai giovani e dagli anziani e le specifiche problematiche di genere;

5. dare priorità ai servizi che affrontano i problemi di salute mentale dei gruppi più vulnerabili o emarginati, incluse le problematiche di comorbilità, ovvero le situazioni in cui i disturbi mentali si verificano in concomitanza con altri problemi, ad esempio malattie fisiche o abuso di sostanze;

6. sviluppare relazioni di partenariato che favoriscano la cooperazione intersettoriale ed eliminare gli ostacoli che impedisconoil lavoro congiunto;

7. introdurre strategie legate alle risorse umane per creare una forza lavoro numericamente sufficiente e competente sulla salute mentale;

8. definire una serie di indicatori sui determinanti e sull’epidemiologia della salute mentale, per progettare ed offrire servizi in collaborazione con altri Stati membri;

9. garantire finanziamenti, regolamentazioni e legislazioni che inglobino la salute mentale e siano equi;

10. porre fine a trattamenti e a cure disumane e degradanti e adottare una legislazione sui diritti umani e sulla salute mentale che sia conforme a quanto dichiarato nelle convenzioni delle Nazioni unite e nella legislazione internazionale;

11. aumentare il livello di inclusione sociale delle persone con problemi di salute mentale;

12. garantire che i pazienti e i loro “carers” siano rappresentati in seno a comitati e gruppi responsabili della pianificazione, dell’offerta, della revisione e del controllo delle attività legate alla salute mentale.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Dichiarazione sulla Salute mentale per l’Europa – Helsinki, Finlandia, 12-15 gennaio 2005

Organizzazione Mondiale della SanitàConferenza Ministeriale europea sulla Salute mentale

Helsinki, Finlandia, 12-15 gennaio 2005

Dichiarazione sulla Salute mentale per l’Europa

Affrontare le sfide, creare le soluzioni

Preambolo

1. Noi, i Ministri della Sanità degli Stati membri della Regione europea dell’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS), alla presenza del Commissario europeo per la salute e la difesa dei consumatori, di concerto con il Direttore regionale dell’OMS per l’Europa, riuniti nella Conferenza ministeriale dell’OMS sulla salute mentale tenutasi in Helsinki dal 12 al 15 gennaio 2005, riconosciamo che la salute e il benessere mentale sono fondamentali per la qualità della vita e la produttività degli individui, delle famiglie, delle comunità e delle nazioni, poiché consentono di dare un significato alla vita e di essere cittadini attivi e creativi. Crediamo che la finalità principale delle azioni esplicitate nell’ambito della salute mentale sia quella di migliorare il benessere e la funzionalità delle persone, mettendone in evidenza i punti di forza e le risorse, rafforzandone la resistenza e stimolando i fattori di protezione esterni.

2. Riconosciamo che la promozione della salute mentale, la prevenzione, il trattamento, l’assistenza, la riabilitazione dei problemi mentali sono una priorità per l’OMS e per i suoi Stati membri, per l’Unione europea (UE) e il Consiglio d’Europa, come indicato in numerose risoluzioni dell’Assemblea Mondiale per la Sanità e del Consiglio Esecutivo dell’OMS, del Comitato Regionale dell’OMS per l’Europa e dal Consiglio dell’Unione Europea. In tali risoluzioni si richiede agli Stati membri, all’OMS, all’UE e al Consiglio europeo di intraprendere azioni necessarie per alleviare il carico dei problemi di salute mentale e per migliorare il benessere mentale.

3. Ribadiamo il nostro impegno al rispetto della risoluzione EUR/RC51/R5 relativa alla “Dichiarazione di Atene sulla salute mentale, i disastri originati dall’azione dell’uomo, lo stigma e l’assistenza a livello di comunità” e della risoluzione EUR/RC53/R4 adottata dal Comitato regionale dell’OMS per l’Europa nel settembre del 2003, nelle quali il Comitato esprimeva preoccupazione per il fatto che il peso delle malattie provocate dai disturbi mentali in Europa non va diminuendo e che molte persone con problemi di salute mentale non ricevono il trattamento e l’attenzione di cui hanno bisogno, malgrado l’elaborazione di interventi efficaci. Il Comitato regionale aveva richiesto al Direttore Regionale di:

• accordare un grado elevato di priorità alle questioni relative alla salute mentale nell’implementazione delle attività concernenti l’aggiornamento della politica della “Salute per tutti”; • organizzare ad Helsinki, nel gennaio del 2005, una conferenza ministeriale sulla salute mentale in Europa.

4. Prendiamo atto delle risoluzioni che sostengono un programma d’azione sulla salute mentale. La risoluzione EB109.R8, adottata dal Consiglio Esecutivo dell’OMS nel gennaio del 2002, sostenuta dalla risoluzione WHA55.10 dell’Assemblea Mondiale della Sanità del maggio 2002, chiede agli Stati membri dell’OMS di:

• adottare le raccomandazioni contenute nel Rapporto sulla salute nel mondo del 2001; • adottare politiche, programmi e una legislazione in materia di salute mentale che tengano conto delle attuali conoscenze e delle considerazioni relative ai diritti umani, da realizzarsi con la consulenza di tutte le parti in causa; • aumentare, sia nei singoli paesi che attraverso la cooperazione bilaterale e multilaterale, gli investimenti destinati alla salute mentale, intesa come parte integrante del benessere delle popolazioni.

5. Le risoluzioni del Consiglio dell’Unione Europea, le raccomandazioni del Consiglio d’Europa e le risoluzioni dell’OMS a partire dal 1975, riconoscono il ruolo importante della promozione della salute mentale e del pericoloso legame esistente tra problemi di salute mentale ed emarginazione sociale, disoccupazione, mancanza di fissa dimora, abuso di alcol e di altre sostanze. Riconosciamo l’importanza della “Convenzione per la salvaguardia dei diritti umani e delle libertà fondamentali”, della “Convenzione sui diritti dell’infanzia”, della “Convenzione europea per la prevenzione delle torture e dei trattamenti inumani o umilianti o delle misure punitive” e della “Carta sociale europea”, nonché dell’impegno del Consiglio d’Europa verso la protezione e la promozione della salute mentale espresso mediante la Dichiarazione della relativa Conferenza ministeriale sul futuro della salute mentale (Stoccolma, 1985) e mediante tutte le altre raccomandazioni adottate nel settore, in particolare la Raccomandazione R(90)22 sulla salvaguardia della salute mentale di alcuni gruppi vulnerabili della società e la Raccomandazione Rec(2004)10 relativa alla salvaguardia dei diritti umani e della dignità delle persone con disturbi mentali.

Finalità

6. Prendiamo nota del fatto che sia in atto un’evoluzione di molti aspetti delle politiche e dei servizi destinati alla salute mentale nella Regione europea. Le politiche e i servizi stanno cercando di raggiungere l’obiettivo dell’inclusione sociale e dell’equità, attraverso una visione globale dell’equilibrio tra le esigenze e i vantaggi delle diverse attività connesse alla salute mentale e destinate alla popolazione nel suo complesso, ai gruppi a rischio e alle persone affette da disturbi mentali. Le prestazioni vengono fornite in una vasta gamma di servizi di comunità e non più esclusivamente in grandi istituzioni chiuse. Riteniamo che questa sia la giusta e necessaria direzione. Accogliamo favorevolmente il fatto che le politiche e le pratiche relative alla salute mentale si occupino ora degli aspetti indicati di seguito:

I. la promozione del benessere mentale; II. la lotta contro lo stigma, la discriminazione e l’esclusione sociale; III. la prevenzione dei problemi legati alla salute mentale; IV. l’assistenza alle persone con problemi di salute mentale, con l’offerta di servizi ed interventi integrati ed efficaci, che prevedano la partecipazione e la possibilità di scelta dei pazienti e dei loro “carers”1; V. il recupero e il reinserimento nella società di coloro che hanno sofferto di gravi problemi di salute mentale.

1 Il termine”carer” viene qui utilizzato per definire un membro della famiglia, della cerchia di amici o altre persone che si prendono cura del malato in modo informale.

Priorità

7. Nella regione europea dell’OMS è necessario costruire sulla piattaforma della riforma e della modernizzazione, apprendere dalle esperienze condivise ed essere consapevoli delle caratteristiche uniche dei singoli paesi. Riteniamo che le priorità principali per il prossimo decennio siano le seguenti:

I. promuovere la consapevolezza dell’importanza del benessere mentale; II. lottare collettivamente contro lo stigma, la discriminazione e l’ineguaglianza e responsabilizzare e sostenere le persone con problemi di salute mentale e le loro famiglie, in modo che possano partecipare attivamente a questo processo; III. progettare e realizzare sistemi destinati alla salute mentale completi, integrati ed efficienti, che includano la promozione, la prevenzione, il trattamento, la riabilitazione, l’assistenza ed il recupero; IV. provvedere all’esigenza di disporre di una forza lavoro competente ed efficace in tutte queste aree; V. riconoscere l’esperienza e le competenze dei pazienti e dei “carers”, come base essenziale per la pianificazione e lo sviluppo dei servizi per la salute mentale.

Azioni

8. Sottoscriviamo l’affermazione secondo la quale non c’è salute senza salute mentale. La salute mentale è una delle componenti centrali del capitale umano, sociale ed economico delle nazioni e deve pertanto essere considerata come parte integrante e fondamentale di altre politiche d’interesse pubblico, quali quelle relative ai diritti umani, all’assistenza sociale, all’educazione e all’impiego. Pertanto, noi, i ministri responsabili della salute, conformemente alle responsabilità e alle strutture costituzionali nazionali, ci impegniamo a riconoscere l’esigenza di adottare politiche per la salute mentale basate su esaustive evidenze scientifiche, e a prendere in esame modalità e mezzi di sviluppo, realizzazione e sostegno di tali politiche nei nostri rispettivi paesi. Queste politiche, il cui obiettivo è l’ottenimento del benessere mentale e l’inclusione sociale delle persone con problemi di salute mentale, richiedono azioni nelle aree specificate di seguito:

I. promuovere il benessere mentale della popolazione nel suo complesso con misure che promuovano sensibilizzazione e cambiamenti positivi per gli individui e le famiglie, le comunità e la società civile, gli ambienti di lavoro e di studio, i governi e le istituzioni nazionali; II. considerare il potenziale impatto di tutte le politiche di interesse pubblico relative alla salute mentale, con particolare attenzione ai gruppi più vulnerabili, dimostrando la centralità della salute mentale nella costruzione di una società sana, partecipativa e produttiva; III. lottare contro lo stigma e la discriminazione, garantire la salvaguardia dei diritti umani e della dignità delle persone e mettere in atto la legislazione necessaria per consentire alle persone a rischio o sofferenti di problemi di salute mentale e di disabilità di partecipare pienamente alla società; IV. offrire agli individui a rischio un sostegno mirato e interventi adatti ai differenti stadi di vita, in particolare rivolti alla genitorialità e all’educazione dei bambini e dei giovani e all’assistenza delle persone anziane; V. sviluppare e mettere in atto misure volte a ridurre le cause evitabili dei problemi di salute mentale, patologie correlate e suicidio; VI. creare le competenze e le capacità dei medici di medicina generale e dei servizi di cure primarie, in rete con servizi di assistenza medica e non-medica specializzata, per offrire, in modo efficace, accesso, identificazione dei problemi e trattamento alle persone con disagio mentale;

VII. offrire alle persone con gravi problemi di salute mentale trattamenti e cure efficaci e integrate in una serie di istituzioni diversificate e con modalità che rispettino le preferenze personali e le protegga da trascuratezza e abuso; VIII. stabilire relazioni di partnership, coordinamento e leadership tra regioni, paesi, settori e agenzie in grado di influire sulla salute mentale e sull’inclusione sociale di individui e famiglie, gruppi e comunità; IX. disegnare programmi di reclutamento, istruzione e formazione per creare una forza lavoro sufficiente, competente e multidisciplinare; X. valutare lo stato della salute mentale e i bisogni della popolazione, di gruppi specifici e di individui, secondo modalità che consentano raffronti a livello nazionale e internazionale; XI. fornire risorse finanziarie eque e adeguate che consentano di raggiungere questi obiettivi; XII. avviare la ricerca e sostenere la valutazione e la diffusione delle azioni sopra elencate.

9. Riconosciamo l’importanza e l’urgenza di affrontare le sfide e di individuare possibili soluzioni ispirate alle evidenze scientifiche. Aderiamo pertanto al Piano di Azione per la Salute Mentale in Europa e ne sosteniamo l’attuazione nella Regione europea dell’OMS; ogni paese adatterà i contenuti alle proprie esigenze e risorse. Ci impegniamo inoltre a mostrare solidarietà in ogni zona della Regione e a condividere conoscenze, buone pratiche e competenze.

Responsabilità

10. Noi, i Ministri della salute degli Stati membri della Regione europea dell’OMS ci impegniamo a sostenere l’attuazione delle misure di seguito indicate, in conformità alle strutture costituzionali e alle politiche di ogni paese, nonché alle esigenze, circostanze e risorse nazionali e subnazionali:

I. adottare politiche e legislazioni relative alla salute mentale che stabiliscano standard per le attività specifiche e rispettino i diritti umani; II. coordinare, nell’ambito dei rispettivi governi, le responsabilità in materia di formulazione, diffusione e attuazione delle politiche e della legislazione pertinenti alla salute mentale; III. valutare l’impatto delle azioni dei governi sulla salute mentale; IV. eliminare lo stigma e la discriminazione e favorire l’inclusione aumentando la generale consapevolezza, consentendo alle persone a rischio di esercitare le proprie responsabilità; V. offrire alle persone che soffrono di problemi di salute mentale possibilità di scelta e di coinvolgimento nei propri percorsi di cura, ponendo attenzione alle loro esigenze e culture; VI. rivedere e se necessario introdurre legislazioni a sostegno di pari opportunità o anti discriminazione; VII. promuovere la salute mentale nel mondo dell’istruzione e del lavoro, nelle comunità e in altri ambiti di rilevanza, favorendo la collaborazione tra le agenzie responsabili della salute e di altri settori pertinenti; VIII. prevenire i fattori di rischio, sostenendo, ad esempio, lo sviluppo di ambienti di lavoro che favoriscano la salute mentale e creando incentivi per offrire supporto presso i luoghi di lavoro e favorire il rientro in breve tempo per coloro che abbiano superato problemi di salute mentale; IX. operare per la prevenzione del suicidio e delle cause di stress, violenza, depressione, ansia, abuso di alcool e di altre sostanze; X. riconoscere e rafforzare il ruolo centrale delle cure primarie e dei medici di medicina generale, aumentando la loro capacità di assumersi responsabilità nell’ambito della salute mentale; XI. sviluppare, per coloro che soffrono di gravi problemi di salute mentale, servizi di comunità sostitutivi dell’assistenza fornita nelle grandi istituzioni chiuse; XII. applicare misure che pongano fine a trattamenti inumani e degradanti;

XIII. incrementare i partenariati tra le agenzie responsabili dell’assistenza e del sostegno, in settori quali salute, prestazioni sociali, alloggio, istruzione e occupazione; XIV. includere la salute mentale nei curricula di studio di tutti i professionisti della sanità e progettare programmi di formazione ed aggiornamento professionale continui per gli operatori della salute mentale; XV. incoraggiare la specializzazione di chi si occupa di salute mentale, per far fronte alle esigenze specifiche di gruppi quali bambini, giovani, anziani e di coloro con problemi di salute mentale cronici e gravi; XVI. garantire alla salute mentali le risorse sufficienti, tenendo in considerazione il “burden of disease”, facendo sì che gli investimenti in salute mentale siano una parte ben identificabile della spesa sanitaria generale, e ottengano la parità con gli investimenti in altre aree della salute; XVII. sviluppare un sistema di sorveglianza del benessere e della salute mentali, che tenga conto dei fattori di rischio e della domanda di assistenza, e monitorarne l’attuazione; XVIII. commissionare ricerche quando e dove la competenza e la tecnologia non siano sufficienti e diffonderne i risultati.

11. Sosterremo le organizzazioni non governative attive nel settore della salute mentale e stimoleremo la creazione di organizzazioni non governative e di associazioni degli utenti. Saranno particolarmente benvenute le organizzazioni attive nei seguenti campi:

I. organizzazione di pazienti impegnati nello sviluppo delle proprie attività, inclusa la creazione e la gestione di gruppi di auto aiuto e la formazione in merito alle competenze correlate al recupero; II. rafforzamento delle capacità delle persone vulnerabili ed emarginate a difesa della loro causa; III. offerta di servizi di comunità che coinvolgano i pazienti; IV. sviluppo delle capacità e delle competenze dei famigliari e dei “carers”, e loro coinvolgimento attivo nei programmi di cura; V. definizione di programmi per migliorare la genitorialità, l’educazione e la tolleranza, intervenendo contro l’abuso di alcol e di altre sostanze, la violenza e la criminalità; VI. sviluppo di servizi locali destinati alle esigenze dei gruppi emarginati; VII. gestione di linee telefoniche d’aiuto e di consulenza via Internet per persone in situazioni di crisi, vittime di violenze o a rischio di suicidio; VIII. creazione di opportunità di occupazione per persone con disabilità.

12. Invitiamo la Commissione europea e il Consiglio d’Europa a sostenere l’attuazione di questa Dichiarazione dell’OMS sulla salute mentale per l’Europa alla luce delle rispettive competenze.

13. Chiediamo al Direttore Regionale dell’OMS per l’Europa di intraprendere azioni nelle seguenti aree:

(a) Partenariato

I. incoraggiare la cooperazione in questa area con le organizzazioni intergovernative, inclusa la Commissione Europea e il Consiglio d’Europa.

(b) Informazioni sanitarie

II. sostenere gli Stati membri nello sviluppo di sistemi di sorveglianza sulla salute mentale; III. produrre dati comparativi sullo stato e sul progresso della salute mentale e dei relativi servizi negli Stati membri.

(c) Ricerca

I. stabilire una rete di centri collaboratori che si occupano di salute mentale che offra opportunità di partnership internazionali, ricerche di qualità e scambi di ricercatori; II. produrre e diffondere le migliori evidenze disponibili sulle buone pratiche, tenendo in considerazione gli aspetti etici della salute mentale.

(d) Sviluppo di politiche e di servizi

I. aiutare i governi offrendo l’expertise necessaria a sostenere riforme in salute mentale mediante politiche efficaci che includano strumenti legislativi, progettazione di servizi, promozione della salute mentale e prevenzione dei problemi ad essa correlati; II. creare programmi che prevedano la “formazione dei formatori”; III. avviare progetti di scambio per programmi sperimentali; IV. assistere nella formulazione di politiche di ricerca; V. incoraggiare il cambiamento, creando una rete nazionale di promotori di riforma e di funzionari chiave.

(e) Advocacy

I. formulare e monitorare politiche ed attività che promuovano i diritti umani e l’inclusione delle persone con problemi di salute mentale e ridurre lo stigma e la discriminazione nei loro confronti; II. rafforzare le capacità dei pazienti, dei “carers” e delle organizzazioni non governative attraverso informazioni ed attività coordinate nei diversi paesi; III. sostenere gli Stati membri nell’elaborazione di una base di informazioni che rafforzi le capacità dei pazienti dei servizi per la salute mentale; IV. facilitare gli scambi internazionali di esperienze coinvolgendo le principali organizzazioni non governative locali e regionali; V. fornire ai media, alle organizzazioni non governative e agli altri gruppi e indvidui interessati informazioni obiettive e costruttive.

14. Chiediamo all’Ufficio Regionale dell’OMS per l’Europa di intraprendere i passi necessari per garantire che lo sviluppo delle politiche relative alla salute mentale e la loro attuazione siano pienamente supportate e che siano concesse priorità e risorse adeguate alle attività e ai programmi che soddisfano quanto stabilito in questa Dichiarazione.

15. Ci impegniamo a relazionare all’OMS sui progressi compiuti nell’attuazione della presente Dichiarazione nei nostri rispettivi paesi in occasione di una riunione intergovernativa da tenersi prima del 2010.

Il Ministro della sanità e dei servizi sociali della Finlandia

Il Direttore Regionale dell’OMS per l’Europa

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail