Iniziative Idealmente
Foto Friuli

Libri

After Jericho – The new areas of psychiatry

image1

Dear members and supporters,

The Idealmente Onlus Association non-profit organization wishes you Happy Easter.

We invite you to read this book on Ethnosemiotics by Professor Francesco Galofaro, entitled

AFTER JERICHO – The new areas of psychiatry.

This is the preface.

The text by Francesco Galofaro, third issue of the series of Ethnosemiotics Notebooks, addresses a theme of powerful cultural and political impact upon which the author puts the tools of semiotics and ethnosemiotic observation to the test, in an attempt to increase the understanding and evaluative capacity of the phenomena.

As the title suggests, it discusses the new types of treatment for mental distress resulting from the closure of mental asylums under the Basaglia legislation of 1978, and inevitably inserted, to some extent and in varying ways, within the constitutive networks of everyday social life, through a fall in receptive facilities in the region and socially transparent care and support options, basically shared.

Galofaro’s analyses profit from a certain astuteness: it does not simply involve describing what occurs; what can be seen by going to the residences of those who have become “users” of social care facilities, but rather compares the various places at the moment of transformation itself or rather attempts to draw suggestions for the analysis of the appreciation ‘in vivo’ of the transformations, more or less critical, of these same places at the time of transfer from normal homes to those dedicated to vacation moments (sea and mountain), betting on the significance of the tactics of readjustment of the value of residential spatiality and on the emergence of significant evaluation of the concrete articulations of this same spatiality.

The transfers, the author tells us, are not painless and the new spaces in which a few weeks a year are spent, require a recalibration of values (which are for the most modal values) related to the appropriation of space by each individual, both user and those offering support. The spaces appear immediately as either lived-in spaces and places for privatization strategies or, conversely, communal; sharing that environment that is destined to become the world of the new daily life.

Furthermore the process combines two different approaches that become complementary for the description of the phenomena in question: on one hand Galofaro works on transcriptions of interviews and conversations with users, drawing a very important indication, that for which the analysis of verbal utterances, once focused on grammatical and enunciation choices, can easily be read as a series of declaratory gestures, real, genuine behaviours that provoke placement of individuals with respect to the spatial structures, temporal and actorial of the discourse, with identifications, sorted and put in perspective; on the other hand there is the observation of somatic behaviours, choices regarding spatial occupation, access or concealment strategies that act to reveal the value attributed to the self in the environment contemporaneously, in a situation in which to establish new inter-relationships (new neighbourhoods, new proximities, new public spaces, etc.; it involves an overall reorganization of the image in which the new portion of the world where one lands, is loaded.

An additional point of interest is that the ethnosemiotic observation enables the mutual determination game to be fully grasped, within the same enhancement dynamic, between intent, routes, actions, actorial strategies, on the one hand, and the objectified structures of space, time, rhythm, obstacles and openings, on the other.

In this way, the suggestion of a very general value is drawn, which is to place the dimension of the value as the authentic dimension for understanding subjectivization and objectification processes; processes that can in this way appear to be correlative in value, in fact, relational poles of respective constitution.

From all this one can then draw information to improve discomfort-management policies, research on the articulations of the sense for and with individual users of local health facilities, all of which, inasmuch as explicitly given as the ultimate goal of the work, it basically emerges almost necessarily, in confirmation of the fact that, more than a response to preconceived problems, changing reality draws its maximum effect from the understanding of phenomena for how they are to be read and how they open up to an in-depth analysis with “a scientific vocation”.

Francesco Marsciani, editor of the Ethnosemiotics notebooks. Associate Professor Department of Arts Scientific discipline sector: M-PHIL/ 05 PHILOSOPHY AND THEORY OF LANGUAGES Publishing company Esculapio First Edition: September 2015 Ethnosemiotics Notebooks is a scientific series. It entrusts the assessment of the quality of published works to public discussion and reviews. It does not rely on other forms of preliminary judgement (particularly anonymous), other than editorial decisions under the explicit responsibility of the Editor.

Francesco Galofaro has a PhD in Semiotics Research and is research associate member of CUBE (Centre University of Bologna, Ethnosemiotics). He teaches semiotics of design at Milan Polytechnic, Faculty of Design; Master in Design & Engineering. He is co-founder and editor of the magazine Ocula. His main areas of research are health, cultural heritage and mathematical linguistics.

For members and supporters who have read the Idealmente Onlus Association article, on the occasion of the Easter celebrations, it includes an amusing video, starring jazz dancer Vittorio Gassman and a greeting to the North East * Ska Jazz Orchestra.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Dopo Gerico – I nuovi spazi della psichiatria

image1

Cari soci e simpatizzanti

L’Associazione Idealmente onlus  augura

Buona Pasqua

 Vi invita a leggere questo quaderno di Etnosemiotica

 del  professor Francesco Galofaro  intitolato

DOPO GERICO

I nuovi spazi della psichiatria

Questa è la prefazione

Clicca qui per la traduzione in inglese ðŸ‡¬ðŸ‡§

Il testo di Francesco Galofaro, terzo numero della collana dei Quaderni di etnosemiotica, affronta un tema di forte impatto culturale e politico sul quale l’autore mette alla prova gli strumenti della semiotica e l’osservazione etnosemiotica nel tentativo di ottenere un incremento di comprensione e di capacità valutativa dei fenomeni.

Si tratta, come si evince dal titolo, dei nuovi tipi di trattamento del disagio psichico risultanti dalla caduta delle mura manicomiali, in virtù della legge Basaglia del ’78, e inevitabilmente inseriti, in una qualche misura e secondo modalità variabili,  all’interno delle reti costitutive della socialità quotidiana, attraverso strutture ricettive calate nel territorio e apparati di cura e sostegno socialmente trasparenti e tendenzialmente condivisi.

L’analisi di Galofaro profitta di un’astuzia: non si tratta di descrivere semplicemente quel che avviene, quel che si può osservare recandosi nei luoghi di residenza di quelli che sono diventati “utenti” delle strutture di cura, bensì di mettere in comparazione tra loro luoghi diversi nel momento della trasformazione stessa, ovvero di tentare di trarre suggerimenti per l’analisi dell’apprezzamento in vivo delle trasformazioni, più o meno critiche, di questi stessi luoghi al momento del trasferimento dalle case abituali a quelle dedicate ai momenti di villeggiatura (mare e  montagna), scommettendo sulla rilevanza delle tattiche di riaggiustamento del valore della spazialità abitativa e sull’emergenza di valorizzazioni significative delle articolazioni concrete di questa stessa spazialità.

I trasferimenti, ci dice l’autore, non sono indolori e i nuovi spazi in cui trascorrere alcune settimane all’anno richiedono una nuova taratura dei valori (che sono per più valori modali) legati all’appropriazione di porzioni di spazio da parte di ciascuno, sia dal lato dell’utenza che da quello degli addetti all’assistenza. Gli spazi appaiono immediatamente come spazi del vissuto e luoghi per strategie di privatizzazione o, al contrario, messa in comune, condivisione, di quell’ambiente che è destinato a diventare mondo della nuova quotidianità.

Il procedimento, inoltre, accosta due diversi approcci che diventano complementari per la descrizione dei fenomeni in questione: da un lato Galofaro lavora sulle trascrizioni di interviste e conversazioni con gli utenti, traendone un’importantissima indicazione,  quella per la quale l’analisi degli enunciati verbali, una volta orientata sulle scelte di tipo grammaticale e enunciazionale, può essere facilmente letta come una serie di gesti enunciativi, comportamenti veri e propri che producono posizionamenti dei soggetti rispetto alle strutture spaziali, temporali e attoriali del discorso,  con identificazioni, scarti e messe in prospettiva; dall’altro lato è l’osservazione dei comportamenti somatici, le scelte di occupazione spaziale, di strategie di accesso o occultamento,  che diventano rivelatrici del valore attribuito al sé all’ambiente al contempo, in una situazione in cui il costituirsi di relazioni intersoggettive nuove (nuovi vicinati, nuove prossimità, nuovi spazi pubblici, ecc. ) comporta un riassetto complessivo dell’immagine di cui si carica la nuova porzione di mondo in cui ci si trova calati.

E, ulteriore elemento di interesse, l’osservazione etnosemiotica permette di cogliere appieno il gioco di reciproca determinazione, all’interno di una stessa dinamica di valorizzazione, tra gli intenti, i percorsi, le azioni, le strategie degli attori, da un lato, e le strutture oggettivate degli spazi, dei tempi, dei ritmi, degli ostacoli, dei varchi, dall’altro.

In questo modo si trae il suggerimento di valore assai generale, che consiste nel porre la dimensione del valore come la dimensione autentica per comprendere i processi di soggettivazione e di oggettivazione, processi che  possono in questo modo apparire come correlativi nel valore, appunto, poli di relazioni di costituzione rispettiva.

Che da tutto questo si possano poi trarre indicazioni per migliorare le politiche di gestione del disagio, che la ricerca sulle articolazioni del senso per e con i soggetti utenti delle strutture sanitarie locali, tutto ciò, per quanto esplicitamente posto come scopo ultimo del lavoro, emerge in fondo quasi  necessariamente, a riprova del fatto che, più che una risposta a problemi precostituiti, la modifica del reale trae il massimo del suo senso dalla comprensione dei fenomeni per come si danno a leggere e per come si aprono ad un’analisi approfondita “a vocazione scientifica”.

Francesco Marsciani, direttore dei quaderni di Etnosemiotica.

Professore associato.

Dipartimento delle Arti

Settore scientifico disciplinare: M-FIL/05 FILOSOFIA E TEORIA DEI LINGUAGGI

Società editrice Esculapio

Prima edizione: settembre 2015

Quaderni di Etnosemiotica è una collana scientifica. Affida la valutazione della qualità dei lavori pubblicati alla discussione pubblica e alle recensioni. Non si affida ad altre forme di giudizio preliminare (in particolare anonime), che non siano le decisioni editoriali sotto la responsabilità esplicita del direttore.

Francesco Galofaro è Dottore di Ricerca in Semiotica e ricercatore membro di CUBE (Centro Universitario Bolognese di Etnosemiotica). Insegna semiotica del progetto al Politecnico di Milano, facoltà di Design, laurea  specialistica in Design&Engineering. E’ co-fondatore e redattore della rivista Ocula. Le sue principali aree di ricerca: salute, cultural heritage, linguistica matematica.

Per i soci e simpatizzanti che hanno letto l’articolo  l’Associazione Idealmente onlus, in occasione delle feste Pasquali regala un video divertente, protagonista Vittorio Gassman ballerino di Jazz. Ed invia un saluto alla

North East *Ska Jazz Orchestra

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

SOLO UN SALTO E LA RAGIONE DIVENTA FOLLIA

LauroraLa protagonista di questo libro, Stefania Laurora, “Solo un salto e la ragione diventa follia” edito da Books & Company di Sergio Tani, Livorno, è una collezione di racconti e pensieri, che si affacciano alla mente della protagonista.

Stefania ha 39 anni e vive a Modena, nella prefazione così si presenta:

“Questa è la mia collezione di racconti e di pensieri, che narrano sia di quando sono capace di vivere la quotidianità, coltivando gli affetti, le emozioni, le idee, le fantasie e i ricordi, sia di quando la malattia mi toglie il senno…

Da tempo porto addosso questo fardello, arrovellandomi sul quando e sul come la ragione, fiaccata dalla sofferenza, diventi follia.

Se talora nella lotta con la malattia ho perso, riducendomi ad un’anima solitaria e disperata, altrettante volte ho vinto, rifiorendo nell’amore per la vita.”

Molte persone hanno l’abitudine di riordinare il loro vissuto mentale, e non ci si riferisce solo alla memoria, che ha proprie risorse, per fare spazio a nuovi ricordi e scartare quelli che non sono importanti. In realtà la nostra mente esprime le credenze, le emozioni, i traumi, i pregiudizi ed i valori.

Nel corso della vita ci andiamo formando una concezione del mondo e di come dovrebbero essere le cose, modelliamo un’idea di chi siamo e dove stiamo andando. Tuttavia, durante gli anni viviamo molte esperienze che possono tradursi in credenze sbagliate, in stereotipi o anche traumi.

Queste esperienze possono diventare un pesante fardello, che è necessario elaborare, per imparare ad eliminare ciò che non ci serve più. Stefania Laurora, con questa sua collezione di pensieri e racconti è diventata protagonista, ha attivato un processo di cambiamento e le sue esperienze, non negate, legate alla malattia hanno assunto un nuovo significato; le emozioni negative del passato, che esistono, non disturbano.

Questa pubblicazione, scritta con tanta passione, termina con un simbolo di speranza:

“Pare finito il tempo degli inni alla gioia, delle voragini di disperazione. Vivere mi viene naturale, come se avessi sempre saputo farlo.

Questo mio corpo non giace più accasciato in un angolo, capro espiatorio di un ‘esistenza accidentata. Non è più veicolo di sofferenza, ma si intreccia stretto con l’anima, in un abbraccio nerboruto che ogni cosa tiene insieme.

Godo della compagnia delle persone. Godo del cibo, del sonno, della fatica, delle ricompense.”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

FUNZIONAMENTI E DISTURBI IN ETA’ EVOLUTIVA

 

 

Proprio in età infantile, preadolescenziale ed adolescenziale emergono i principali disturbi che spesso vengono descritti a carico del sistema individuale. Tale tipo di valutazione, anche se come descrizione risulta riconosciuta e convalidata a livello istituzionale, inevitabilmente si ripercuote sull’organizzazione del sistema familiare di cui il soggetto con patologia fa parte. E’ possibile discriminare a seconda della gravità i disordini individuali; quelli più severi risultano da principio a carico del sistema nervoso centrale nella sua struttura, chiamando in causa ad esempio il ritardo o l’insufficienza mentale che consistono in un difetto del funzionamento intellettivo e dell’adattamento. Tali condizioni, che si manifestano nel periodo evolutivo di solito prima dei 18 anni sono valutate  sulla base del quoziente intellettivo, e si distinguono in deficit mentale profondo, ritardo mentale grave, ritardo mentale moderato, ritardo mentale lieve. La causa del disturbo è molteplice e può coinvolgere anomalie biologiche, cromosomiche o metaboliche; in alcuni casi per difetti nutritivi e per patologia gravidica come ad es. rosolia o alcoolismo. Anche il quadro clinico può variare a seconda dell’intensità del disturbo: nei casi lievi può consentire una vita normale, mentre in quelli gravi può comportare una vita vegetativa, spesso ancora in un istituto specializzato. Nelle famiglie che sono a contatto con questo tipo di disagio le aspettative sono fortemente messe in discussione, e in questi casi sono previsti supporti dal punto di vista economico. Anche i casi di autismo precoce infantile, che coinvolge circa 4-5 casi su 10.000 soggetti, risultano estremamente gravi e comportano spesso un’incapacità nel mettersi in rapporto con gli altri e quindi  un isolamento dalle persone e un distacco dalla realtà. I sintomi iniziano precocemente con apatia e indifferenza alle proposte relazionali della mamma. Il piccolo rimane apatico, indifferente alla presenza degli altri, non comunica verbalmente o mostra gravi anomalie del linguaggio. Può essere in alcuni casi incapace di esprimere sorriso a livello sociale. Possono verificarsi anche difficoltà a livello del gioco esplorativo, e l’aspetto ludico può ridursi ad un movimento monotono e ripetitivo senza il coinvolgimento di alcuno. L’interesse può essere rivolto maggiormente agli oggetti inanimati e le persone possono provocare disagio anche grave poiché è molto sviluppata una sensibilità ai cambiamenti minimi dell’ambiente circostante, risultando indifferente agli stimoli del freddo e del dolore o mostrare reazioni spropositate agli stimoli esterni come comportamenti compulsavi per l’alimentazione e l’addormentamento. Le famiglie che si trovano a far fronte a questo tipo di problematiche, possono essere fortemente messe in discussione sia dal punto di vista organizzativo che strutturale. I sogni e le prospettive vengono stravolte e la realtà si manifesta il più delle volte con le problematiche della quotidianità.

Esistono problemi, sempre con componente prevalentemente genetica, come ad esempio le alterazioni della motilità, che non sono di solito riscontrabili prima dei 4 anni d’età. Tali stati coinvolgono le attività di performance e non sempre implicano difficoltà a livello verbale. Possono prendere la forma di disturbi della coordinazione motoria o di tic. I tic sono movimenti rapidi, improvvisi, involontari, non ritmici, stereotipati vissuti come irresistibili ma è possibile che vengano soppressi con disagio, per minuti o anche per ore. Il disturbo della coordinazione motoria ha come ipotesi un difetto dello sviluppo da lesioni cerebrali minime determinatesi durante la vita intrauterina. Le manifestazioni possono attenuarsi notevolmente quando il livello intellettivo è buono.  Possono essere semplici o complessi e generalmente riguardano occhi, faccia, spalle, produzioni vocali di parole o frasi. Le alterazioni della motilità si possono distinguere in disturbi transitori, quando la durata varia da 2 settimane a 1 anno e in disturbi cronici. Un esempio di difficoltà cronica è la malattia di Gilles de la Torrette in cui, con diversi gradi di compromissione, la persona è invasa da tic multipli che coinvolgono tutto il corpo, che possono mutare nel tempo. In questo caso per la persona il rapporto con gli altri e con il proprio mondo è da sostenere e costruire. Tali valori passano anche attraverso il supporto e l’ascolto dei familiari sui quali spesso ricadono le fatiche del quotidiano.

Meritano di essere menzionati i disturbi dell’alimentazione nell’infanzia e i disturbi delle funzioni evacuative. I primi vengono chiamati con termini quali la pica che consistente in una ripetuta ingestione di sostanze non nutritive come terra, sabbia, plastica, carta, foglie, insetti e la ruminazione che consiste nel rigurgito del cibo dallo stomaco nella bocca per essere espulso o reinserito. In queste circostanze tendono a prevalere nei familiari sentimenti come l’apprensione che vengono prontamente sfogati a livello dei servizi di base. I secondi consiste in un immaturo controllo sfinterico, tale capacità si sviluppa durante i primi 4 anni di vita secondo un ordine.  Per la defecazione il controllo è prima notturno e poi diurno, mentre per l’orinazione viceversa prima diurno e poi notturno. Queste circostanze possono passare ancora inosservate e non analizzate attentamente perché non notate o considerate transitorie o ancora banalizzate, o connotate con imbarazzo.

Esistono anche i disturbi del linguaggio che possono riguardare; l’articolazione (dislalia) in cui sono frequenti e ricorrenti errori dell’articolazione e della pronuncia della parola con distorsioni, omissioni e sostituzioni; l’espressione  la ricezione è l’incapacità a dire o capire le parole più semplici, nonostante il desiderio di farlo; la fluidità comprende  le balbuzie in cui sono frequenti le ripetizioni, prolungamenti di suoni o sillabe, o esitazioni e pause che disturbano la fluidità e il ritmo del discorso; ed in fine la comprensione in cui i significati vengono distorti, fraintesi mal contestualizzati. Esistono anche disturbi dell’apprendimento che consistono nelle difficoltà che i bambini incontrano nei primi anni di scuola con disturbi di calcolo, scrittura o lettura. Le cause precise non sono conosciute e attualmente prevalgono fattori maturativi, cognitivi, socioeconomici, emotivo-conflittuali, educativi.

Anche i disturbi dell’identità di genere che coinvolgono il sentimento di essere maschi o femmine possono veicolare difficoltà e disturbi. Il genere sessuale, è abbastanza definito nei primi 2-3 anni di vita, determinato da fattori biologici e socio-familiari, verso i 4 anni possono evidenziarsi le prime espressioni che si concretizzano in scontentezza e sentimento di disagio per il proprio sesso e la tendenza ad assumere i comportamenti dell’altro sesso (ad es. fare pipì in piedi come i maschietti).

Già nel lattante sono rinvenibili manifestazioni di ansia come pianto, agitazione, grida. Il disturbo d’ansia di separazione in seguito alla separazione dalle persone affettivamente più importanti, dalla casa o dagli ambienti familiari. Appare generalmente verso gli 11-12 anni. Le cause vengono identificate con la separazione che agisce in soggetti molto immaturi e dipendenti. La più frequente è la fobia scolare. Spesso chi ne è effetto è un soggetto coscienzioso, compiacente, conformista, timoroso di perdere la madre, di essere danneggiati fisicamente, che esprime sentimenti di colpa, con paure morbose di malattie, di eventi luttuosi e del buio. Gli adolescenti possono non esprimere le ansie di separazione, ma queste escono attraverso la paura ad allontanarsi da casa, o dal genitore di riferimento con episodi di marcata difficoltà nel sonno.

Ecco che i fattori fisiologici cominciano ad intersecarsi con fattori psicologici, ambientali e via via che l’alterazione della componente biologica si attenua nella sua compromissione le disfunzionalità tendono ad assumere manifestazioni a livello di adattamento ambientale, o di aderenza all’ambiente. Da qui in avanti la descrizione delle manifestazioni del disagio crescono in maniera esponenziale. I tentativi di catalogazione e descrizione vanno continuamente aggiornati, come ad esempio gli ormai famosi manuali DSM e ICD,  essendo una conseguenza di una manifestazione di disagio che si sviluppa a seconda delle conoscenze, degli strumenti tecnici e dei contesi e si connotano con caratteristiche peculiari anche relativamente alla cultura di riferimento.

Negli ultimi anni si è delineato un modello della psicopatologia evolutiva, basato su principi, concetti e metodologie necessari alla comprensione dello sviluppo normale e patologico. In base a questa prospettiva, il soggetto, in ogni momento del ciclo vitale, si confronta con diversi compiti adattivi entro un flusso continuo di interazioni con l’ambiente, in una continua relazione dinamica. Questo tipo di assunto risulta pericoloso, se esportato a contesti diversi da quello della diagnosi, in quanto presuppone una cesura netta fra ciò che è normale e ciò che è patologico, mentre la sfera di commistione risulta enormemente più rilevante anche a livello statistico, sia che l’ambito di indagine prenda in considerazione aspetti individuali o a livello di popolazione. D’altronde nello stesso individuo possono coabitare tali condizioni, e l’una o l’altra può prevalere in determinate circostanze anche in maniera transitoria. Le posizioni nette fra normale e patologico sono descrivibili in un limitato numero di situazioni legate più ad aspetti strutturali, fisiologici o giuridici. Tali classificazioni in ogni caso sono riduttive e svilenti se si tratta di una persona ma sono funzionali, se servono per curare e dare una prospettiva in chiave evolutiva. Non è possibile non descrivere le persone che incontriamo, ma tale descrizione non può essere mai considerata definitiva neppure se prodotta da uno specialista. Semmai la descrizione è un punto di partenza per poter creare una relazione, preferibilmente una relazione di cambiamento, di miglioramento.  Ormai dovrebbe essere diffusa la conoscenza che i motori di tali condizioni di normalità o di patologia sono i medesimi. Di conseguenza considerare la psicopatologia come espressione di un fallimento nella negoziazione dei compiti evolutivi, cui fa seguito un disadattamento o una distorsione è semplicistico e alle volte di scarso aiuto per l’individuo e per il sistema familiare entro il quale è inserito. Il tentativo a livello descrittivo di separare la componente genetica da quella culturale e sociale è molto spesso più ideologica che utile. Diventa quindi essenziale, una volta individuata una difficoltà comprendere i fattori di vulnerabilità e i fattori protettivi che interagiscono con il corso dello sviluppo. Un corollario di tale affermazione consiste nel fatto che geni e ambiente non conducono alle manifestazioni comportamentali senza l’intreccio con la storia adattiva individuale e il contesto familiare e sociale. Il concetto di vulnerabilità, affiancato a quello di stress viene declinato come l’insieme delle caratteristiche interne (corredo genetico, processi neurobiologico, caratteristiche temperamentali) e ambientali (traumi o modalità di caregiving) che possono svolgere il ruolo di meccanismi alla base dello sviluppo di disturbi psichici. La diagnosi pertanto deve essere effettuata in contesti precisi e alla conseguente ed inevitabile etichetta deve conseguire un adeguato percorso abilitativo e riabilitativo. Non è plausibile codificare una difficoltà senza essere in grado di fornire adeguati supporti e strumenti che consentono una prospettiva in termini evolutivi e in termini di miglioramento della qualità della vita individuale e familiare. Questo presupporrebbe un cambio di prospettiva culturale, un superamento  di posizioni in cui l’aspetto centrale non passa attraverso la diagnosi ma è soverchiato dall’aspetto dell’abilitazione, della riabilitazione e del sostegno del potenziale individuale e familiare. Condurre le persone e le famiglie in difficoltà ad una maggior competenza in grado di tener conto delle “cornici” di cui sono parte, cioè dei particolari modi di vedere il mondo in cui si è completamente immersi, e di cui non ce ne rendiamo conto, è una competenza che si può sviluppare soprattutto grazie ad un supporto esterno davvero qualificato.

 

 

Dott. Manuele Del Gobbo

Sitografia

www.scienzedellamente.it

it.wikibooks.org/wiki/Disturbi mentali/Disturbi dell’infanzia,della fanciullezza,e dell’adolescenza

Bibliografia

Arte di ascoltare e mondi possibili. Come si esce dalle cornici di cui siamo parte di Marianella Sclavi – Mondadori Bruno– 2003

Articoli

Paradossi, doppi-legami e circuiti riflessivi: una prospettiva teorica alternativa. Vernon E. Cronen, Kenneth M. Johnson, John W. Lannamann. Family Process, vol 20 marzo 1982.

Teoria dei tipi logici di Russel

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

AUTONOMIA PERSONALE, AUTONOMIA RELAZIONALE

 

 

Per mesi si è dibattuto e si continua  a dibattere sull’argomento dell’autonomia. Anche gli stati e le regioni nominano, richiedono e a volte pretendono di autodeterminarsi. In questi casi  l’accezione del termine è legata ad ciò che è eccezione, a ciò che consente privilegi e deroghe alle norme.

In una posizione qualunquista ciascuno di noi è a suo modo quotidianamente coinvolto, magari per una questione lavorativa o per una questione personale, sul  tema dell’autonomia. Essa riguarda da un lato il concetto di possibilità e dall’altro le abilità e le competenze raggiunte dal singolo individuo. Quando si tratta di indipendenza l’accento può essere posto sulle caratteristiche e sulle capacità individuali. Se pensiamo al processo di sviluppo nella specie umana facilmente lo possiamo accostare all’accrescimento delle competenze del soggetto ad affrontare situazioni che  richiedono scelte via via più complesse. In tal senso il concetto di autonomia è imprescindibile da una possibilità di scelta. Fin da piccolissimi iniziamo a scegliere ciò che piace e ciò che non piace, ciò che gratifica e in un’accezione negativa anche ciò che disgusta. L’autonomia in questa sfumatura di significato ha di sicuro a che fare con concetti ben più alti quali ad esempio la libertà. Ecco che essere autonomi significa decidere e decidere ha una inevitabile collusione con la sfera del pratico, del concreto e del quotidiano.  Questo concetto a volte astratto, e lontano, se calato nella realtà risulta sempre relativo all’individuo e al contesto in cui è inserito. Se ci chiediamo ad esempio qual è l’autonomia per un bambino di 6 anni una risposta plausibile potrebbe ad esempio essere frequentare la scuola primaria, giocare in un contesto protetto o di squadra con i propri amichetti, mangiare da solo, dormire nella propria cameretta o ancora allacciarsi le scarpe. Questo esempio rientra nei canoni classici del nostro mondo occidentale, ma se pensiamo allo stesso bimbo inserito in un paese in via di sviluppo l’indipendenza potrebbe essere rappresentata dal muoversi da solo per strada o dall’aiutare la propria famiglia con uno piccolo reddito generato da lavoro.

Ora l’autonomia è di sicuro relativa al contesto ma essa racchiude in sé anche l’aspetto della potenzialità e del potenziale individuale. Per dirla in maniera dinamica potrebbe rappresentare lo scarto ipotetico fra ciò che l’individuo fa e quello che potrebbe fare, fra quello che gli è consentito fare e quello a cui potrebbe ambire. Ecco allora che comincia a delinearsi il concetto di autonomia come un processo i cui il punto d’arrivo corrisponde ad nuovo punto di partenza. Questo processo è tutt’altro che lineare e procede spesso per salti discontinui, in cui le abilità apprese, come ad esempio andare in bicicletta, difficilmente vengono disimparate a meno di eventi traumatici e quindi debilitanti. Questo processo può essere incrementale, se prendiamo ad esempio un adulto che quotidianamente acquisisce competenze nei vari ambiti in cui è inserito, o decrementale nel caso ad esempio di un anziano che via via perde la propria autonomia ad esempio nei movimenti o nella cura di se.

Ciò che viene chiamato autonomia possibile o  potenziale, è da intendersi come una condizione in cui le potenzialità della persona vengono estremizzate fino ad un livello ottimale che quindi chiama in causa anche concetti non trascurabili quali il benessere, l’appagamento personale, la soddisfazione. Tale condizione è sempre personale ma comunque è subordinata al contesto relazionale in cui ciascuno è inserito. Il contesto quindi oltre a fornire la gamma delle possibilità di scelta impone  limitazioni legate ad esempio alla mera condizione umana, legate ad aspetti fisiologici, legate al ruolo che ciascuno ricopre in famiglia, al lavoro, nella società. Come detto tale concetto ha varie sfaccettature di significato e si concretizza attraverso passaggi pratici.

Anche per chi ricopre nella nostra società il ruolo di paziente psichiatrico essa ha di certo a che fare con il concetto di libertà, di potenzialità, e di decisione, ma anche con quello di dignità e di cura. Proprio questi aspetti si concretizzano attraverso una rete di supporto che coinvolge la quotidianità della cura della persona che passa attraverso il nutrirsi, l’avere un posto caldo dove dormire e dove curare il proprio sé anche attraverso l’igiene personale. Anche potersi muovere con mezzi propri (automobile, bicicletta o mezzi pubblici), una sana alimentazione, riconoscere e gestire le proprie emozioni, costituiscono aspetti fondanti per l’autonomia e il benessere. Ma questi aspetti si sviluppano anche attraverso peculiari relazioni significative, attraverso azioni complesse che coinvolgono la consapevolezza, l’autoefficacia, la motivazione che consentono alla persona di integrarsi al meglio e di interagire con il proprio ambiente familiare, sociale e culturale. Ciascun individuo sicuramente possiede proprie caratteristiche relative al concetto di autonomia, le persone con disturbi mentali possono attraversare condizioni transitorie in cui la libertà, l’autosufficienza, e le capacità decisionali sono fortemente messe in discussione. Nella nostra società raramente vengono minati gli aspetti dell’arbitrio, della libertà e dell’autonomia se non in contesti precisi che riguardano l’ambito giudiziario e quello sanitario con particolare riferimento a quello della salute mentale. Proprio in questo ambito ancora ad oggi la maggior parte delle risorse viene investita sugli individui, ricalcando in pieno la filosofia della nostra società individualista, ed ecco che una necessaria parte dell’autonomia individuale si gioca sull’accesso al lavoro che consente di ottenere denaro da poter fruire ed utilizzare. Questo accesso non essendo sempre possibile in maniera diretta, anche a causa dei limiti intrinsechi alla persona, può avvenire attraverso appositi strumenti e sussidi. Le cooperative sociali hanno la mission di facilitare l’immissione del loro personale nel mondo del lavoro, fino ad arrivare a supporti sempre più corposi come le borse lavoro o i fondi di autonomia possibile (FAP), che consentono inserimenti protetti. Bisogna però ricordare che soprattutto all’interno delle relazioni interpersonali possono verificarsi casi in cui l’indipendenza personale è fortemente minacciata, sono i casi delle piccole grandi costrizioni e soprusi che possono manifestarsi sui luoghi di lavoro e nelle famiglie. Proprio in questi ambiti le risorse destinate all’ascolto, alla consulenza, al supporto, al sostegno, e alla prevenzione sono carenti e si preferisce intervenire a disastro avvenuto, politica per altro utilizzata anche nei recenti casi di calamità ambientali o finanziarie, quando le sofferenze sono eclatanti o destano scalpore pubblico.

Dott. Manuele Del Gobbo

Bibliografia:

P. Watzlawick J.H. Beavin, D. Jackson “Pragmatica della Comunicazone Umana” Casa Editrice Astrolabio 1971

Bateson “Mente e natura” Adelphi Milano 1984.

Bateson “Verso un ecologia della mente” Adelphi Milano 1977.

M. Selvini Palazzoli, L. Boscolo, G. Cecchin, G. Prata. “Ipotizzazione, circolarità, neutralità: tre direttive per la conduzione della seduta”. Family Process, vol 1 n°1 1980.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

SUL SESSO : RISVOLTI SOCIALI ED INDIVIDUALI

 

 

La prima considerazione relativa alla parola sesso, di per sé ambigua, è se si tratta di una caratteristica propria di un individuo o se riguarda un preciso comportamento legato alla sessualità e quindi ad un comportamento sessuale. Dal punto di vista biologico il sesso risulta come un complesso di caratteri atti alla perpetuazione della specie. Relativamente ad un essere vivente nulla è più decisivo del sesso. Esso infatti viene determinato, forse dal caso, al momento della fecondazione. In tal senso le attività che riguardano direttamente ed indirettamente la sfera sessuale nella vita di un individuo sono a dir poco rilevanti per quantità, qualità ed impatto sul benessere e l’integrazione.

Nella specie umana la modalità della riproduzione è quella sessuata; questo procedimento oltre ad essere complesso è anche energeticamente dispendioso, sia per l’individuo che per la società, ma risulta utile in quanto favorisce la variabilità genetica. Le manifestazioni di tali attività, che appaiono in tutte le forme viventi, risultano via via più articolate nelle specie superiori fino ad arrivare alla più ampia variegatura presente nel genere umano. Se dovessimo sviluppare una graduatoria nelle classi inferiori la spinta sessuale non avrebbe confini in una sorta di “tutto permesso” per la perpetuazione della vita. Nelle specie superiori vi sono delle limitazioni che si esprimono a livello di intervalli temporali o stagionali e quindi riguardano, il tempo, lo spazio, e comportamenti peculiari. Nei gruppi umani probabilmente troviamo la più vasta variabilità culturale di accesso alla sessualità, sia sociale che privata. La variabilità porta alla differenziazione in ciò che è permesso, in ciò che è tollerato e in ciò che è proibito, in ambito pubblico e in ambito privato. Nel genere umano le tipologie relative alle attività e alle manifestazioni sessuali rientrano in gran parte delle attività quotidiane, dall’altro l’accesso alla sfera sessuale più intima è modulato, ad un livello privato. In questa alternanza fra pubblico e privato entrano in gioco le variabili culturali. I comportamenti, compresi quelli sessuali, sono sempre inseriti all’interno di un contesto e risultano inscindibili ed imprescindibili da esso. Esistono situazioni legate a comportamenti sessuali o sessualizzati che, pur non configurandosi propriamente come reati, alterano negativamente le relazioni soprattutto all’interno della sfera domestica e familiare. Questi comportamenti in ambito sessuale possono essere legati ad esempio alla masturbazione. Tale attività difficilmente valica la sfera personale e privata e la barriera generazionale ma se ciò avviene possono insorgere problematicità. Tale pratica può assumere tratti aggressivi o valenze ricattatorie e punitive che generano profondo disagio. In tal senso è opportuno qualora si riscontrassero tali comportamenti avvalersi di un consulto e della collaborazione di esperti a livello psicologico considerando l’eventualità che tali comportamenti nascondano problematiche di personalità con ripercussioni in ambito relazionale e sociale.

“Uscendo in strada incappate in un uomo nudo, scalzo, che pronuncia frasi senza senso guardandovi fisso negli occhi” Certamente tale visione desterà in voi preoccupazione, considerato che nella nostra società l’esposizione alla visione degli organi genitali è limitata all’ambito medico e a quello pornografico. Lo stesso comportamento però inserito all’interno di un rituale africano passerebbe inosservato. Partendo dall’esempio proposto approfondire l’argomento legato alla sessualità e al sesso significa inevitabilmente affrontare ciò che è permesso e ciò che è vietato o addirittura perseguito nella nostra società di riferimento. Da un lato ricordo che la promozione di attività sessualizzate nella nostra società è intensiva, stratificata a tutte le classi sociali e d’età della popolazione e pervade le attività quotidiane di ciascuno. Dall’altro l’uso e a volte l’abuso dei media di ciò che è legato al sesso come ad esempio il corpo e la corporeità porta con sé messaggi e miti, (non esenti da insidie) legati al potere, al piacere, al consumo, alla performance. Ciò fa meditare su quello che è il significato che può assumere la sfera sessuale nella nostra sociètà, non più visto unicamente come spinta graduale, positiva,  orientata al futuro ma come valore sociale di scambio. La contraddizione del contesto, sta nel promuovere, nello sponsorizzare, nell’esasperare o estremizzare le posizioni salvo poi celare, ignorare la sessualità quando si presentano come disturbo; ovvero quando si manifesta come problematicità. Ed allora ecco che la scarsa attenzione alla sessualità come disturbo riesce ad emerge solo quando siamo di fronte ad un agito, ad un’emergenza, ovvero quando il problema dalla sfera personale passa ad una dimensione sociale. Proprio in questo passaggio vi è sempre un’omissione, ovvero quando una condizione di sofferenza può trovare sfogo solo con azioni disorganizzate, magari violente e scomposte. Ciò che è vietato a livello sociale riguarda ciò che viene punito come reato che nel caso della sfera sessuale riguarda principalmente i reati come la pedofilia, la pedopornografia, l’incesto, l’abuso, lo stupro. Questi comportamenti che si concretizzano molto spesso fra le mura domestiche, nelle case e nelle famiglie, devono necessariamente valicare la sfera privata e, attraverso l’atto della denuncia, raggiungere una dimensione pubblica. Tali reati, sono connotati dall’inquadramento giuridico come reati contro la persona e vanno smascherati con la convinzione che in questo modo sia possibile tutelare le parti coinvolte, quella “di vittima” ed anche quella “dell’aggressore”. Ma non è sufficiente limitarsi a questo rapporto di causalità lineare fra vittima ed aggressore; non vedere che comportamenti così impattanti hanno delle ripercussioni a livello familiare e microsociale è un atto grave e livello istituzionale. Sul territorio nazionale sono dislocate diversi organi deputati alla tutela del benessere dell’individuo come ad esempio la scuola, che tutela prevalentemente i minori, dei Servizi territoriali come i Centri di Salute Mentale, i Ser.T. e i Consultori Familiari. Le storie di violenza spesso iniziano a prendere voce proprio a questo livello anche se le istituzioni spesso limitano il loro intervento alla diade vittima/aggressore. Si può veramente affermare che in tali circostanze essi siano gli unici attori coinvolti?

Di fronte ad un congiunto, un figlio o un padre, che commette ad esempio il reato di stupro il supporto ai familiari sia della vittima che dell’aggressore è a volte inadeguato. Quando intervengono tali situazioni a livello familiare il relazionarsi all’interno della famiglia inevitabilmente viene stravolto è la gestione di tali drammi è lasciata alla sensibilità o alla responsabilità di ciascun componente. Affrontare le reazioni emotive che situazioni simili innescano, come ad esempio la depressione o di rabbia di un congiunto, il senso di colpa o la vergogna che si distribuiscono su tutti gli interessati, restano il più delle volte inascoltate, non prese in considerazione, lasciate al caso. Se ancora a livello istituzionale non si avverte la necessità di supportare anche i familiari e le persone coinvolte nei reati che riguardano gli aspetti sessuali le tecniche di supporto a tali situazioni esistono già e sono disponibili e vanno dalla psicoterapia familiare ai gruppi di auto mutuo aiuto modulati da esperti.

Quando la responsabilità non è più individuale, ovvero quando la capacità dell’individuo di intendere e volere è limitata e la decisione di come interpretare e contestualizzare i comportamenti sessuali non è più della persona, dell’individuo, della propria individualità, ecco che tale responsabilità ricade sulla società e sull’istituzione. E’ il caso delle persone inabili od interdette che vengono affidate a strutture deputate alla cura. Per tali strutture gli ambiti d’azione spaziano dalla prevenzione di gravidanze, alla responsabilità nei confronti dei pazienti, al coinvolgimento dei familiari. Nel campo della salute mentale gli aspetti legati alla sessualità tropo spesso vengono trascurati, non visti, considerati scomodi, disturbanti o ancora fraintesi, fino a poter creare imbarazzo anche nel rapporto fra operatori e pazienti.

Per la persona affetta da disturbi sessuali, tali comportamenti, spesso incontrollati, causano inevitabilmente forti ansietà e contribuiscono a diminuire una già magari scarsa autostima. Se anche le manifestazioni dei disturbi sessuali come quelli legati al desiderio, all’eccitazione, all’orgasmo, possono sottendere difficoltà ad esempio nella relazione con il partner, le manifestazioni di sessualità a livello pubblico probabilmente nascondono problematiche anche più ampie. Tali comportamenti se non trovano una dimensione propria, uno contesto di sfogo e se non connotati e indirizzati positivamente oltre a negare formidabili opportunità possono facilmente trovare sfogo in manifestazioni sempre più eclatanti. Il disagio è correlato al sentimento di inadeguatezza che tali circostanze contribuiscono ad aumentare.

Non sono nemmeno le situazioni di vicinanza, anche fra pazienti, che devono essere viste come situazioni “pericolose” anche tale tipo di orientamento finirebbe per acuire l’isolamento e l’emarginazione e non aiuterebbe di certo a costruire significati più coerenti per chi magari è alla ricerca di compagnia, di conforto e condivisione di attimi di vita.

Poter parlare, in contesti adeguati e protetti, anche dei comportamenti sessuali inadeguati, consente di accogliere tali manifestazioni e collocarle in un preciso spazio di cura. Se tali manifestazioni coinvolgono anche congiunti e familiari, previa disponibilità, è indispensabile includere in tali processi anche loro con la convinzione che partendo da questo presupposto è possibile contribuire a rendere affrontabili anche  situazioni che appaiono senza via d’uscita.    

Dott. Manuele Del Gobbo

 

  Sitografia: 

www.animalieanimali.it

 www.zam.it/biografia_Claude_Levi+Strauss

 

Bibliografia:

 

“Sessualità e psichiatria: riflessioni a partire da un’intervista a Paolo Rigliano” Connessioni n°25 2010 Sessualità Contesti Identità.

Connessioni n° 20 “Paziente Sistema Persona”

“Freud Casi Clinici” Grandi Tascabili Economici Newton 1994

Claude Levi-Strauss “Il crudo e il cotto” Il saggiatore Tascabili 2008

P. Watzlawick J.H. Beavin, D. Jackson “Pragmatica della Comunicazione Umana” Casa Editrice Astrolabio 1971

G. Invernizzi “Manuale di Psichiatria e Psicologia Clinica” McGraw-Hill 2000.

 

 

 

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

IL GRUPPO DI AUTO MUTUO AIUTO

 

Insieme per affrontare i problemi, insieme per trovare le risorse

L’Associazione Idealmente Onlus offre varie attività di supporto ai familiari di persone con patologie psichiatriche; tra queste i gruppi di auto mutuo aiuto.

La realtà dell’auto-aiuto negli ultimi anni si è affermata sempre più, diventando valido complemento alle risposte offerte dalle istituzioni ai più svariati problemi socio-sanitari (psichiatrici, oncologici, cardiopatie, disturbi dei comportamenti alimentari, dipendenze, ecc.) Read the rest of this entry »

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

RAPPORTI TRA FAMIGLIE E ISTITUZIONI

I rapporti fra famiglie e le istituzioni nel campo della salute hanno nella maggior parte dei casi caratteristiche di verticalità; con questo vincolo i fruitori finali di leggi e servizi hanno scarse occasioni di interazione con gli organi deputati alla tutela della salute ed ancor meno con quelli preposti alla legiferazione in merito alla sanità. L’Unione Europea da voce alle tematiche relative al benessere pubblico tramite la Commissione Europea. Essa è l’organo esecutivo atto a redigere le proposte di leggi in tema di salute, a gestire l’attuazione delle politiche e all’erogare i fondi economici. L’intenzione di questi organismi sovra nazionali è quella di tutelare e promuovere la salute mentale, sensibilizzando la popolazione sugli argomenti ad essa collegati con l’intento di costituire cooperazione e condivisione di buone pratiche fra area politica, esperienza sul campo e ricerca. Le nazioni europee nel 2008 hanno inaugurato il patto per la salute e il benessere mentale, ed hanno fissato 5 punti fondamentali:

  • prevenzione del suicidio e della depressione
  • salute mentale tra i giovani e istruzione
  • salute mentale sul lavoro
  • salute mentale tra gli anziani
  • lotta contro l’esclusione sociale. Read the rest of this entry »
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

INCONTRO CON RON COLEMAN

Ron Coleman

La Violet Film ha prodotto nel 2007, a cura di Mirella Carrozzieri, un DVD che riprende un incontro con Ron Coleman, promosso e realizzato dall’Azienda Unità Sanitaria Locale di Imola, Dipartimento di Salute Mentale, in collaborazione con il Coordinamento gruppi di Auto Mutuo Aiuto di Imola.

La sua biografia ci racconta che, nato in Scozia nel 1958, Ron è segnato indelebilmente fin dall’infanzia da abusi sessuali subiti all’interno di quell’ambito religioso al quale era stato affidato per realizzare il proprio sogno di diventare prete. All’età di 17 anni, si arruola nell’esercito britannico e termina gli studi universitari laureandosi in economia e commercio .In seguito, ad un incidente avvenuto nel 1981 durante una partita di rugby, ritornato al lavoro dopo un periodo di convalescenza, Ron comincia a sentire per la prima volta le voci. In tre mesi il fenomeno peggiora, e così viene ricoverato in ospedale con la diagnosi di schizofrenia cronica. Per 10 anni viene curato dai servizi psichiatrici inglesi senza ottenere alcun miglioramento. Ricomincia a vivere quando comincia a frequentare il gruppo riservato di uditori di voci di Manchester. Gradualmente inizia a dialogare con esse, rendendole prima innocue e poi amiche, confortanti, fino a farle scomparire quasi del tutto nel 1991. Il suo processo di guarigione trova fondamento nel lavoro di Marius Romme e Sandra Escher, i quali affermano che voci e psicosi sono normali risposte a situazioni anormali.

Da quel momento Ron Coleman diventa egli stesso promotore di esperienze di auto mutuo aiuto e di pratiche di collaborazione tra operatori ed utenti, per costruire assieme un percorso di salute mentale. Oggi è diventato formatore e consulente dei servizi psichiatrici inglesi e di tanti paesi in tutto il mondo, tra cui l’Italia.

Con un’appassionata testimonianza di vita Ron Coleman ci racconta quali sono le condizioni che permettono a una persona con una diagnosi di “schizofrenia” di riprendere il controllo della propria vita, di vincere la paura dei sintomi psicotici come le voci e le allucinazioni visive, di superare lo stigma ed essere riconosciuto come cittadino.

Attraverso la sua esperienza aiuta altri ad uscire dalla malattia e dà indicazioni ai tecnici della salute, indicando e promuovendo un nuovo modo di guarigione dalla schizofrenia. Egli nel raccontare la propria vita lancia una sfida verso le istituzioni psichiatriche, affermando che la schizofrenia semplicemente non esiste. Questo disturbo, non ha una causa comune, non ha uguale percorso per tutti, e non ha lo stesso esito. Non ci sono malati da rinchiudere, ma persone sofferenti con paure ed infelicità che sono le nostre pene di ogni giorno ingigantite.

“Le persone possono guarire completamente, velocemente e fuori dai servizi – afferma Ron – purché si combatta la tendenza a ridurre le cause della malattia mentale a motivi biologici. Non mi sono ammalato da un giorno all’altro, ma ho fatto un viaggio verso la malattia, così come ho fatto un viaggio verso la guarigione. Le voci che sentivo non riguardavano i miei geni o la dopamina che circola nel cervello ma erano conseguenza della mia esperienza.

Pertanto era inutile distrarmi con i farmaci ma occorreva che qualcuno mi aiutasse a confrontarmi con esse, a capirle”. Il segreto della sua tecnica, come operatore, risiede nell’ascoltare e interagire con le voci del paziente, cercando di valorizzare e avvicinare al paziente quelle positive e allontanare e contrattare con quelle persecutorie.

Non sedarle attraverso farmaci e costrizioni fisiche sui pazienti, ma renderle tollerabili, accettabili, amiche: non si possono cambiare gli eventi della vita ma si può lavorare sul nostro modo di relazionarci ad essi e di percepirli. Dando un nome alle voci, interrogandole e interpretandole nel loro contesto d’insorgenza spesso si riesce a farle allontanare del tutto, perché si accetta e metabolizza il problema di cui sono portatrici, integrandolo nel vissuto. E proprio nel condividere il modo in cui altre persone hanno imparato a fronteggiare le voci è possibile apprendere le strategie per migliorare la qualità della propria vita e saldare assieme i frammenti di personalità creati dalla malattia.

Per quanto riguarda l’organizzazione dei servizi psichiatrici Ron Coleman afferma che è critica; “spesso sono organizzati per il mantenimento della malattia e non per la guarigione”, ed ogni sistema cura le persone in un certo modo: l’idea della cura è politica e rispecchia i valori della società contemporanea. Ad una modalità di cura imposta dalle istituzioni si affianca una realtà di persone che non credono più nell’autorità psichiatrica di una cura uguale per tutti, poiché non vedono migliorare le persone care.

Libri pubblicati in Italia:

Titolo: Guarire dal male mentale Autore: Ron Coleman Editore:Manifestolibri Data pubblicazione:Roma 2005

Titolo:Lavorare per guarire. Da vittima a vincitore. Guida al benessere mentale Autori:Ron Coleman-Paul Baker-Karen Taylor Editore: Magema – Carcare (SV) Data pubblicazione: 2004

Titolo:Lavorare con le voci Autori:Ron Coleman-Mike Smith Editore:EGA-Edizioni Gruppo Abele – Torino Data pubblicazione:2006

Indirizzi di Ron Coleman: www.roncolemanvoices.co.uk www.workingtorecovry.co.uk

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

UNA VITA POSSIBILE – LA PRESA IN CARICO DELLA FAMGLIA PSICHIATRICA

Nel 2008 vengono ricordati i primi 30 anni di riforma psichiatrica basagliana in Italia: un risultato di civiltà ed allo stesso tempo un traguardo amaro se rapportato alla situazione della Psichiatria in Europa che vede nella struttura totalitaria a tutt’oggi la risposta più condivisa ed utilizzata. Il manicomio alimenta lo stigma della diversità; nello stereotipo comune l’ospedale divide il mondo dei sani da quello dei malati. Anche in Italia, nonostante la prorompente apertura delle case manicomiali e l’affermazione implicita di reali risposte alternative, dobbiamo quotidianamente combattere contro i retaggi di questi marchi della diversità che paiono permanere insiti in tutti noi. In un mondo ormai globalizzato gli individui conservano le paure della diversità, del confronto, dell’altro che potrebbero compromettere una consolidata integrità.

Ma chi sono i malati mentali?

Molteplici sono le definizioni proposte per identificare la malattia mentale, ma è bene ricordare che quando si parla di malattia mentale si fa riferimento ad uno stato di intensa sofferenza psichica, protratto nel tempo, che va ad incidere su tutti gli aspetti del vivere, favorendo l’insorgenza di molteplici altre problematiche (mancanza di lavoro e di relazioni significative, dipendenze, sofferenza legata alla malattia stessa, ecc.). (A) Ciò che è empaticamente comprensibile quando si entra in contatto con situazioni di sofferenza psichica è che alla base del disturbo mentale vi è sempre un evento molto stressante per il paziente.

Di fronte al problema della salute mentale i primi ad essere coinvolti non sono solo i pazienti ma contemporaneamente ad essi anche i famigliari più prossimi. Quando un famigliare, figlio, genitore, marito o fratello si ammala inevitabilmente nei suoi cari suscita un forte impatto emozionale.

La persona affetta da disturbo mentale generalmente non si trova in una condizione di assoluta solitudine ed è accompagnata attraverso tutto il suo percorso dalla sua famiglia anch’essa sottoposta a circostanze fortemente stressogene. La famiglia dunque svolge un ruolo di primaria importanza sia per il paziente che per la società andando ad assorbire quanto più possibile le tensioni emotive generate dalla malattia.

Spesso proprio quando il nucleo del sistema familiare vive un’emergenza psichiatrica e quindi quando viene perturbato significativamente nel suo equilibrio genera una richiesta d’aiuto.

Ma fino a che punto la famiglia può farsi carico di un problema di salute mentale? Potenzialmente fino ad esiti anche catastrofici o risolutivi e peculiarmente con modalità proprie diverse da sistema a sistema. In tal ottica una richiesta d’aiuto è da considerarsi sempre una reazione “sana” all’evento stressogeno.

Non sempre però ad una richiesta d’aiuto corrisponde una reale presa in carico: spesso da un incontro fra utenti e operatori scaturiscono storie di difficoltà minime rispetto alle quali le risorse familiari e le persone tornano a casa con la consapevolezza di essere in grado di risolvere i problemi con le loro forze, perché quest’ultime sono superiori all’impasse. Qualora vi sia una reale “presa in carico” da parte di un professionista o di un Servizio di Salute Mentale essa sarà sostanzialmente tesa alla valutazione, (che richiede tempi adeguati), e alla necessità di fornire una risposta terapeutica mirata e organizzata. (2) Sottostante a questo processo vi è la convinzione del professionista che il sistema familiare, per far fronte alla crisi, abbia la necessità di un supporto esterno; nulla più!

Ciò si rende necessario perché anche di fronte alle più catastrofiche perturbazioni i sistemi rispondono sostanzialmente tentando di ripristinare progressivamente l’equilibrio come descritto da Jackson nell’elaborazione del concetto di omeostasi familiare. Da principio infatti i primi progressivi cambiamenti anche positivi, possono generare nelle famiglie ripercussioni anche violente (depressione, attacchi psicosomatici, e simili) negli altri componenti del nucleo familiare. (3)

Poter agire con il sistema familiare consente da un lato di sostenerlo ed accompagnarlo in modo da evitare che si arrocchi in una situazione di solitudine; dall’altro di progettare un intervento maggiormente articolato per la singola persona interessata. Le sensazioni di abbandono, di solitudine, di disperazione e ancora quelle di non essere compresi, capiti, valorizzati, possono essere mediate, organizzate, restituite e lasciare progressivamente spazio ad un ventaglio di sentimenti con valenza positiva.

L’individuo che soffre di disturbi psichiatrici, sia lievi che gravi, vive e ha continui interscambi con un ambiente, micro- o macro sociale, in grado di slatentizzare, rendere acuto, …ma anche… contenere, ridurre… e guarire… il suo disagio (4).

In questo senso risulta dunque di importanza fondante che all’interno della presa in carico di un paziente psichiatrico la famiglia non venga abbandonata ma altresì sostenuta e valorizzata nelle sue peculiarità. L’individuo affetto da malattia mentale non va dunque inteso come elemento indipendente e staccato dal suo contesto ma integrato all’interno del suo ambiente relazionalmente ed emotivamente. Una forma efficace di sostegno che ponga la famiglia al centro dell’attenzione è rappresentata dalla psicoterapia, peculiarmente dalla psicoterapia di matrice sistemico relazionale e familiare. Questo approccio non avendo a cuore solo il paziente, (pur prevedendo appositi spazi di intervento tesi al benessere del singolo), favorisce per costituzione la continuità tra Servizio di Salute Mentale e famiglia e proprio verso il benessere di quest’ultima indirizza i propri sforzi e le proprie competenze. Il professionista con formazione psicoterapeutica è in grado di fungere da ponte, da interprete e da traduttore fra i bisogni, le necessità, i timori e le perplessità del paziente e della famiglia integrando esigenze competenze e professionalità diverse. Grazie alle evoluzioni della Psicologia e della Psicoterapia, è possibile alleviare e quindi curare i più gravi disturbi mentali di area psicotica e di area borderline e naturalmente è anche possibile intervenire in maniera efficace sui disturbi di area nevrotica, quali per esempio i disturbi d’ansia, le fobie, le nevrosi, le depressioni e le dipendenze.

Risultati positivi sono possibili se vengono abbattute le resistenze e gli attriti, se vengono svelati, compresi e superati modelli di comunicazione ed interazione circolarmente cristallizzati.

Il percorso nel lavoro con le famiglie non può approdare a benefici senza l’imprescindibile impegno, i sacrifici e a volte piccole e grandi sofferenze dei componenti del nucleo familiare, e passa attraverso un percorso di fiducia progressiva, da un affidarsi a un fidarsi e confidarsi.

L’individualizzazione del trattamento è condizione essenziale perché ogni essere umano è a suo modo un diverso.

Dott. Manuele Del Gobbo Psicologo

Bibliografia: (1)(Maria Laura Vittori, La terapia fuori dalla stanza Psicoobiettivo volume ventiduesimo 2 2002) (2)(P. Watzawick, J. H. Beavin, Don D. Jackson, Pragmatica della Comunicazione Umana 1971 Casa Editrice Astrolabio) (3)(C. Bressi in Manuale di Psichiatria e Psicologia Clinica Giordano Invernizzi 2000 Mc Graw – Hill)

Sitografia:

(A) (Serena Lupinetti www.assistentisociali.org)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail